Gestire un computer con il cervello

Gestire un computer con il cervello

La startup ha appena svelato il suo piano per impiantare i pazienti paralizzati con elettrodi che consentiranno loro di gestire i computer con il cervello.

Neuralink, una società fondata da Elon Musk per sviluppare un sistema di trasmissione dati tra persone e computer, ha sempre agito, dalla data della sua fondazione nel 2017, con molta riservatezza sulla natura del suo lavoro. Durante la sua prima dimostrazione di fronte a un giornalista, la startup ha dimostrato di poter registrare l'attività cerebrale di un ratto attraverso migliaia di piccoli elettrodi impiantati chirurgicamente accanto ai neuroni e alle sinapsi dell'animale. Per fare questo, Neuralink, con sede a San Francisco, sembra aver raggiunto una serie di scoperte che gli hanno permesso di posizionare i sistemi di elaborazione ad alta velocità all'interno di un cervello, causando meno danni rispetto alle tecniche esistenti.

Il presidente Max Hodak ha confermato l'intenzione della società di chiedere l'approvazione della Food and Drug Administration degli Stati Uniti per avviare studi clinici sull'uomo già dal prossimo anno. L'obiettivo è praticare quattro fori da 8 mm nelle teste dei pazienti paralizzati e inserire impianti che consentano loro di controllare computer e smartphone usando i loro pensieri. Sì davvero. “Molte persone hanno scritto questo come se fosse impossibile”, afferma Max Hodak. “Nel prossimo decennio si paleseranno importanti innovazioni in questo settore”.

Neuralink, che ha raccolto oltre 150 milioni di dollari dagli investitori, tra cui almeno 100 milioni dall'Amministratore delegato Musk, sta scommettendo che milioni di persone alla fine sceglieranno per migliorarsi ciberneticamente. “Questo suonerà abbastanza strano, ma alla fine, raggiungeremo la simbiosi con l'intelligenza artificiale”, ha detto Elon Musk in una recente conferenza stampa tenutasi a San Francisco. “Questa non è una scelta obbligata. È una cosa che ogni persona può ottenere se vuole. Questo è qualcosa che penso sarà davvero importante su una scala a livello di civiltà”.

I filosofi, gli appassionati di fantascienza e i sognatori ad occhi aperti hanno a lungo immaginato come potrebbe essere caricare la propria potenza cerebrale o leggere i pensieri di qualcun altro. Ultimamente, diverse startup hanno provato a scoprirlo. Aziende come CTRL-lab e Kernel stanno lavorando su dispositivi esterni per rilevare i modelli di fuoco dei neuroni dall'esterno del corpo di una persona e trasmetterli a un computer. Il livello successivo è capire come inserire in modo sicuro un dispositivo nel cervello, dove i segnali neurali sono i più forti e il processo può andare molto più veloce.

Questo si è rivelato difficile, per non dire altro. L'inserimento di fili elettrici e altri dispositivi nel cervello richiede molta precisione. E il cervello tende a trattare le sonde come invasori estranei, formando tessuto cicatriziale attorno ai fili e confondendo la loro capacità di trasportare segnali chiari. Le persone in circostanze critiche hanno accettato a farsi impiantare dispositivi che stimolano parti del loro cervello per, ad esempio, riguadagnare qualche visione o domare i tremori causati dalla malattia di Parkinson. Ma questi processi spesso comportano gravi rischi a lungo termine.

L'obiettivo di Neuralink è quello di lasciare il suo tipo di computer per la lettura della mente seduto in modo sicuro e indefinito nella testa di qualcuno. “Tutto ciò accadrà piuttosto lentamente”, afferma Elon Musk. “Non sarà una improvvisata, Neuralink avrà questo incredibile tessuto neurale e inizierà a prendere il controllo del cervello delle persone.”.

La startup di 100 persone conta sui propri progressi nei materiali e nella robotica per raggiungere il suo obiettivo. Per inserire i fili necessari nel cervello, ha costruito un robot dalle dimensioni di una griglia per barbecue che utilizza un'ottica di fascia alta per scrutare i fori praticati nel cranio e quindi posizionare i fili con precisione. Ogni filo ha la larghezza di un quarto di un capello umano ed è intrecciato con dozzine di elettrodi. Il loro design e composizione li rendono abbastanza robusti da passare attraverso il tessuto cerebrale, secondo Neuralink. Le lenti e il software di visione artificiale aiutano il robot a evitare di colpire i vasi sanguigni, riducendo i danni al cervello e la formazione di tessuto cicatriziale. “Poiché queste cose sono così sottili e flessibili, l'idea è che si muovano con il tessuto invece di strapparlo”, afferma Philip Sabes, ricercatore di Neuralink.

In un articolo pubblicato di ricerca, Neuralink ha affermato di aver eseguito almeno 19 interventi chirurgici sugli animali con i suoi robot e di aver posizionato con successo i fili, che chiama “threads”, circa l'87% delle volte. In un laboratorio segreto della Bay Area un grosso ratto bianco e marrone si muoveva attorno a una grande gabbia rettangolare di plastica piena di trucioli di legno e parmigiano. Un filo collegato a una porta USB-C nella sua testa trasmetteva i suoi pensieri a un computer. Il crepitio dei suoi neuroni poteva essere udito da un altoparlante mentre il software registrava e analizzava la sua attività cerebrale, misurando la forza dei picchi del cervello. Philip Sabes afferma che la quantità di dati raccolti dal ratto era circa 10 volte maggiore di quella che i sensori più potenti di oggi possono raccogliere.

Naturalmente, molti trattamenti che funzionano sui roditori non sono riusciti a fare il salto di qualità per i test umani. E mentre si dice che Neuralink stia testando la sua tecnologia sui primati, non ha ancora rivelato pubblicamente i dettagli di questo lavoro. Durante la presentazione, Elon Musk ha sbalordito il pubblico confermando che Neuralink ha lavorato con i primati: una scimmia è stata in grado di controllare un computer con il suo cervello. Anche se gli impianti funzionano come previsto, la società dovrà dimostrare che può fare qualcosa di sicuro e utile con loro fornendo terapie - qualcosa che molti scienziati vedono come una domanda aperta.

Se arrivano le approvazioni, gli elettrodi di Neuralink, una volta inseriti nei fori nel cranio di un paziente, dovrebbero registrare l'attività cerebrale e trasmetterla a un piccolo dispositivo impiantato dietro l'orecchio che trasmette i dati a un computer. Max Hodak afferma che i primi interventi chirurgici avranno luogo in anestesia generale, ma spera che gli anestetici locali siano sufficienti in futuro.

Se tutto procede secondo i piani, dice Max Hodak, i pazienti post-operatori saranno in grado di inserire parole in un messaggio di testo o e-mail semplicemente pensandoli e di spostare un cursore con il mouse e di navigare anche mentalmente nelle pagine web. Un giorno lontano nel futuro, le persone che hanno subito un intervento chirurgico potrebbero essere in grado di scaricare una nuova lingua nel loro cervello o scambiare pensieri digitali con qualcun altro, dice il trentenne. "Sono stato interessato a questo da quando ho visto The Matrix in quinta elementare." Per ora, afferma Hodak, si è concentrato sull'aiuto ai pazienti affetti da paralisi e l'obiettivo è digitare 40 parole al minuto.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Elon Musk’s Neuralink Says It’s Ready for Brain Surgery / Foto: Neuralink

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.