Gli alberi tropicali sono capsule del tempo


Gli alberi tropicali sono capsule del tempo

Un nuovo studio internazionale mostra il potenziale di nuovi metodi per rivelare le influenze umane passate sulla crescita di alberi tropicali ancora vivi oggi.

In un nuovo articolo pubblicato su Trends in Plant Science, (1) un team internazionale di scienziati presenta l'uso combinato di dendrocronologia, datazione al radiocarbonio e analisi isotopica e genetica come mezzo per studiare gli effetti delle attività umane sui disturbi delle foreste e le dinamiche di crescita delle specie di albero tropicali. Lo studio presenta la potenziale applicabilità di questi metodi per indagare i periodi preistorici, storici e industriali nelle foreste tropicali di tutto il mondo e suggerisce che hanno il potenziale per rilevare minacce antropogeniche diacroniche, intuizioni che possono informare e guidare le priorità di conservazione in questi ambienti a rapida scomparsa.

Guidato da scienziati del Max Planck Institute for the Science of Human History e da importanti scienziati del National Institute for Amazonian Research, The Max Planck Institute for Biogeochemisty e del Max Planck Institute for Developmental Biology, lo studio mostra che gli alberi tropicali conservano registri dei cambiamenti delle popolazioni umane e le loro pratiche di gestione, comprese le attività che alla fine hanno portato a una "domesticazione" dei paesaggi tropicali. Lo studio promuove un dialogo tra vari campi di ricerca per garantire che gli alberi tropicali siano riconosciuti per il loro ruolo negli ecosistemi sia culturali che naturali.

Le foreste tropicali come centro delle azioni umane passate

Le foreste tropicali, a lungo considerate barriere alla migrazione umana, alla sperimentazione agricola e alla densa popolazione sedentaria, fino a poco tempo fa erano state considerate "deserti verdi" nel contesto delle attività umane passate. Tuttavia, gli ultimi due decenni hanno visto una vasta gamma di ricerche di varie discipline evidenziare prove estese e diversificate dell'addomesticamento di piante e animali, compresa la gestione delle foreste, l'alterazione del paesaggio e la traslocazione deliberata di specie selvatiche da parte di antiche società umane - inclusi gli abitanti di alcuni delle più grandi città preindustriali sulla faccia del pianeta.

Il colonialismo occidentale e l'espansione del capitalismo globale hanno provocato nuovi impatti umani su questi ambienti, con le decisioni dei consumatori in Europa alla guida della deforestazione e dello sfruttamento delle risorse tropicali come fanno ad oggi. Comprendere come diverse società, sistemi economici e organizzazioni amministrative abbiano modificato le foreste tropicali è essenziale se vogliamo sviluppare correttamente politiche di conservazione sostenibili.

Tuttavia, è spesso difficile trovare registrazioni ad alta risoluzione degli impatti umani sugli ecosistemi tropicali. «Incredibilmente, l'intera storia ha trascurato alcuni dei più grandi e antichi testimoni che le foreste tropicali hanno da offrire: i loro alberi», afferma Victor L Caetano Andrade, (2) autore principale dello studio del Max Planck Institute for the Science of Human History. «Lo scavo archeologico e le analisi archeobotaniche hanno portato a grandi passi avanti nella nostra conoscenza delle vite umane del passato nei tropici, ma anche gli alberi stessi hanno cose da dire», continua.

Anelli degli alberi - una stratigrafia vivente

Lo studio degli anelli degli alberi è stato frequentemente utilizzato in ambienti temperati per creare un quadro di come il cambiamento climatico e le attività umane abbiano alterato le foreste.
Tuttavia, tale lavoro è stato limitato ai tropici, a causa della percezione che una mancanza di stagionalità significasse che nessun anello sarebbe stato visibile. Come notano gli autori, però, è stato ora dimostrato che oltre 200 specie di alberi tropicali formano anelli ogni anno. Questo apre una strada completamente nuova per l'esplorazione delle condizioni variabili delle foreste tropicali nel passato.

Il conteggio degli anelli degli alberi può, insieme alla datazione al radiocarbonio, produrre cronologie solide e ad alta risoluzione o "stratigrafie" della crescita di un singolo albero. Un cambiamento nella dimensione degli anelli di crescita identificati tra un certo numero di alberi nella stessa foresta può fornire un indicatore di bruschi cambiamenti nelle condizioni ambientali. Inoltre, questi anelli possono essere campionati chimicamente per studiare come le condizioni climatiche siano cambiate nel tempo e in che modo tali cambiamenti siano correlati alla crescita degli alberi. Laddove non è visibile una forte correlazione tra clima e crescita, la porta si apre ad altre potenziali spiegazioni, in particolare l'attività umana.

Come afferma Victor L Caetano Andrade, «Esistono alcune specie di particolare importanza per l'uomo, ad esempio gli alberi da cibo o alberi usati per uno scopo particolare. In questi casi è probabile che gli esseri umani abbiano intrapreso pratiche di gestione forestale, come la bonifica del sottobosco, l'apertura della foresta e la protezione attiva dei singoli alberi». Al contrario, altre specie potrebbero essere state deliberatamente rimosse per essere usate come materiale da costruzione o per far posto a insediamenti. La combinazione delle osservazioni sulla crescita degli alberi con i dati storici e archeologici locali consente agli scienziati di esaminare la relazione tra le comunità arboree e le società umane passate e le loro pratiche economiche.

I geni degli alberi mostrano la gestione forestale precolombiana

L'analisi del DNA degli alberi moderni viene comunemente utilizzata da aziende e silvicoltori per selezionare alberi con tratti economicamente desiderabili. Tuttavia, l'analisi genetica moderna, così come l'analisi di esemplari conservati, può rivelare importanti intuizioni su come le popolazioni di una determinata specie siano cambiate attraverso lo spazio e il tempo. Ove pertinente, questa analisi genetica può essere utilizzata per esaminare i processi di domesticazione, inclusa la selezione di tratti particolari. La capacità di associare modelli di diversità genetica per alberi economicamente importanti con le testimonianze archeologiche conosciute promette di rivelare nuove intuizioni sull'insediamento di ambienti tropicali in passato.

La revisione degli autori mostra che in molti casi, nell'America centrale e meridionale, la massima diversità genetica di queste specie si trova in aree con intensa occupazione umana precolombiana. Tuttavia, oltre alle indagini sul passato lontano, il presente studio mostra anche che il campionamento di alberi moderni come il mogano può documentare i cambiamenti nella diversità genetica prima e dopo gli episodi di disboscamento. Gli autori propongono che, dato l'avanzamento del sequenziamento completo del genoma, l'applicazione di tali metodi in una determinata foresta possa consentire di ricostruire geneticamente eventi passati di gestione e disboscamento da parte dell’uomo, in particolare laddove siano disponibili anche informazioni storiche e archeologiche dettagliate.

'Case sull'albero' – Case di nuovi dati e società umane passate

Mentre la maggior parte degli studi ecologici sui presunti tropici "incontaminati" si è concentrata su come i cambiamenti nella struttura delle foreste e la crescita degli alberi fossero collegati alle variazioni climatiche e ai disturbi naturali, la presente ricerca evidenzia secoli di impatto umano. Come afferma il co-autore dello studio Dottor Patrick Roberts, (3) «Il lavoro qui valutato dimostra due importanti risultati: in primo luogo, che le società umane, dai cacciatori-raccoglitori agli abitanti delle città, hanno svolto un ruolo significativo nella crescita degli alberi tropicali in passato; e in secondo luogo, che questo ruolo può essere osservato sugli alberi che si trovano ancora oggi.»

Inoltre, continua Victor L Caetano Andrade, «Gli approcci multidisciplinari agli alberi antichi ci consentiranno di esaminare come la gestione delle foreste sia cambiata nei tropici dagli scenari pre-coloniali a post-coloniali e dalle minacce preindustriali a quelle del 21° secolo. La risoluzione disponibile è notevole e ci consentirà di comprendere le eredità delle attività passate e di come le pratiche mutevoli abbiano esercitato nuove pressioni su questi ambienti altamente minacciati.»

Gli autori concludono sostenendo che è essenziale che archeologi ed ecologi lavorino insieme per preservare non solo i benefici naturali degli alberi tropicali, ma anche i registri del patrimonio culturale e delle conoscenze umane che coprono millenni al loro interno.

Riferimenti:

(1) Tropical Trees as Time Capsules of Anthropogenic Activity

(2) Victor L Caetano Andrade

(3) Patrick Roberts

Descrizione foto: insediamento vicino a piante utili sulle rive del fiume Jaú, Amazzonia, Brasile. - Credit: Victor L. Caetano Andrade.

Autrice traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Veronica Pesenti / Articolo originale: Tropical Trees Are Living Time Capsules of Human History

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.