Gli impatti degli aerosol sulla qualità del clima


Gli impatti degli aerosol sulla qualità del clima

Bisogna ridurre simultaneamente l'inquinamento da anidride carbonica e aerosol per evitare di indebolire la capacità dell'oceano di mantenere il pianeta fresco.

L'inquinamento da aerosol si riferisce alle particelle nell'aria emesse da veicoli e fabbriche che bruciano combustibili fossili. Questo inquinamento contribuisce all'asma, alla bronchite e all'irritazione a lungo termine delle vie respiratorie, che possono portare al cancro.

«L'enigma», ha spiegato lo scienziato del clima della UC Riverside e coautore dello studio Robert J. Allen, (1) «è che gli aerosol causano una scarsa qualità dell'aria e portano a morti premature. Tuttavia, queste particelle hanno un impatto netto sul raffreddamento del clima, quindi è quando le 'tagli' che si innesca un effetto di riscaldamento netto».

Molte ricerche hanno esaminato gli impatti degli aerosol sulla qualità dell'aria e sulle temperature della superficie terrestre. Meno esplorato è il modo in cui gli aerosol potrebbero avere un impatto sugli oceani, che è al centro di uno studio della UC Riverside ora pubblicato sulla rivista Science Advances. (2)

Il team di ricerca ha creato modelli informatici dettagliati per determinare l'impatto sugli oceani in due diversi scenari: uno in cui c'è solo una riduzione degli aerosol e un altro in cui vengono ridotti anche i gas serra come l'anidride carbonica (CO2) e il metano.

«Il primo scenario porta al risultato sorprendente che un minor numero di aerosol nell'atmosfera potrebbe spostare la regione in cui la maggior parte dell'oceano sta assorbendo calore, dall'Oceano Antartico verso il Nord Atlantico», ha detto il dottor Robert Allen.

In particolare, la circolazione ribaltante meridionale dell'Atlantico, o AMOC (Atlantic Meridional Overturning Circulation), sarebbe disturbata quando gli aerosol vengono rimossi dall'atmosfera, ha rilevato lo studio. L'AMOC attira l'acqua calda più a nord e spinge l'acqua più fredda a sud, assicurando che il clima sulle aree terrestri a latitudini più elevate, come l'Europa, sia relativamente mite.

Circa la metà dell'anidride carbonica che gli esseri umani immettono nell'atmosfera, principalmente attraverso la combustione di combustibili fossili e la deforestazione, rimane lì e la restante metà viene assorbita dalla terra e dalla vegetazione, oltre che dall'oceano.

Uno dei modi in cui l'oceano assorbe le nostre emissioni di anidride carbonica è attraverso la circolazione dell'AMOC (Atlantic Meridional Overturning Circulation).

«Un previsto declino degli aerosol artificiali induce potenzialmente un indebolimento dell'AMOC, che svolge un ruolo importante nell'assorbimento e nello stoccaggio del calore degli oceani nel Nord Atlantico», ha affermato il dottor Wei Liu, (3) assistente professore di cambiamento climatico e sostenibilità presso l'University of California - Riverside.

Inoltre, i ricercatori hanno affermato che si verificherebbe un innalzamento del livello del mare se l'Oceano Atlantico settentrionale si riscaldasse.

Questo studio attuale si è concentrato sull'assorbimento e la circolazione del calore oceanico tramite l'AMOC. Tuttavia, Allen ha spiegato che lo studio non ha tentato di identificare rigorosamente i meccanismi con cui le riduzioni di aerosol indeboliscono l'AMOC. Questi meccanismi saranno al centro di studi futuri.

In definitiva, i ricercatori concludono che anche senza una spiegazione più approfondita dei meccanismi di indebolimento, è necessario ridurre contemporaneamente i gas serra e gli aerosol.

Il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici raccomanda (4) di fare ogni tentativo per impedire al pianeta di raggiungere 1,5 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali al fine di mitigare i peggiori effetti del riscaldamento globale.

Gli esseri umani hanno già aumentato i livelli di anidride carbonica di quasi il 50% dal 1850 e continua ad aumentare in tutto il mondo. La stabilizzazione dell'anidride carbonica ai livelli attuali richiederebbe zero emissioni nette prima del 2070, il che è ambizioso ma critico.

«Supponendo la rimozione completa, gli aerosol al massimo causeranno un riscaldamento di circa 1 K», ha detto Allen. «Tuttavia, il riscaldamento indotto dagli aerosol, così come i cambiamenti associati alla circolazione oceanica, possono essere moderati da tagli rigorosi dei gas serra, inclusi metano e anidride carbonica».

Riferimenti:

(1) Robert J. Allen

(2) Dependence of regional ocean heat uptake on anthropogenic warming scenarios

(3) Wei Liu

(4) Global Warming of 1.5 ºC

Descrizione foto: Un sistema di correnti noto come Atlantic Meridional Overturning Circulation trasporta acqua calda nel Nord Atlantico. Potrebbe essere disturbato se la CO2 e l'aerosol non vengono tagliati contemporaneamente. - Credit: R. Curry, Woods Hole Oceanographic Institution/Science/USGCRP.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Reducing aerosol pollution without cutting carbon dioxide could make the planet hotter

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.