Le piante fluviali proteggono la biodiversità


Le piante fluviali proteggono la biodiversità

Le piante fluviali possono sia contrastare le inondazioni che prevenire il prosciugamento, proteggendo così la biodiversità.

'Le piante acquatiche sono un fastidio nei corsi d'acqua, bloccando il flusso. Dovresti rimuoverli'. Questa nozione ha determinato per molti anni il modo in cui i flussi sono stati gestiti per prevenire le inondazioni durante eventi di alta piovosità. Una ricerca della scienziata NIOZ Loreta Cornacchia, (1) pubblicata sulla rivista Proceedings of the Royal Society B, (2) in collaborazione con l'Università di Utrecht e partner britannici e belgi, mostra come la vegetazione nei torrenti possa effettivamente tamponare i livelli dell'acqua, regolando la copertura vegetale. Adattando il modello dei gruppi di piante ai cambiamenti nello scarico, le piante fluviali possono sia contrastare le inondazioni che prevenire il prosciugamento, proteggendo così la biodiversità. Cornacchia: «Forniscono un cuscinetto naturale contro i cambiamenti idrologici».

Enormi implicazioni per la gestione dell'acqua

«Le implicazioni per la gestione dell'acqua sono enormi», afferma la dottoressa Cornacchia. L'attuale strategia di rimozione delle piante non minaccia solo un livello dell'acqua naturalmente equilibrato, ma minaccia anche la biodiversità di un torrente. Le acque interne sono punti caldi di acqua dolce per la biodiversità e la vegetazione è il suo guardiano. Fornisce habitat e cibo per invertebrati e pesci, aiuta a stabilizzare le rive del fiume e rimuove i nutrienti in eccesso dall'acqua.

Sorprendentemente, durante un'ampia ricerca empirica e il campionamento in due siti di ruscelli nel Regno Unito, i ricercatori hanno osservato che gli aggiustamenti della copertura vegetale hanno portato a un livello dell'acqua e un regime di flusso più costanti. La dottoressa Cornacchia dichiara: «Abbiamo effettivamente osservato che le piante determinavano il flusso dell'acqua, piuttosto che il contrario. In questo modo, la vegetazione acquatica sommersa nei fiumi garantisce che gli organismi che dipendono dall'ambiente acquatico per persistere possano rimanere nel torrente tutto l'anno».

Una soluzione basata sulla natura

Ad alti flussi, la vegetazione viene spinta lateralmente o addirittura spostata, mantenendo una corsia aperta nel mezzo per il traffico ad alto flusso. Durante i periodi di basse portate, le piante acquatiche intasano gradualmente il torrente, impedendo così all'acqua di defluire rapidamente. Questo cosiddetto processo di auto-organizzazione contrasta la variazione del flusso d'acqua che i flussi sperimentano attraverso le stagioni. La dottoressa Geraldene Wharton, (3) professoressa presso la Queen Mary University di Londra nel Regno Unito e coautore dello studio, aggiunge: «La nostra ricerca mostra l'importante capacità di tamponamento della vegetazione all'interno del flusso sia contro i flussi bassi che quelli alti mantenendo anche ecosistemi sani: una natura - soluzione basata sulla regolazione del flusso».

Cornacchia: «Questo approccio più basato sulla natura al controllo dei livelli dell'acqua sfrutta i processi naturali piuttosto che il controllo umano per mantenere i punti caldi della biodiversità. Un approccio particolarmente rilevante alla luce del previsto aumento di forti piogge e siccità dovute ai cambiamenti climatici. La capacità della vegetazione di adattarsi attraverso l'auto-organizzazione mostra un grande potenziale per mitigare gli effetti sia delle inondazioni che dei bassi livelli dell'acqua. La comprensione delle piante auto-organizzate e la comprensione del loro ruolo nella resilienza degli ecosistemi è essenziale in un futuro governato dal cambiamento globale».

Riferimenti:

(1) Loreta Cornacchia

(2) Self-organization of river vegetation leads to emergent buffering of river flows and water levels

(3) Geraldene Wharton

Descrizione foto: Le acque interne sono punti caldi di acqua dolce per la biodiversità. Occupando solo l'uno per cento della superficie del pianeta, ospitano il dieci per cento di tutte le specie. - Credit: Loreta Cornacchia.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: River plants counter both flooding and drought to protect biodiversity

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.