La crisi climatica invecchia pesci, anfibi e rettili


La crisi climatica invecchia pesci, anfibi e rettili

Le condizioni climatiche stanno cambiando a un ritmo senza precedenti, interessando principalmente pesci, anfibi e rettili, animali ectotermici che non sono in grado di generare il proprio calore interno. Con le ondate di calore e temperature in aumento, questi organismi sperimentano non solo un aumento dei tassi di crescita e stress da calore, ma anche un ulteriore invecchiamento.

Pesci, anfibi e rettili sono animali conosciuti come ectotermi, il che significa che non possono controllare attivamente la loro temperatura interna e sono regolati da quella dell'ambiente. Di fronte ad un aumento della temperatura causato dal cambiamento climatico, questi organismi sperimenteranno un aumento della loro temperatura corporea che avrà gravi conseguenze per loro.

Infatti, i cambiamenti ambientali li stanno già alterando, come hanno dimostrato diversi studi negli ultimi anni. I loro tassi di crescita sono già più rapidi quando le temperature sono più elevate e sono soggetti a stress da calore da eventi estremi come le ondate di calore.

Il dottor Germán Orizaola, (1) ricercatore presso il Joint Institute per la ricerca sulla biodiversità dell'Università di Oviedo, spiega a SINC: «Le ondate di calore portano gli animali fuori dalle loro preferenze termiche, al punto anche di raggiungere i loro limiti di tolleranza alla temperatura. Più lunghe e frequenti sono le ondate di calore, maggiore è il loro impatto sulla fisiologia degli ectotermi».

Ora, questo esperto, insieme a un team internazionale di scienziati, ha esaminato altri effetti dell'aumento della temperatura su pesci, anfibi e rettili nella letteratura scientifica. I risultati di questo articolo, pubblicato sulla rivista Global Change Biology, (2) suggeriscono che ci sarà un impatto del cambiamento climatico sui loro tassi di invecchiamento.

«Tassi di crescita più elevati genereranno squilibri fisiologici negli ectotermi, aumentando, ad esempio, il danno ossidativo alle proteine e al DNA, che può anche interessare i telomeri, le sezioni ripetute di DNA non codificante situate alle estremità dei cromosomi», afferma Orizaola.

I telomeri, che forniscono stabilità e proteggono le sequenze codificanti dalla perdita alla fine del cromosoma, possono essere accorciati o persi ogni volta che una cellula si divide. Più velocemente una cellula si divide e più alti sono i livelli di stress ossidativo, più velocemente viene erosa la lunghezza del telomero.

«Poiché i telomeri proteggono il DNA, più velocemente si perdono i telomeri, più velocemente le cellule si degradano e il corpo invecchia. Questo chiaro legame tra cambiamento climatico e invecchiamento è descritto per la prima volta nel nostro articolo», spiega il ricercatore.

Aspettativa di vita più breve nelle popolazioni

Questo rapido invecchiamento, causato dal cambiamento climatico, può avere gravi conseguenze per le popolazioni naturali. «Una conseguenza piuttosto chiara è che se si riduce l'aspettativa di vita degli individui in una popolazione, la loro capacità di produrre prole potrebbe essere compromessa», avverte Orizaola.

Con una durata della vita ridotta, qualsiasi fenomeno esterno come una grave siccità, inondazioni, malattie o ondate di caldo ridurrà la capacità di recupero delle popolazioni e il tempo necessario per produrre abbastanza prole diminuirà. Inoltre, come sottolineano gli scienziati, gli effetti sull'invecchiamento di una specie possono influenzare altre specie che fanno parte della sua rete ecologica, ad esempio, se colpisce il numero di prede, concorrenti, parassiti, ecc.

«Questo è un campo che è stato appena esplorato fino ad ora, ma tutto indica che potrebbe essere un altro dei possibili problemi che deve affrontare la fauna selvatica esposta ai cambiamenti climatici. Ad esempio, se una specie (diciamo un pesce) viene catturata per motivi commerciali, è importante sapere che il cambiamento climatico può ridurre la sua durata di vita quando vengono definiti i tassi di cattura e vengono valutati i dati demografici della popolazione», sottolinea il coautore dell'Università di Oviedo. A suo avviso, conoscere gli effetti della crisi climatica sull'invecchiamento dell'ectotermia aiuterebbe a progettare migliori programmi di conservazione e gestione.

D'altra parte, le specie che sono già in pericolo e con una popolazione di piccole dimensioni possono essere ancora più minacciate se si vuole ridurre l'aspettativa di vita, quindi è necessario attuare misure di conservazione. Con altre specie, il cui habitat può essere influenzato dall'aumento delle temperature, «potrebbe essere necessario considerare il trasferimento di questi esemplari in un habitat più adatto», conclude lo scienziato.

Riferimenti:

(1) Germán Orizaola

(2) Climate change and ageing in ectotherms

Descrizione foto: Esemplare di lucertola smeraldo iberica (Lacerta schreiberi) nella regione di La Vera (Cáceres, Spagna). - Credit: Adeline Marcos.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Climate crisis ages fish, amphibians and reptiles

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.