Gli squali blu usano i vortici oceanici per nutrirsi

Gli squali blu usano i vortici oceanici per nutrirsi

Gli squali blu usano grandi e vorticose correnti oceaniche, conosciute come vortici, per accelerare la loro discesa con lo scopo di nutrirsi nella zona crepuscolare dell'oceano.

Si tratta di uno strato oceanico situato tra i 200 e i 1000 metri di profondità dove si trova la più grande biomassa di pesci sulla Terra. I ricercatori hanno taggato più di una dozzina di squali blu al largo della costa nord-orientale degli Stati Uniti e li hanno monitorati per nove mesi. I tag hanno trasmesso i dati ai ricercatori via satellite, rivelando che gli squali avevano trascorso buona parte delle loro giornate immergendo queste vorticose sacche di acqua calda nella zona del crepuscolo oceanico centinaia di metri sotto la superficie. Lì, passavano circa un'ora a cercare cibo come piccoli pesci e calamari prima di tornare in superficie per riscaldarsi prima di immergersi di nuovo.

Questa nuova ricerca del Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI) e dell'Applied Physics Lab dell'Università di Washington (UW) è stata pubblicata sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences (PNAS). (1)

Le immersioni erano meno frequenti di notte, quando molti animali della zona crepuscolare effettuano la loro migrazione quotidiana dall'acqua di mezzo dell'oceano per nutrirsi in superficie. Il dottor Camrin Braun, (2) ecologista oceanico presso la UW e autore principale dello studio, ha affermato che una gita serale probabilmente non vale lo sforzo per gli squali blu affamati poiché la zona non è particolarmente ben fornita dopo il tramonto.

Camrin Braun, che ha condotto la ricerca come studente di dottorato nel programma congiunto MIT-WHOI in Oceanografia, afferma che il comportamento degli squali blu era generalmente simile a quello degli squali bianchi che il team ha seguito in uno studio precedente l'anno scorso. Tuttavia, le due specie avevano preferenze diverse per quanto riguarda la temperatura dell'acqua. Gli squali bianchi, che sono animali a sangue caldo, usavano una combinazione di gorghi d'acqua calda e fredda come condotto per la zona del crepuscolo, mentre gli squali blu - una specie a sangue freddo - si affidavano esclusivamente ai gorghi d'acqua calda.

“Gli squali blu non possono regolare la loro temperatura corporea internamente per rimanere più caldi dell'acqua di mare come fanno gli squali bianchi”, ha detto Braun. “Pensiamo che questo sia il motivo per cui mostrano una chiara preferenza per i vortici di acqua calda - rimuove un vincolo termico per le immersioni profonde”.

Gli squali blu sono considerati specie “quasi minacciate” a causa della forte attività di pesca sulle popolazioni di tutto il mondo. Questa ricerca aiuta a colmare importanti lacune conoscitive su dove vanno e perché. Ciò faciliterà l'individuazione di adeguate misure per proteggerli, ha detto il biologo Simon Thorrold, (3) coautore dello studio ed ex consigliere di Braun. Egli aggiunge: “la zona del crepuscolo è vulnerabile alla pesca eccessiva. Se stiamo raccogliendo pesci di basso valore a spese di pesci di alto valore come gli squali blu e altri predatori pelagici, probabilmente non è un buon compromesso.”

Il lavoro sottolinea inoltre l'importanza della zona crepuscolare dell'oceano come risorsa critica di biomassa.

Questa ricerca è parzialmente supportata dal finanziamento del Progetto Audacious, uno sforzo collaborativo ospitato presso TED. Ulteriori finanziamenti sono arrivati dal Grassle Fellowship e Ocean Venture Fund presso la Woods Hole Oceanographic Institution, la National Science Foundation e la NASA Earth and Space Science Fellowship.

La Woods Hole Oceanographic Institution è un'organizzazione privata senza fini di lucro a Cape Cod, in Massachusetts, dedicata alla ricerca marina, all'ingegneria e all'istruzione superiore. Istituita nel 1930 su raccomandazione dell'Accademia Nazionale delle Scienze, la sua missione principale è comprendere l'oceano e la sua interazione con la Terra nel suo insieme e comunicare una comprensione di base del ruolo dell'oceano nel mutevole ambiente globale.

Riferimenti:

(1) Mesoscale eddies release pelagic sharks from thermal constraints to foraging in the ocean twilight zone

(2) Camrin Braun

(3) Simon Thorrold

(4) The Woods Hole Oceanographic Institution

Descrizione foto: Gli squali blu sono considerati specie "quasi minacciate" a causa della forte attività di pesca sulle popolazioni di tutto il mondo. - Credit: Nuna Sá.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Blue Sharks Use Eddies for Fast Track to Food

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.