L'acqua del mare, ricca di meduse e ctenofori

Meduse - dottor Iñaki Ruiz-Trillo, ricercatore ICREA all'IBECome ogni estate, è molto probabile che ci tuffiamo in mare e inghiottiamo dell'acqua per sbaglio.

Uno studio condotto da ricercatori dell'Istituto di biologia evolutiva (IBE)(1) - un centro comune del CSIC e dell'Università Pompeu Fabra (UPF)(2) e dell'Istituto di scienze marine (ICM-CSIC)(3) - ha scoperto che, oltre a deglutire composti chimici come i cloruri di sodio, magnesio e centinaia di microrganismi sconosciuti, con ogni deglutizione di acqua di mare potremmo ingerire una grande quantità di cnidari (meduse) e ctenofori, alcuni animali molto simili alle meduse.

Inoltre, i ricercatori hanno identificato un nuovo gruppo di urocordados, animali che di solito sono fissati sul fondo del mare e sono spesso confusi con gli anemoni. I risultati sono stati pubblicati nella rivista Scientific Reports.(4)

Lo studio fa parte del progetto europeo BioMarKs,(5) il cui scopo è quello di studiare la diversità degli organismi unicellulari eucarioti, cioè gli organismi cellulari con un nucleo differenziato. Nell'ambito del progetto, sono state campionate colonne d'acqua e sedimenti di ambienti privi di ossigeno e ossigeno in sei punti di campionamento sparsi lungo la costa europea: Oslo (Norvegia), Roscoff (Francia), Gijón e Blanes (Spagna), Napoli (Italia) e Varna (Bulgaria). I campioni sono stati filtrati per separare i microrganismi in base alla loro dimensione; quindi, è stato estratto il materiale genetico, che è stato sequenziato.

Grandi quantità del gene 18S, ubiquitario nelle cellule eucariotiche e comunemente usato per identificarle, sono state trovate in tutti i campioni come se fossero un codice a barre. Durante lo studio del materiale genetico, è stato osservato che una grande parte del gene 18S apparteneva a organismi non identificati: acellmorphs, flatworms, chaetognatha e Nematodi. D'altra parte, è stato identificato un nuovo gruppo di urocordados.

I risultati confermano ciò che molti studi hanno già evidenziato: sebbene siano descritte più di 1,5 milioni di specie animali, si stima che siano almeno 8,5 milioni in più quelle non identificate. Pertanto, la maggior parte della diversità animale è sconosciuta, principalmente animali microscopici, con una dimensione inferiore a 2-3 mm e conosciuti come micrometazoos. “I risultati mostrano che i biologi hanno ancora molto lavoro da fare per capire la diversità degli animali marini”, dice Iñaki Ruiz-Trillo,(6) (7) ricercatore ICREA all'IBE e anche membro della Facoltà di Biologia e dell'Istituto di ricerca del Biodiversità dell'Università di Barcellona (UB).

Materiale genetico, fonte di cibo

I ricercatori hanno osservato un'alta percentuale di materiale genetico nella più piccola frazione filtrata. Prendendo in considerazione le piccole dimensioni di alcuni gameti animali, hanno stimato che il materiale genetico molto probabilmente proviene dallo sperma di alcuni metazoi con fertilizzazione esterna, soprattutto ctenofori e cnidari. La percentuale di materiale genetico spermatico è particolarmente abbondante (33%) in campioni senza ossigeno.

Data la loro abbondanza, gli scienziati sottolineano che lo sperma potrebbe avere un ruolo importante come fonte di cibo per i microrganismi e lo zooplancton e che, quindi, avrebbe un notevole impatto sulle reti trofiche marine che fino ad ora erano passate inosservate. “Noi ecologi dobbiamo considerare seriamente il ruolo dello sperma come fonte di nutrienti nella rete alimentare, specialmente durante i periodi di deposizione delle uova, in cui i gameti vengono rilasciati nell'ambiente in enormi quantità”, spiega Javier del Campo,(8) ricercatore dell'ICM. CSIC.

Riferimenti:

(1) Instituto de Biología Evolutiva (IBE)

(2) Universitat Pompeu Fabra (UPF)

(3) Institut de Ciències del Mar (ICM-CSIC)

(4) Scientific Reports

(5) BioMarKs

(6) Iñaki Ruiz-Trillo - Universitat de Barcelona

(7) Iñaki Ruiz-Trillo

(8) Javier del Campo

Articolo di riferimento: López-Escardó, D; Paps, J.; de Vargas, C; Massana, R; Ruiz-Trillo, I. & del Campo, J. Analisi Metabarcoding su campioni costieri europei rivela nuova diversità metazoiica molecolare Report scientifici (2018) 8: 9106 DOI: 10.1038 / s41598-018-27509-8 (link)

Foto di pixabay.com

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.