Moria di pulcinelle di mare registrata nel Mare di Bering

Moria di pulcinelle di mare registrata nel Mare di Bering

La moria delle pulcinelle di mare nel Mare di Bering può essere attribuita ai cambiamenti del cibo indotti dal clima.

Una importante moria di uccelli marini nel Mare di Bering potrebbe essere parzialmente attribuibile al cambiamento climatico. Gli uccelli sembravano morti per gli effetti della fame. Questo è quanto sostiene uno studio pubblicato dalla rivista PLOS ONE (1) di Timothy Jones del programma di scienze cittadine COASST presso l'Università di Washington e del team di Lauren Divine (2) della Aleut Community di St Paul Island Ecosystem Conservation Office.

I Puffini Trapuntati che crescono nel mare di Bering, al largo della costa dell'Alaska, si nutrono di pesci e invertebrati marini, che a loro volta si nutrono di plancton oceanico. L'innalzamento della temperatura del mare ha portato a importanti cambiamenti negli ecosistemi oceanici. Uno stato climatico che ha causato anche precedenti eventi di accentuata mortalità di uccelli marini. A partire dal 2014, l'aumento delle temperature atmosferiche e la diminuzione dei ghiacci invernali hanno causato una flessione delle prede ricche di nutrienti nel Mare di Bering, nonché a una migrazione verso nord di alcune specie. Questa tendenza ha causato, nella parte meridionale del mare, una sostanziale diminuzione delle risorse alimentari per le pulcinelle.

Nell'attuale studio, il team del dottor Timothy Jones (3) ha documentato, per un periodo di quattro mesi, un peggioramento della qualità della vita della pulcinella di mare e anche dell'Auklet crestato, sull'isola di St. Paul, una delle Pribilof Islands situate nel sud del Mare di Bering, a circa 480 km a est della terraferma. A partire da ottobre 2016, i membri della tribù e della comunità hanno recuperato oltre 350 carcasse in avanzato stato di decomposizione, per lo più adulti nel processo di muta. Questa moria è stata probabilmente causata da un fattore di stress nutrizionale durante il ciclo di vita degli animali.

Secondo gli autori dello studio, una riduzione delle risorse alimentari prima di entrare nella muta potrebbe aver impedito a molti uccelli di sopravvivere.

Usando i dati del vento per modellare gli arenili, il team ha calcolato che tra 3,150 e 8.500 uccelli potrebbero essere morti nell'evento. Le pulcinelle di tufo erano l'87% di questo totale, ovvero il 40-100% della popolazione delle Isole Pribilofs, il che rende altamente probabile che gli uccelli colpiti provenissero da colonie sparse in tutto il Mare di Bering. In confronto, le pulcinelle di mare hanno costituito meno dell'1% delle carcasse recuperate nella regione negli anni precedenti.

Gli autori suggeriscono che i cambiamenti climatici nell'abbondanza e / o distribuzione delle prede, combinati con l'insorgenza della muta, possano aver causato la morte dei puffini. Bisogna poi tenere conto che in futuro è probabile un'ulteriore variabilità climatica in questa regione. Ulteriori ricerche e osservazioni mostreranno se gli uccelli marini possono rimanere resilienti in un ambiente sempre più variabile.

La dottoressa Lauren Divine precisa: “Questo documento è un'applicazione di successo della scienza dei cittadini nel mondo reale: i residenti dell'isola hanno raccolto dati di alta qualità in tempo reale e hanno fornito a COASST un contesto dettagliato per la loro analisi. Senza la relazione positiva e reciprocamente vantaggiosa costruita in anni di collaborazione questa massiccia perdita di Puffini di mare non sarebbe stata riportata nella comunità scientifica.”

Riferimenti:

(1) Unusual mortality of Tufted puffins (Fratercula cirrhata) in the eastern Bering Sea

(2) Lauren Divine

(3) Timothy Jones

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Unusual mortality of Tufted puffins (Fratercula cirrhata) in the eastern Bering Sea

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.