Le foreste più vecchie resistono al cambiamento del clima

Le foreste più vecchie resistono al cambiamento del clima

Secondo alcuni studi, con l'età le foreste negli Stati Uniti orientali e in Canada diventano meno vulnerabili ai cambiamenti del clima.

Una nuova ricerca dell'Università del Vermont sostiene che le foreste più vecchie nell'America settentrionale e orientale sono meno vulnerabili ai cambiamenti climatici rispetto alle foreste più giovani, in particolare per lo stoccaggio di carbonio, la produzione di legname e la biodiversità.

Lo studio, pubblicato da Global Change Biology, (1) ha analizzato come i cambiamenti climatici influenzeranno le foreste degli Stati Uniti orientali e del Canada. Secondo la ricerca, l'aumento dell'età aiuta a salvaguardare le foreste dai cambiamenti climatici.

Il dottor Dominik Thom, (2) autore principale e ricercatore postdottorato della UVM's Rubenstein School of Environment and Natural Resources di UVM e Gund Institute for Environment, (3) afferma: “questo studio dimostra che le foreste più vecchie dell'Alto Midwest nel New England sono eccezionalmente resistenti al clima. Abbiamo constatato che i servizi essenziali sono protetti meglio dai cambiamenti climatici da parte delle foreste più vecchie. Questo fenomeno è una pietra miliare nel dibattito su come preparare le nostre foreste per le incerte condizioni ambientali che ci attendono.”

Analizzando grandi quantità di dati sul campo provenienti da 18.500 appezzamenti di foreste - dal Minnesota al Maine e dal Manitoba alla Nuova Scozia - lo studio identifica le regioni prioritarie per gli sforzi di adeguamento al clima delle foreste. Le foreste più giovani situate a est e sud-est dei Grandi Laghi erano meno resistenti ai cambiamenti climatici, mostrando un calo previsto dello stoccaggio del carbonio, del legname e della biodiversità.

Il dottor William Keeton, (4) professore forestale della Rubenstein School e dell'Istituto Gund della UVM, afferma: “il nostro studio identifica le opportunità per rendere la gestione forestale più adattabile ai cambiamenti globali. Questo potrebbe, ad esempio, includere il miglioramento delle condizioni delle foreste più vecchie sui paesaggi all'interno delle riserve, l'uso di cicli di taglio estesi accompagnati da mirate strategie di ripristino.”

Mentre lo studio ha rilevato che la resilienza climatica delle foreste è aumentata con l'età, gli scienziati spesso caratterizzano le foreste più vecchie di età superiore ai 150 anni. Le foreste più antiche sono strutturalmente più complesse: gli alberi sono più alti e gli spazi vuoti sono più ampi. Questo permette di avere più aree in crescita con una più ampia disponibilità di luce per un mix di specie.

Il dottor William Keeton spiega: “questa ricerca presenta nuove scoperte che sicuramente aiutano la nostra comprensione delle dinamiche forestali. Le tipologie dei servizi ecosistemici e di biodiversità forniti oggi sui paesaggi forestali sono suscettibili di cambiare drasticamente in futuro, sia con l'invecchiamento delle foreste che con i cambiamenti climatici - un messaggio rilevante per chiunque sia interessato alle foreste.”

Riferimenti:

(1) The climate sensitivity of carbon, timber, and species richness covaries with forest age in boreal–temperate North America

(2) Dominik Thom

(3) Gund Institute for Environment

(4) William Keeton (Bill)

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Older Forests Resist Change – Climate Change, That Is

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.