L'immaginazione può alterare i nostri atteggiamenti

L'immaginazione può alterare i nostri atteggiamenti

Gli scienziati Roland Benoit e Philipp Paulus dimostrano che i nostri atteggiamenti possono essere influenzati non solo da ciò che viviamo realmente, ma anche da ciò che immaginiamo.

A volte nella vita ci sono luoghi speciali che sembrano distinguerci: un cortile della scuola, forse una vecchia chiesa, quell'angolo di strada poco appariscente dove sei stato baciato per la prima volta. Prima del bacio non avevi nemmeno notato quell'angolo. È come se l'esperienza speciale con quella persona amata trasferisse emozioni positive nel luogo.

Il nostro atteggiamento nei confronti di questi luoghi cambia così improvvisamente - diventano per noi preziosi.

Ma questo potrebbe anche accadere semplicemente per il potere dell'immaginazione piuttosto che per le esperienze reali?

Gli studiosi Roland G. Benoit (1) e Philipp C. Paulus (2) del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences, insieme al dottor Daniel L. Schacter (3) della Harvard University, hanno esaminato questa domanda in uno studio pubblicato sulla rivista 'Nature Communications'. (4)

Essi dimostrano che i nostri atteggiamenti possono essere influenzati non solo da ciò che viviamo realmente, ma anche da ciò che immaginiamo. Inoltre, credono che il fenomeno sia basato sull'attività in una particolare posizione nella parte anteriore del nostro cervello, la corteccia prefrontale ventromediale.

Ai partecipanti al loro studio è stato chiesto innanzitutto di nominare le persone che amano molto e anche le persone a cui non piacciono affatto. Inoltre, è stato chiesto loro di fornire un elenco di luoghi che consideravano neutrali. Più tardi, quando i partecipanti erano sdraiati nello scanner della risonanza magnetica, gli è stato chiesto di immaginare, con la massima concentrazione, come avrebbero trascorso del tempo con una persona amata in uno dei luoghi neutrali.

“Così potrei immaginarmi con mia figlia nell'ascensore del nostro istituto, dove lei preme tutti i pulsanti e alla fine arriviamo alla terrazza sul tetto, dove usciamo per goderci il panorama”, descrive il primo autore Roland G. Benoit, a capo del gruppo di ricerca Adaptive Memory. Dopo la scansione MRI, il dottor Roland G. Benoit e i suoi colleghi sono stati in grado di determinare che gli atteggiamenti dei partecipanti verso i luoghi erano cambiati: i luoghi precedentemente neutrali, che erano stati immaginati con persone amate, erano ora considerati con maggior positività rispetto all'inizio dello studio.

Gli autori hanno prima osservato questo effetto con i partecipanti allo studio di Cambridge, MA, e poi hanno replicato con successo questo effetto a Lipsia, in Germania. “Immaginare semplicemente di interagire con una persona molto amata in un luogo neutrale può trasferire il valore emotivo della persona in questo luogo e non dobbiamo neppure sperimentare realmente l'episodio nella realtà”, spiega il co-autore Daniel L. Schacter.

Utilizzando i dati della risonanza magnetica, i ricercatori sono stati in grado di mostrare come funziona questo meccanismo nel cervello. La corteccia prefrontale ventromediale svolge un ruolo importante in questo processo: è qui che vengono archiviate le informazioni su singole persone e luoghi dal nostro ambiente. Ma questa regione valuta anche l'importanza delle persone e dei luoghi secondo le nostre preferenze. In effetti, quando i partecipanti pensavano a una persona che amavano con maggiore intensità, gli scienziati hanno constatato segni di maggiore attività in quella regione.

Con questa ricerca gli scienziati vogliono capire meglio la capacità umana di sperimentare eventi ipotetici attraverso l'immaginazione e il modo in cui apprendiamo da eventi immaginati nello stesso modo in cui provengono da esperienze reali. Questo meccanismo può potenzialmente aumentare le decisioni orientate al futuro e aiuta anche a evitare i rischi.

Secondo il dottor Roland G. Benoit, sarà importante capire anche le conseguenze dei pensieri negativi: “Nel nostro studio, mostriamo come l'immaginazione positiva può portare a una migliore valutazione del nostro ambiente. Mi chiedo: come questo meccanismo influenza le persone che tendono a soffermarsi in pensieri negativi sul loro futuro, come i soggetti che soffrono di depressione: un simile comportamento porta a una svalutazione degli aspetti della loro vita che sono in realtà neutrali o addirittura positivi?" Per il suo team, questa potrebbe essere la prossima interessante domanda su cui investigare.

Riferimenti:

(1) Roland G. Benoit

(2) Philipp C. Paulus

(3) Daniel L. Schacter

(4) Forming attitudes via neural activity supporting affective episodic simulations

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: “Imagine...” - our attitudes can change solely by the power of imagination

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.