Il coronavirus è un test per la tecnologia cinese


Il coronavirus è un test per la tecnologia cinese

Il coronavirus ha stimolato il governo cinese a intensificare tutti i settori inerenti la tecnologia che consente alle autorità di scansionare grandi folle e individuare se qualcuno ha bisogno di cure mediche.

La Cina ha impiegato decenni per perfezionare il proprio settore tecnologico. Ora, di fronte a una grave crisi della salute pubblica, Pechino sta spingendo le sue aziende tecnologiche a unirsi alla lotta contro il nuovo coronavirus.

I giganti della tecnologia del paese hanno risposto allo scoppio dispiegando veicoli autonomi per fornire rifornimenti agli operatori sanitari, dotare i droni di telecamere termiche per migliorare il rilevamento del virus e prestare la loro potenza di calcolo per aiutare a sviluppare un vaccino. Non è chiaro quanta tecnologia possa aiutare a controllare il virus, che ora ha infettato almeno 79.000 persone in tutto il mondo e ucciso oltre 2.600, principalmente nella Cina continentale. E alcuni degli sforzi fatti finora sono limitati in termini di dimensioni e portata.

Tuttavia, Pechino ha chiarito che la lotta contro il virus è una priorità nazionale che richiede un'azione collettiva.

Il governo ha a lungo sottolineato l'innovazione tecnologica come un importante pilastro della crescita e Pechino (1) ha speso miliardi di dollari in sussidi, (2) prestiti e obbligazioni progettati per stimolare progressi nell'intelligenza artificiale, veicoli autonomi e altre aree mentre lavora per sviluppare un settore tecnologico che può competere con la Silicon Valley.

«La lotta contro l'epidemia non può essere raggiunta senza il supporto della scienza e della tecnologia», ha detto il presidente cinese Xi Jinping all'inizio di questo mese, secondo l'agenzia di stampa statale Xinhua. (3) Egli ha aggiunto che la Cina dovrebbe intensificare la ricerca clinica per vaccini e farmaci antivirali, nonché espandere le opzioni di shopping online per le decine di milioni di persone che rimangono in casa per prevenire la diffusione della malattia.

Il Ministero cinese della Scienza e della Tecnologia ha recentemente chiesto aiuto al settore tecnologico, suggerendo che dovrebbero essere impiegati robot, macchine per lo screening della temperatura e dispositivi che possono aiutare a ridurre il contatto umano.

L'ascesa tecnologica della Cina

Gli sforzi della Cina per creare la propria data della Silicon Valley negli anni '80, quando le autorità hanno iniziato a designare parti del paese (4) come “zone di sviluppo high-tech” incentrate su elettronica di consumo e biotecnologia, tra gli altri settori. Queste 168 zone, secondo le statistiche ufficiali, (5) hanno registrato oltre 33 trilioni di yuan (4,7 trilioni di dollari) di entrate nel 2018. La tecnologia è anche il perno dell'iniziativa “Made in China 2025” di Pechino, un piano per spostare l'economia dalla produzione ai settori ad alta tecnologia. Il mandato ha comportato l'investimento di miliardi di dollari di finanziamenti governativi in settori quali le comunicazioni wireless, i microchip e la robotica.

L'attenzione per la tecnologia ha funzionato. Nel 2018 la Cina ospitava nove delle 20 aziende tecnologiche più preziose del mondo, un grande balzo in avanti rispetto alle due rivendicate cinque anni prima, secondo un rapporto dell'impresa di venture capital Kleiner Perkins. (6) Anche se la Cina ora combatte il coronavirus, la tecnologia non sarà il “fattore dominante” che blocca l'epidemia, secondo Danny Mu, un analista con sede a Pechino delle tecnologie emergenti a Forrester. Tuttavia, egli asserisce che il comparto ha i suoi usi, compresa l'offerta di servizi digitali come la consegna di cibo e pagamenti mobili che aiutano le persone a affrontare meglio l'epidemia.

Ricerca di terapie e eliminazione del contatto umano

Questo mese, Tencent (TCEHY) ha aperto le sue strutture di supercomputer - che includono macchine in grado di eseguire calcoli molto più velocemente di un normale PC - per aiutare i ricercatori nel sveltire le procedure atte a trovare una cura. Il Beijing Life Sciences Institute e la Tsinghua University sono tra i partecipanti. E Didi, il più grande fornitore cinese di assistenza, ha collaborato con organizzazioni mediche e di aiuto per consentire ai lavoratori, che hanno bisogno, di eseguire attività relative all'analisi dei dati, alla simulazione online o al supporto logistico per utilizzare gratuitamente i server di Didi. Altri stanno schierando robot per eliminare il contatto da uomo a uomo.

«Sì, puoi chiamarli espedienti», ha detto Eliam Huang, analista di Coresight Research. «Ma le società tecnologiche cinesi possono essere molto reattive e versatili».

Ad esempio, il colosso della consegna di cibo Meituan Dianping ha introdotto di recente robot in alcuni dei ristoranti dei suoi partner a Pechino con lo scopo di aiutare a portare il cibo dalle cucine agli addetti alle consegne e ai clienti in attesa di ordini da asporto. Se il progetto avrà il successo sperato, la società Meituan Dianping espanderà il programma in altre città. Il gigante cinese dell'e-commerce JD.com (JD), nel frattempo, ha recentemente arruolato robot a guida autonoma per portare merci agli operatori sanitari nella città cinese centrale di Wuhan, dove ha avuto origine il virus. I robot, che assomigliano e funzionano in modo molto simile ai pint-sized vehicles, hanno consegnato merci in un ospedale che tratta principalmente i pazienti con coronavirus. Il percorso è relativamente breve, a circa 600 metri dall'ospedale, ma il mancato contatto con esseri umani ha contribuito a proteggere clienti e dipendenti, ha affermato Qi Kong, responsabile della guida autonoma presso JD Logistics.

«Quando abbiamo saputo della situazione a Wuhan, abbiamo iniziato a orientare le nostre risorse in quell'area», ha detto Qi Kong a CNN Business. «Ci sono voluti solo quattro giorni per assicurarsi che il nostro algoritmo fosse pronto, dalla simulazione alla pratica.» Una startup, la Shanghai TMIRob, sta inviando dozzine di robot all'interno degli ospedali di Wuhan, secondo i media statali cinesi. (7) Lì stanno spruzzando disinfettanti in reparti di isolamento, unità di terapia intensiva e sale operatorie.

Preoccupazioni per la sorveglianza

I droni hanno occupato un ruolo peculiare durante l'epidemia. La tecnologia consente alle autorità di scansionare grandi folle e individuare se qualcuno ha bisogno di cure mediche, secondo MicroMultiCopter, una startup di droni con sede a Shenzhen che ha inviato circa 100 dispositivi in tutto il paese. Hanno anche inviato quasi 200 dipendenti ai centri di comando dove possono monitorare ciò che i droni stanno vedendo in tempo reale.

«La società ha lavorato straordinariamente», ha detto un portavoce alla CNN Business. «Questo è il miglior test del nostro sistema di droni. Rappresenta anche la migliore vetrina a livello globale.»

L'uso di droni e altre tecnologie ha aperto il paese alle critiche sul suo vasto stato di sorveglianza, che i gruppi per i diritti umani hanno avvertito possono essere usati per violare le libertà. (8) La Cina ha da tempo usato il riconoscimento facciale, l'intelligenza artificiale e altre tecnologie per reprimere il crimine e monitorare i suoi cittadini. Aziende tecnologiche come Tencent sono state accusate per anni di censurare online argomenti politicamente sensibili in Cina. (La società ha già affermato di rispettare le leggi e le normative locali dei paesi in cui opera). Il settore tecnologico cinese ha beneficiato a lungo del supporto “top-down” di Pechino, ha affermato Huang, analista di Coresight Research. L'anno scorso il governo centrale ha assegnato il 3,9% del bilancio nazionale alla scienza e alla tecnologia, con un aumento del 14% rispetto all'anno precedente.

«Ciò dimostra che il governo apprezza molto lo sviluppo della tecnologia e la sua dedizione per far avanzare l'innovazione tecnologica. Il supporto delle autorità aiuta tutto ciò che accade più velocemente. Tuttavia, c'è poca resistenza etica, meno revisione etica in Cina, ha concluso Huang.

Riferimenti:

(1) China to upgrade mass entrepreneurship and innovation

(2) China to invest big in "Made in China 2025" strategy

(3) Il supporto tecnologico è indispensabile per combattere l'epidemia (in cinese)

(4) China’s efforts to increase R&D investment pay off

(5) Number of Chinese R&D personnel hits 4.18 million in 2018

(5) INTERNET TRENDS 2018

(6) China Focus: Robots deployed on front lines to combat coronavirus

(7) China 2019

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Drones. Disinfecting robots. Supercomputers. The coronavirus outbreak is a test for China's tech industry

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.