Meno microfibre con un lavaggio ecosostenibile


Meno microfibre con un lavaggio ecosostenibile

Ogni giorno, quasi 13.000 tonnellate di microfibre, equivalenti a due camion della spazzatura, vengono rilasciate negli ambienti marini europei, ma ciò potrebbe ridursi fino al 30% se facessimo una piccola modifica alle nostre abitudini in lavanderia.

Ogni volta che lavi i tuoi vestiti, migliaia di minuscole microfibre del tessuto vengono rilasciate nei fiumi, nel mare e nell'oceano, causando inquinamento marino. Gli scienziati hanno ipotizzato per qualche tempo che queste microfibre possano causare più danni delle microsfere, che sono state bandite dai prodotti di consumo del Regno Unito e degli Stati Uniti negli ultimi anni.

I ricercatori della Northumbria University hanno lavorato in collaborazione con Procter & Gamble, produttori di Ariel, Tide, Downy e Lenor per il primo importante studio forense sull'impatto ambientale delle microfibre da biancheria per la casa. La loro analisi forense ha rivelato una media di 114 mg di microfibre rilasciate per chilogrammo di tessuto in ciascun carico di lavaggio standard. I risultati sono stati pubblicati dalla rivista scientifica PLOS ONE. (1)

Dato che un rapporto AISE del 2013 indicava che 35,6 miliardi di carichi di lavaggio venivano completati in 23 paesi europei ogni anno, i ricercatori suggeriscono che 12.709 tonnellate di microfibre vengono rilasciate dalle lavatrici nei fiumi, nel mare e nell'oceano ogni anno nella sola Europa. Questo è l'equivalente di due camion della spazzatura che finiscono ogni giorno in ambienti marini.

Tuttavia, i ricercatori hanno ottenuto una riduzione del 30% della quantità di microfibre rilasciate quando hanno eseguito un ciclo di lavaggio di 15°C di 30 minuti, rispetto a un ciclo standard di 40°C di 85 minuti, basato sul tipico riciclaggio di rifiuti domestici. Se le famiglie cambiassero in lavaggi più freddi e più veloci, risparmierebbero potenzialmente 3.813 tonnellate di microfibre rilasciate negli ecosistemi marini in Europa.

I ricercatori hanno scoperto differenze ancora più significative confrontando diversi rilasci di microfibre di diversi tipi di lavatrici nordamericane. Le famiglie del Nord America e del Canada hanno storicamente utilizzato lavatrici tradizionali a carico dall'alto ad alta capienza con un volume medio di acqua di lavaggio di 64 litri. Il mercato si sta gradualmente spostando verso macchine ad alta efficienza che consumano fino al 50% in meno di acqua ed energia per carico.

Di conseguenza, queste macchine ad alta efficienza hanno rilasciato meno microfibre rispetto alle macchine tradizionali a caricamento dall'alto, con esempi notevoli tra cui una riduzione del 70% in microfibre da tessuti in pile di poliestere e una riduzione del 37% da magliette in poliestere.

Altri risultati chiave emersi dallo studio includono:

  • maggiori carichi di lavaggio hanno portato a una riduzione del rilascio di microfibre, a causa di un rapporto inferiore tra acqua e tessuto. Pertanto, il team di ricerca consiglia ai consumatori di riempire - ma non di riempire eccessivamente - le loro lavatrici. Una lavatrice correttamente riempita dovrebbe essere piena per circa tre quarti;
  • i nuovi vestiti rilasciano più microfibre rispetto ai vestiti più vecchi. Il rilascio di microfibra era più evidente nei nuovi vestiti durante i primi otto lavaggi;
  • gli ammorbidenti per tessuti non hanno avuto alcun impatto diretto sul rilascio di microfibra quando testati in condizioni di lavaggio sia europee che nordamericane.

Un nuovo aspetto dello studio è stato il coinvolgimento delle competenze forensi della dottoressa Kelly Sheridan, (2) esperta di fibre tessili forensi che ha lavorato su diversi casi di omicidio di alto profilo. La sua guida ha assicurato che la ricerca potesse essere condotta senza contaminazione incrociata di fibre da altre fonti.

Il team ha applicato metodi di prova utilizzati nella scienza forense, come le tecniche spettroscopiche e microscopiche, per esaminare la struttura e la composizione delle microfibre rilasciate dagli indumenti. Ciò ha permesso di pesare e caratterizzare le fibre per determinare i rapporti tra fibre artificiali e fibre naturali rilasciate dai carichi di lavaggio.

I ricercatori hanno scoperto che il 96% delle fibre rilasciate erano naturali, provenienti da cotone, lana e viscosa, con fibre sintetiche, come nylon, poliestere e acrilico, che rappresentavano solo il 4%.

Un punto positivo da notare è che le fibre naturali da fonti vegetali e animali si biodegradano molto più rapidamente delle fibre sintetiche. Uno studio precedente ha identificato che le fibre di cotone si sono degradate del 76% dopo quasi otto mesi nelle acque reflue, rispetto al solo 4% di deterioramento delle fibre di poliestere. Ciò significa che le fibre naturali continueranno a degradare nel tempo, mentre le microfibre a base di petrolio si sono stabilizzate e si prevede che rimarranno negli ambienti acquatici per un periodo molto più lungo.

John R. Dean, (3) professore di scienze analitiche e ambientali presso la Northumbria University, che ha guidato lo studio, ha dichiarato: «Questo è il primo grande studio per esaminare i carichi di lavaggio domestici reali e la realtà del rilascio di fibre. Siamo rimasti sorpresi non solo dalla pura quantità di fibre provenienti da questi carichi di lavaggio domestici, ma anche per vedere che la composizione delle microfibre che escono dalla lavatrice non corrisponde alla composizione degli indumenti che entrano nella macchina, a causa del modo in cui i tessuti sono costruiti. Trovare una soluzione definitiva all'inquinamento degli ecosistemi marini da parte delle microfibre rilasciate durante il riciclaggio richiederà probabilmente interventi significativi sia nei processi di produzione di tessuti che nella progettazione di apparecchi per lavatrici».

Neil Lant, Research Fellow di Procter & Gamble, ha dichiarato: «Questo studio ha dimostrato che le scelte dei consumatori nel modo in cui fanno il bucato possono avere un impatto significativo e immediato sull'inquinamento da microfibra. Ciò non eliminerà il problema ma potrebbe raggiungere un significativa riduzione a breve termine mentre vengono sviluppate e commercializzate altre soluzioni come filtri per lavatrice e indumenti a bassa dispersione.»

I ricercatori affermano che lo studio fornisce prove ai produttori di elettrodomestici per introdurre sistemi di filtraggio nella progettazione di macchine e sviluppare approcci per ridurre il consumo di acqua in lavanderia. I prodotti per il bucato Procter & Gamble, come Ariel Pods, sono adatti alle basse temperature e l'azienda intende utilizzare queste prove per apportare ulteriori innovazioni per consentire ai consumatori di lavare a basse temperature senza compromettere le prestazioni. Essi sperano anche che incoraggerà i produttori tessili ad aiutare conducendo un prelavaggio filtrato per rimuovere le fibre più labili che possono facilmente rompersi e spostarsi.

La Northumbria University è riconosciuta come leader mondiale per la sostenibilità nelle classifiche Impact del Times Higher Education per il contributo che fornisce agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Le classifiche riconoscono il modo in cui operano le università e in che modo la loro ricerca e le loro partnership stanno portando benefici sociali, ambientali ed economici a livello regionale, nazionale e internazionale.

Riferimenti:

(1) Microfiber release from real soiled consumer laundry and the impact of fabric care products and washing conditions

(2) Kelly Sheridan

(3) John R. Dean

Descrizione video: Come ridurre l'impatto della perdita di microfibra quando si lavano i vestiti. - Credit: Northumbria University.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Thousands of tons of ocean pollution can be saved by changing washing habits

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.