Grandi buchi nel trattato internazionale sull'ozono


Grandi buchi nel trattato internazionale sull'ozono

Un nuovo documento, scritto in collaborazione con uno scienziato dell'Università del Sussex, ha rivelato importanti lacune in un trattato internazionale progettato per aiutare a riparare lo strato di ozono, mettendo a rischio la salute umana e aumentando la velocità del cambiamento climatico.

Le prove raccolte dagli scienziati negli anni '70 e '80 hanno dimostrato che l'esaurimento dello strato di ozono nella stratosfera è stata una delle prime minacce veramente globali per l'umanità.

Le sostanze chimiche prodotte attraverso l'attività economica stavano lentamente andando alla deriva nell'alta atmosfera dove stavano distruggendo lo strato di ozono, che svolge un ruolo indispensabile nella protezione dell'umanità e degli ecosistemi assorbendo le radiazioni ultraviolette dannose dal sole.

Nel 1987, i paesi hanno firmato un trattato per intraprendere un'azione riparatrice, noto come “Protocollo di Montreal sulle sostanze che impoveriscono lo strato di ozono, che è stato infine ratificato da tutti i 197 Stati membri delle Nazioni Unite”.

Ma in un documento pubblicato di recente su Nature Communications, gli esperti hanno segnalato le principali lacune del trattato che devono essere affrontate se si vuole riparare lo strato di ozono ed evitare i rischi per la salute umana e il clima.

Il professor Joseph Alcamo, (1) direttore del Sussex Sustainability Research Program (2) ed ex Chief Scientist dell'UNEP, ha dichiarato: «Il protocollo di Montreal e i suoi emendamenti sono stati senza dubbio uno sforzo efficace a livello mondiale per controllare le sostanze più dure che riducono l'ozono. Ma dal nostro documento si evince che il trattato ha sviluppato troppe lacune per riparare completamente lo strato di ozono. È ora di risolvere le lacune nel trattato sul buco dell'ozono».

Il professor Alcamo, insieme all'autore principale, la professoressa Susan Solomon (3) del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e il coautore, il professor A. R. Ravishankara (4) della Colorado State University, hanno identificato diverse “lacune” che consistono in sostanze che riducono lo strato di ozono non coperte dal trattato.

Questi includono:

  • non sono state rilevate nuove fonti di emissioni di CFC e HFC recentemente rilevate nell'atmosfera;
  • perdite di sostanze che riducono lo strato di ozono da vecchi condizionatori d'aria, frigoriferi e schiume isolanti;
  • rilasci involontari di gas dannosi per l'ozono da alcuni processi di produzione;
  • emissioni di gas dannoso per l'ozono, protossido di azoto, derivanti principalmente dalle attività agricole.

Gli autori hanno chiesto una gamma di soluzioni per colmare le lacune, tra cui:

  • un inasprimento del rispetto del trattato utilizzando disposizioni che fanno già parte del protocollo di Montreal;
  • aumentare l'efficacia del trattato aggiungendo un monitoraggio ambientale regolare delle sostanze che riducono lo strato di ozono;
  • controllo delle emissioni di sostanze che sono passate attraverso il trattato fino ad ora, comprese le emissioni di protossido di azoto dall'agricoltura e le sostanze che riducono lo strato di ozono fuoriuscite da vecchi frigoriferi e altre apparecchiature;
  • Inoltre, poiché le sostanze che riducono lo strato di ozono e i loro sostituti contribuiscono in modo significativo al riscaldamento globale, gli autori sollecitano un'eliminazione graduale più rapida di tutte queste sostanze come un modo per combattere il cambiamento climatico.

Lo strato di ozono assorbe le radiazioni ultraviolette dannose del sole ma questo strato protettivo viene lentamente distrutto dai gas industriali che lentamente risalgono dalla superficie terrestre inclusi i CFC (clorofluorocarburi) contenuti nei refrigeranti, agenti schiumogeni e, prima, propellenti negli spray aerosol.

La scoperta del “buco dell'ozono” sopra le alte latitudini negli anni '80 ha fornito la prova finale dell'importanza della riduzione dell'ozono.

Nel 1985, i paesi avevano firmato la Convenzione di Vienna, che si impegnava a ridurre i CFC e altre sostanze che riducono lo strato di ozono. Due anni dopo, hanno firmato il Protocollo di Montreal che delineava un piano d'azione.

Durante il suo periodo come primo Chief Scientist dell'UNEP, che ospita il Segretariato del Protocollo di Montreal, il professor Alcamo ha coordinato gruppi di scienziati nella produzione di rapporti orientati alle politiche che hanno affrontato le questioni emergenti sull'impoverimento dell'ozono.

L'UNEP riferisce che il 98% delle sostanze chimiche mirate alla rimozione nel protocollo di Montreal è stato gradualmente eliminato entro il 2009, evitando centinaia di milioni di casi di cancro della pelle e decine di milioni di casi di cataratta. Tuttavia, questo nuovo documento mostra che alcune fonti importanti non sono state prese di mira dal Protocollo e devono esserlo con urgenza ora.

Il professor Alcamo ha dichiarato: «Poiché la maggior parte dei gas che riducono lo strato di ozono e i loro attuali sostituti sono anche potenti gas a effetto serra, è tempo di utilizzare il Protocollo di Montreal per assorbire questi gas ancora più velocemente per evitare il pericoloso riscaldamento globale. Non saremo in grado di raggiungere gli obiettivi globali di sviluppo sostenibile entro il 2030 senza colmare le lacune nel trattato sull'ozono. È difficile immaginare, ad esempio, come gli obiettivi globali per la salute e il clima potrebbero essere raggiunti senza ridurre drasticamente tutti i gas dannosi per l'ozono in esaurimento e i loro sostituti. Se falliamo, l'umanità dovrà affrontare un rischio maggiore di tumori della pelle e un cambiamento climatico più rapido.»

Riferimenti:

(1) Joseph Alcamo

(2) Sussex Sustainability Research Program

(3) Susan Solomon

(4) A. R. Ravishankara

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Address major holes in ozone hole treaty to avert stronger climate change and serious health risks, experts warn

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.