L'innalzamento globale dei mari prosegue


L'innalzamento globale dei mari prosegue

Uno studio internazionale suggerisce che l'innalzamento medio globale del livello dei mari potrebbe superare 1 metro nel 2100 e 5 metri nel 2300 se gli obiettivi globali sulle emissioni non verranno raggiunti.

Lo studio ha utilizzato le proiezioni di oltre 100 esperti internazionali per i cambiamenti globali del livello del mare in due scenari climatici: emissioni basse e alte. Esaminando le ricerche di una vasta gamma di leader nel settore, lo studio offre una più ampia garanzia per le futuristiche proiezioni relative all'innalzamento del livello del mare.

In uno scenario in cui il riscaldamento globale è limitato a 2 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali, gli esperti hanno stimato un aumento di 0,5 metri nel 2100 e da 0,5 a 2 metri nel 2300. In uno scenario ad alte emissioni con 4,5 gradi Celsius di riscaldamento, gli esperti hanno stimato un aumento maggiore da 0,6 a 1,3 metri nel 2100 e da 1,7 a 5,6 metri nel 2300.

Il professor Benjamin P. Horton, (1) presidente della Asian School of the Environment della NTU, che ha guidato il sondaggio, ha affermato che le proiezioni di innalzamento del livello del mare e la conoscenza delle loro incertezze sono fondamentali per prendere decisioni informate di mitigazione e adattamento. Egli ha dichiarato: «La complessità delle proiezioni sull'aumento del livello del mare e l'enorme quantità di pubblicazioni scientifiche pertinenti rendono difficile per i responsabili politici avere una visione d'insieme dello stato della scienza. Per ottenere questa visione d'insieme, è utile sondare i principali esperti sull'aumento previsto del livello del mare, che fornisce un quadro più ampio degli scenari futuri e informa i responsabili politici in modo che possano preparare le misure necessarie.»

Pubblicate su Nature Partner Journals Climate and Atmospher Science, (2) le proiezioni dell'innalzamento del livello del mare superano le precedenti stime dell'International Panel on Climate Change (IPCC).

Lo studio internazionale condotto da NTU è una collaborazione con ricercatori dell'Università di Hong Kong, della Maynooth University (Irlanda), della Durham University (Regno Unito), della Rowan University (USA), della Tufts University (USA) e del Potsdam Institute for Climate Impact Research (Germania).

La dottoressa Andra Garner, (3) coautrice e assistente professore di scienze ambientali presso la Rowan University, spiega: «Sappiamo che in futuro il pianeta vedrà un ulteriore aumento del livello del mare. Tuttavia, ci sono forti differenze nella quantità di progetti di esperti inerenti all'aumento del livello del mare per basse emissioni rispetto alle alte emissioni. Ciò fornisce una grande speranza per il futuro, nonché una forte motivazione ad agire ora per evitare gli impatti più gravi dell'innalzamento del livello del mare.»

«Questo studio internazionale si basa sulle opinioni divulgate da 106 esperti sottolineando l'importanza fondamentale di perseguire una politica a basse emissioni per limitare l'innalzamento del livello del mare», afferma il dottor Niamh Cahill, (4) professore associato presso il dipartimento di matematica e statistica della Maynooth University in Irlanda.

I 106 esperti, che hanno partecipato al sondaggio, sono stati identificati da un database di pubblicazioni leader. Essi risultarono tra i più attivi editori di studi scientifici per le ricerche inerenti all'andamento del livello del mare (almeno sei articoli pubblicati su riviste peer-reviewed dal 2014).

Rispondendo a determinati quesiti, gli esperti del cambiamento climatico hanno identificato le calotte di ghiaccio della Groenlandia e dell'Antartico come le maggiori fonti di incertezza. Queste calotte glaciali sono un importante indicatore del cambiamento climatico e determinano l'innalzamento del livello del mare. Le misurazioni satellitari mostrano che le calotte glaciali si stanno sciogliendo a un ritmo accelerato. Tuttavia, gli esperti hanno anche osservato che l'entità e l'impatto dell'innalzamento del livello del mare possono essere limitati riducendo con successo le emissioni.

La dottoressa Andrea Dutton, (5) professoressa presso il Dipartimento di Geoscienze dell'Università del Wisconsin-Madison, che non è coinvolto in questo studio, afferma: «Uno dei punti chiave di questo studio è che le nostre azioni oggi possono fare una profonda differenza in quanto le nostre coste si potrebbero in futuro anche ritirare.»

Un'università pubblica ad alta intensità di ricerca, Nanyang Technological University, Singapore (NTU Singapore) ha 33.000 studenti universitari e post-laurea nelle facoltà di ingegneria, economia, scienze, scienze umane, arte e scienze sociali e università. Ha anche una scuola di medicina, la Lee Kong Chian School of Medicine, istituita congiuntamente con l'Imperial College di Londra.

NTU ospita anche istituti autonomi di livello mondiale - National Institute of Education, S Rajaratnam School of International Studies, Earth Observatory of Singapore e Singapore Centre for Environmental Life Sciences Engineering - e vari importanti centri di ricerca come Nanyang Environment & Water Research Institute (NEWRI) e Energy Research Institute @ NTU (ERI@N).

Classificata undicesima al mondo, NTU è stata collocata la migliore università del mondo da sei anni. Il campus principale dell'Università è spesso elencato tra i 15 migliori campus universitari più belli del mondo e ha 57 progetti di costruzione certificati Green Mark (equivalenti ai certificati LEED), di cui il 95% certificati Green Mark Platinum. Oltre al campus principale, NTU ha anche un campus a Novena, il distretto sanitario di Singapore. (6)

Riferimenti:

(1) Benjamin P. Horton

(2) Estimating global mean sea-level rise and its uncertainties by 2100 and 2300 from an expert survey

(3) Environmental Science Faculty and Staff

(4) Niamh Cahill

(5) Andrea Dutton

(6) Leading Global University in Singapore | NTU Singapore | NTU

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Sea level could rise by more than 1 metre by 2100 if emission targets are not met, reveals survey of 100 international experts

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.