L'intelligenza artificiale interromperà e favorirà il posto di lavoro, afferma uno studioso di Stanford

L'intelligenza artificiale interromperà e favorirà il posto di lavoro, afferma uno studioso di StanfordL'intelligenza artificiale offre sia promessa che pericolo in quanto rivoluziona il luogo di lavoro, l'economia e le vite personali, afferma James Timbie dell'Hoover Institution, che studia l'intelligenza artificiale e altre tecnologie.

Sul posto di lavoro di domani, molti lavori di routine saranno sempre più svolti dalle macchine, lasciando compiti più complicati agli umani che possiedono abilità interpersonali, dice uno studioso di Stanford.

L'intelligenza artificiale e altre tecnologie avanzate promettono progressi in salute, sicurezza e produttività, ma i disagi economici su larga scala sono inevitabili, ha dichiarato James Timbie, un Distinguished Visiting Fellow di Annenberg presso l'Hoover Institution. Si è formato a Stanford come fisico, ha lavorato come senior advisor presso il Dipartimento di Stato dal 1983 al 2016, dove ha svolto un ruolo chiave nel controllo degli armamenti e nel disarmo, e ora studia l'impatto di tecnologie emergenti come l'intelligenza artificiale.

Timbie ha discusso di cosa il futuro potrebbe riservare ai lavoratori(1) in un capitolo del nuovo libro, “Beyond Disruption: Technology's Challenge to Governance”,(2) che ha co-editato con Hoover, George P. Shultz(3) e Jim Hoagland.(4) È stato recentemente intervistato sull'argomento.

In che modo l'emergere dell'intelligenza artificiale influenzerà i singoli lavoratori in futuro?

L'intelligenza artificiale combinata con altre tecnologie avanzate, come la robotica e la stampa 3D, porterà a una produzione più efficiente di beni e servizi. Le macchine possono essere addestrate per eseguire una vasta gamma di compiti cognitivi non di routine e la robotica avanzata può eseguire sempre più compiti manuali. La società nel suo insieme trarrà beneficio dall'aumento della produttività e dai costi inferiori, ma molti lavoratori individuali ne saranno influenzati negativamente. La ricerca indica che la metà dei lavoratori di oggi sono parte di industrie vulnerabili nel breve periodo. In alcuni casi (autisti di camion) le macchine sostituiranno i lavoratori. In altri campi (istruzione e medicina) il lavoro sarà trasformato, con le macchine che assumono alcuni compiti in stretta coordinazione con gli umani esperti che svolgono altri compiti.

I lavori “cognitivi” ben remunerati andranno perduti per l'automazione?

Molti lavori “cognitivi” ben remunerati sono vulnerabili, forse più nel tempo rispetto ai ben pagati posti di lavoro in fabbrica che sono stati persi per la globalizzazione. Un'ampia gamma di occupazioni vulnerabili tradizionalmente occupate da lavoratori ben istruiti e ben retribuiti comprende commercialisti, radiologi, paralegali, sottoscrittori di prestiti, assicuratori, analisti finanziari, traduttori e persino alcuni giornalisti e ingegneri del software.

Come possono esseri umani e macchine lavorare insieme per una maggiore efficienza e produttività?

Un esempio è la diagnosi medica. Una diagnosi è una determinazione di come le informazioni su un paziente si inseriscono in un modello caratteristico di una malattia. Questo è qualcosa che le macchine fanno bene. Le macchine addestrate con archivi digitali e i risultati di milioni di pazienti precedenti possono produrre una diagnosi per un paziente malato, insieme a raccomandazioni per il trattamento e forse ulteriori test. Le macchine possono prendere in considerazione molti più dati e stare al passo con le ultime ricerche meglio di qualsiasi medico. Il ruolo primario del medico sarebbe quello di trasmettere l'esito al paziente e aiutare il paziente a capire e ad accettarlo, in modo che il paziente segua il piano di trattamento.

La ricerca indica che in molti campi, i migliori risultati arriveranno dagli esseri umani supportati da macchine intelligenti - una combinazione di un medico e una macchina, un insegnante e una macchina, ecc.

Nel posto di lavoro del prossimo futuro, le macchine continuerebbero a fare il lavoro computazionale che fanno bene, lasciando altri compiti agli umani che vedono il quadro generale e hanno abilità interpersonali.

In che modo la rivoluzione dell'intelligenza artificiale è diversa dai cambiamenti del lavoro e della tecnologia del XX secolo?

Una grande differenza è il tasso di cambiamento. La transizione dal lavoro manuale alla potenza del vapore, e il successivo passaggio dal vapore all'elettricità, hanno funzionato per decenni. La meccanizzazione dell'agricoltura ha richiesto una generazione, quindi è stato sufficiente educare i figli degli agricoltori con le nuove competenze necessarie per nuove occupazioni. Oggi i cambiamenti stanno arrivando così velocemente che molti lavoratori stessi dovranno imparare nuove competenze per nuovi posti di lavoro.

Un altro problema riguarda la disuguaglianza. L'avanzata tecnologia aumenta la ricchezza e il reddito nazionali e il PIL cresce. Ma questi benefici sono distribuiti in modo non uniforme. Questa crescente disuguaglianza è la continuazione di una tendenza a lungo termine. Secondo i dati del Census Bureau, il reddito familiare medio è pari a quello del 1999, mentre il PIL è aumentato del 38%. La diffusione dell'automazione contribuisce a questa crescente disuguaglianza di ricchezza e reddito.

Consideriamo il software di commercialista. Molte persone ne traggono beneficio perché è economico e facile e possono sistemarsi le tasse da soli. Ma molte persone che si guadagnano da vivere come commercialisti ora trovano il loro lavoro e il reddito minacciati.

In che modo la società può proteggere meglio i lavoratori e prepararli per questo nuovo futuro?

La sfida è quella di facilitare le transizioni a nuove occupazioni con nuove competenze.

Inoltre, verranno creati nuovi posti di lavoro anche quando i lavori tradizionali scompariranno. Nei 200 anni dopo la ribellione luddista, un movimento guidato da lavoratori nell'Inghilterra del XIX secolo che si oppose all'introduzione della tecnologia tessile e ai guadagni in produttività grazie all'avanzamento della tecnologia, ha portato nel tempo a nuove industrie e nuovi posti di lavoro. Potrebbe continuare, o questa volta potrebbe essere diverso.

Poi, ci sono più di 6 milioni di posti di lavoro vacanti oggi, secondo il Dipartimento del lavoro. I datori di lavoro non riescono a trovare candidati qualificati per molti lavori ben retribuiti, il che significa che ci sono potenziali opportunità per i lavoratori dislocati con una formazione adeguata.

Questi nuovi posti di lavoro non si troveranno necessariamente in luoghi vicini, né saranno probabilmente disposti a pagare, almeno inizialmente. I nuovi lavori richiedono nuove competenze.

Alcuni sostengono un reddito di base garantito. La mia opinione è che non c'è carenza di lavoro che necessita di essere fatto. Il denaro non è l'unica cosa; anche un senso di autostima e di posizione nella comunità sono importanti. Quindi, piuttosto che pagare le persone che non lavorano, meglio supportare le transizioni verso nuovi posti di lavoro.

L'attuale programma di assistenza all'adeguamento non ha fatto molto per contrastare l'impatto delle perdite di posti di lavoro attribuiti alla globalizzazione; potrebbe essere ampliato per fornire reddito e assistenza per la formazione e il trasferimento dei licenziamenti a causa dell'automazione e della concorrenza straniera.

Infine, il rapido ritmo del cambiamento rafforza il beneficio di un'abitudine di educazione permanente. I college comunitari e i corsi su internet offrono istruzione e formazione a basso costo su un'ampia varietà di argomenti.

Riferimenti:

(1) Technological change and the workplace (Pdf)

(2) Beyond Disruption: Technology's Challenge to Governance

(3) George P. Shultz

(4) Jim Hoagland

Articolo originale della Stanford University: Artificial intelligence will both disrupt and benefit the workplace, Stanford scholar says / Foto di pixabay.com / Traduzione e adattamento linguistico: Veronica Pesenti

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.