Le calotte glaciali si stanno sciogliendo


Le calotte glaciali si stanno sciogliendo

Utilizzando il più avanzato strumento laser per l'osservazione del globo terrestre, un team di scienziati guidato dall'Università di Washington ha effettuato misurazioni precise di come le calotte glaciali della Groenlandia e dell'Antartico hanno subito una perdita netta di ghiaccio nel corso di 16 anni.

In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science (1), gli scienziati hanno scoperto che la perdita netta di ghiaccio dell'Antartide, insieme alla calotta glaciale calante della Groenlandia, è responsabile dell'innalzamento del livello del mare di 14 millimetri nell'oceano globale dal 2003 In Antartide. L'innalzamento del livello del mare è causato principalmente dalla perdita delle piattaforme galleggianti di ghiaccio che si sciolgono in un oceano caldo. Le piattaforme di ghiaccio aiutano a trattenere il flusso di ghiaccio terrestre nell'oceano.

I risultati provengono da Satellite, Cloud e terra Elevation Satellite 2 (ICESat-2), che è stato lanciato in orbita nell'autunno 2018 (2) e ha iniziato a prendere misurazioni dettagliate sull'altitudine globale, comprese le regioni ghiacciate della Terra. Confrontando i nuovi dati con le misurazioni effettuate dall'ICESat originale dal 2003 al 2009, i ricercatori hanno generato un ritratto completo delle complessità del cambiamento della calotta glaciale e approfondimenti sul futuro della Groenlandia e dell'Antartide.

Il dottor Benjamin Smith, (3) un glaciologo dell'Università di Washington, afferma: «Se si osserva un ghiacciaio o una calotta glaciale per un mese o un anno, non si può pretendere di imparare molto sui suoi mutamenti causati dai cambiamenti climatici. Ora possiamo esaminare e comparare i dati di un arco di 16 anni tra ICESat e ICESat-2 e possiamo essere molto più fiduciosi che i cambiamenti nel ghiaccio hanno a che fare con i mutamenti a lungo termine nel clima. Lo strumento ICESat-2 è davvero notevole per effettuare queste misurazioni. Stiamo assistendo a misurazioni di alta qualità che ricoprono entrambi gli strati di ghiaccio, il che ci consente di fare un confronto dettagliato e preciso con i dati ICESat.»

Precedenti studi sulla perdita o il guadagno del ghiaccio spesso analizzano i dati di più satelliti e missioni aviotrasportate. Il nuovo studio considera un solo tipo di misurazione - l'altezza misurata da uno strumento che rimbalza gli impulsi laser dalla superficie del ghiaccio - fornendo un quadro più dettagliato e accurato del cambiamento della calotta di ghiaccio fino ad oggi.

I ricercatori hanno tenuto traccia delle misurazioni ICESat e hanno sovrapposto le tracce più dense delle misurazioni ICESat-2 dal 2019. Dove i due set di dati si sono incrociati - decine di milioni di siti - hanno eseguito i dati attraverso programmi informatici che spiegavano la densità della neve e altri fattori, e quindi si è calcolata la massa di ghiaccio perso o guadagnato.

«La nuova analisi rivela la risposta delle calotte glaciali ai cambiamenti climatici con dettagli senza precedenti, rivelando indizi sul perché e sul modo in cui le calotte glaciali stanno reagendo così come sono», ha dichiarato il coautore Alex Gardner, (4) un glaciologo del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California.

Lo studio ha rilevato che la calotta glaciale della Groenlandia ha perso una media di 200 gigatoni di ghiaccio all'anno e la calotta glaciale dell'Antartide ha perso una media di 118 gigatoni di ghiaccio all'anno. Un gigatone di ghiaccio è sufficiente per riempire 400.000 piscine olimpioniche. Il dottor Benjamin Smith e i suoi colleghi hanno scoperto che l'innalzamento del livello del mare, derivante dalla fusione della calotta glaciale e dal parto dell'iceberg, proviene da circa i due terzi dalla Groenlandia e l'altro terzo dall'Antartide.

Il dottor Tom Neumann, co-autore al Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, spiega: «Ha destato molta soddisfazione vedere quanto fossero interessanti i dati dell'ICESat-2. Questi primi risultati, osservando il ghiaccio terrestre, confermano il consenso di altri gruppi di ricerca, ma ci permettono anche di guardare contemporaneamente i dettagli del cambiamento nei singoli ghiacciai e dei banchi di ghiaccio.»

In Groenlandia, il dottor Smith ha affermato che si è verificata una significativa riduzione del diradamento dei ghiacciai costieri. I ghiacciai Kangerlussuaq e Jakobshavn, ad esempio, hanno perso dai 4 ai 6 metri di altitudine all'anno. Le temperature estive più calde hanno sciolto il ghiaccio dalla superficie dei ghiacciai e delle calotte glaciali, e in alcuni punti l'acqua dell'oceano più calda erode il ghiaccio sui loro fronti.

In Antartide, le tracce dense delle misurazioni ICESat-2 hanno mostrato che la calotta glaciale sta diventando più spessa in alcune parti dell'interno del continente, probabilmente a causa dell'aumento delle nevicate, ha detto Smith. Tuttavia, la perdita di ghiaccio dai margini del continente, specialmente nell'Antartide occidentale e nella penisola antartica, supera di gran lunga qualsiasi guadagno all'interno. In quei luoghi, anche l'oceano è probabilmente responsabile.

«In Antartide occidentale, stiamo vedendo molti ghiacciai diradarsi molto rapidamente», ha detto Smith. «Ci sono banchi di ghiaccio all'estremità a valle di quei ghiacciai, che galleggiano sull'acqua. E quei banchi di ghiaccio si stanno assottigliando, lasciando scorrere più ghiaccio nell'oceano mentre l'acqua più calda erode il ghiaccio.»

Queste piattaforme di ghiaccio, che si alzano e si abbassano con le maree, possono essere difficili da misurare, ha affermato la coautrice Helen Amanda Fricker, (5) una glaciologa della Scripps Institution of Oceanography dell'Università della California, San Diego. Alcuni hanno superfici ruvide, con crepacci e creste, ma la precisione e l'alta risoluzione di ICESat-2 consentono ai ricercatori di misurare i cambiamenti globali, senza preoccuparsi di queste caratteristiche che distorcono i risultati.

Questa è una delle prime volte in cui i ricercatori hanno misurato la perdita delle piattaforme galleggianti di ghiaccio intorno all'Antartide contemporaneamente alla perdita della calotta glaciale del continente. Il ghiaccio che si scioglie dalle piattaforme di ghiaccio non aumenta il livello del mare, poiché sta già fluttuando - proprio come un cubetto di ghiaccio in una tazza piena d'acqua non trabocca il bicchiere. Ma le piattaforme di ghiaccio forniscono stabilità per i ghiacciai e le calotte glaciali dietro di loro.

«È come un contrafforte architettonico che regge una cattedrale», ha detto Fricker. «I banchi di ghiaccio reggono la calotta di ghiaccio. Se togli i banchi di ghiaccio o anche se li assottigli, stai riducendo quella forza di rinforzo, in modo che il ghiaccio a terra possa fluire più velocemente.»

I ricercatori hanno scoperto che le piattaforme di ghiaccio nell'Antartide occidentale, dove si trovano molti dei ghiacciai più veloci del continente, stanno perdendo massa. I modelli di diradamento mostrano che le piattaforme di ghiaccio Thwaites e Crosson si sono assottigliate di più, una media di circa cinque metri e tre metri di ghiaccio all'anno, rispettivamente.

Lo studio è stato finanziato dalla NASA. Altri co-autori sono Johan Nilsson e Fernando Paolo presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA; Brooke Medley, Thorsten Markus e H. Jay Zwally presso il Goddard Space Flight Center della NASA; Nicholas Holschuh all'Amherst College; Susheel Adusumilli presso l'Università della California, San Diego; Kelly Brunt all'Università del Maryland; Bea Csatho all'Università di Buffalo; Kaitlin Harbeck presso KBR; Matthew Siegfried alla Colorado School of Mines.

Riferimenti:

(1) Pervasive ice sheet mass loss reflects competing ocean and atmosphere processes

(2) Around the Pier: NASA Launches World’s Most Advanced Ice-Measuring Satellite into Orbit

(3) Benjamin Smith

(4) Alex Gardner

(5) Helen Amanda Fricker

Descrizione foto: ciò mostra la quantità di ghiaccio ottenuta o persa dall'Antartide tra il 2003 e il 2019. I colori rossi e viola scuri mostrano grandi tassi medi di perdita di ghiaccio vicino alle coste, mentre il blues mostra tassi più bassi di guadagno di ghiaccio all'interno. Il ghiaccio perso vicino alle coste, in particolare l'Antartide occidentale e la penisola antartica, supera ampiamente i guadagni all'interno. I banchi di ghiaccio di Thwaites e Crosson (visti proprio sotto la penisola) si sono assottigliati di più. Le due piattaforme di ghiaccio hanno perso cinque metri e tre metri di ghiaccio all'anno, rispettivamente, tra il 2003 e il 2019. Il cerchio nel mezzo è sopra il Polo Sud dove lo strumento non raccoglie dati. Le calotte glaciali insieme hanno perso abbastanza ghiaccio nell'oceano per innalzare il livello del mare globale di circa 14 millimetri tra il 2003 e il 2019. Dell'innalzamento del livello del mare globale da fondale di ghiaccio e iceberg parto, circa due terzi provenivano dalla Groenlandia e il resto dall'Antartide. - Credit: Smith et al./Science.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: First results from NASA’s ICESat-2 map 16 years of melting ice sheets

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.