Il 2019 è stato il secondo anno più caldo


Il 2019 è stato il secondo anno più caldo

Secondo analisi indipendenti della NASA e della National Oceanic and Atmospher Administration (NOAA), il 2019 è stato il secondo anno più caldo da quando è iniziata la moderna registrazione delle misurazioni nel 1880.

A livello globale, le temperature del 2019 sono state seconde solo a quelle del 2016 e hanno continuato la tendenza al riscaldamento a lungo termine del pianeta: gli ultimi cinque anni sono stati i più caldi degli ultimi 140 anni. Secondo gli scienziati del Goddard Institute for Space Studies (GISS) della NASA a New York, l'anno scorso le temperature erano 1,8 gradi Fahrenheit (0,98 gradi Celsius) più elevate rispetto alla media del 1951-1980.

«Il decennio appena concluso è chiaramente il decennio più caldo mai registrato», ha dichiarato il dottor Gavin A. Schmidt, (1) direttore del GISS. «Ogni decennio, dagli anni '60, è stato chiaramente più caldo di quello precedente.»

Dal 1880, la temperatura media globale della superficie terrestre è aumentata e la temperatura media è ora di oltre 2 gradi Fahrenheit (un po' più di 1 grado Celsius) al di sopra della fine del 19° secolo. Per riferimento, l'ultima era glaciale è stata di circa 10 gradi Fahrenheit più fredda delle temperature preindustriali.

Utilizzando modelli climatici e analisi statistiche dei dati relativi alla temperatura globale, gli scienziati hanno concluso che questo aumento è stato principalmente guidato da maggiori emissioni nell'atmosfera di anidride carbonica e altri gas serra prodotti dalle attività umane.

«Nel 2015 abbiamo raggiunto più di 2 gradi Fahrenheit per riscaldare il territorio e difficilmente torneremo indietro. Ciò dimostra come il fenomeno che si sta verificando è persistente: sappiamo che le tendenze a lungo termine sono guidate dai crescenti livelli di gas serra nell'atmosfera», ha detto il dottor Schmidt.

Poiché le posizioni delle stazioni meteorologiche e le pratiche di misurazione cambiano nel tempo, l'interpretazione di specifiche differenze di temperatura medie globali, anno per anno, presenta alcune incertezze. Tenendo conto di ciò, la NASA stima che il cambiamento medio globale del 2019 sia accurato entro 0,1 gradi Fahrenheit, con un livello di certezza del 95%. Le dinamiche meteorologiche influenzano spesso le temperature regionali, quindi non tutte le regioni della Terra hanno sperimentato simili livelli di riscaldamento. Il NOAA ha riscontrato che la temperatura media annuale del 2019 per i 48 contigui Stati Uniti era il 34° più caldo mai registrato, dandogli una classificazione “più calda della media”. La regione artica si è riscaldata leggermente più di tre volte più velocemente rispetto al resto del mondo dal 1970.

L'aumento delle temperature nell'atmosfera e nell'oceano stanno contribuendo alla continua perdita di massa dalla Groenlandia e dall'Antartide e all'aumento di alcuni eventi estremi, come ondate di calore, incendi, precipitazioni intense. Le analisi della NASA comprendono misurazioni della temperatura superficiale da oltre 20.000 stazioni meteorologiche, rilevamenti della superficie del mare effettuati dalle navi e dalla boe e misurazioni della temperatura dalle stazioni di ricerca antartiche.

Queste misurazioni in situ vengono analizzate utilizzando un algoritmo che considera la diversa spaziatura delle stazioni di temperatura in tutto il mondo e gli effetti delle isole di calore urbane che potrebbero distorcere le conclusioni. Questi calcoli producono le deviazioni della temperatura media globale dal periodo di riferimento calcolato dal 1951 al 1980.

Gli scienziati del NOAA hanno usato gran parte degli stessi dati sulla temperatura grezza, ma con una diversa interpolazione nelle regioni polari della Terra e in altre aree povere di dati. L'analisi di NOAA ha accertato che le temperature globali del 2019 erano di 1,7 gradi Fahrenheit (0,95 gradi Celsius) al di sopra della media del 20° secolo.

È a disposizione a titolo di consultazione il set completo di dati sulla temperatura superficiale inerente all'anno 2019 della NASA e la metodologia completa utilizzata per il calcolo della temperatura e le sue incertezze. (2)

GISS è un laboratorio all'interno della Divisione di Scienze della Terra del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. Il laboratorio è affiliato con il Earth Institute della Columbia University e la School of Engineering and Applied Science di New York.

La NASA utilizza l'esclusivo punto di osservazione dello spazio per comprendere meglio la Terra come un sistema interconnesso. L'agenzia utilizza anche misurazioni aeree e terrestri e sviluppa nuovi modi per osservare e studiare la Terra con record di dati a lungo termine e strumenti di analisi computerizzata per vedere meglio come sta cambiando il nostro pianeta. La NASA condivide queste conoscenze con la comunità globale e lavora con istituzioni negli Stati Uniti e in tutto il mondo che contribuiscono alla comprensione e alla protezione del nostro pianeta natale.

Per ulteriori informazioni sulle attività di scienze della Terra della NASA. (3)

Le slide per la conferenza stampa. (4)

Il rapporto globale di NOAA. (5)

Riferimenti:

(1) Gavin A. Schmidt

(2) GISS Surface Temperature Analysis

(3) Earth | NASA

(4) Annual Global Analysis for 2019

(5) Global Climate Report - Annual 2019

Descrizione foto: questo diagramma mostra anomalie termiche annuali dal 1880 al 2019, rispetto alla media 1951-1980, come registrato dalla NASA, NOAA, dal gruppo di ricerca Berkeley Earth, dal Met Office Hadley Centre (Regno Unito) e dall'analisi Cowtan and Way. Sebbene ci siano lievi variazioni di anno in anno, tutti e cinque i record di temperatura mostrano picchi e valli in sincronia tra loro. Tutti mostrano un rapido riscaldamento negli ultimi decenni e tutti mostrano che l'ultimo decennio è stato il più caldo. - Credit: NASA GISS/Gavin Schmidt.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: NASA, NOAA Analyses Reveal 2019 Second Warmest Year on Record

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.