Distacchi di ghiacciai in Alaska


Distacchi di ghiacciai in Alaska

Secondo uno studio, i distacchi di ghiacciai in Alaska rappresentano un chiaro segnale di come questi eventi altamente distruttivi potrebbero verificarsi più frequentemente in un mondo in fase di continuo riscaldamento.

La sera del 5 agosto 2013, si verificò un evento sorprendente nel profondo interno del più grande parco nazionale degli Stati Uniti. Una lingua lunga mezzo chilometro del ghiacciaio dell'Alaska, nell'area di Flat Creek, si ruppe improvvisamente, dando vita a un torrente di ghiaccio e roccia che si precipitò per 11 chilometri giù per una valle montuosa nel deserto circondato dal Wrangell - St Elias National Park & Preserve. (1)

Dopo che il geologo Michael Loso (2) del National Park Service ha documentato un evento simile nella stessa sede nel 2015, ha reclutato la dottoressa Mylène Jacquemart, (3) Ph.D. studentessa presso l'Università del Colorado Boulder, per indagare. «Eravamo consapevoli dei distacchi di ghiacciai avvenuti in Tibet, Russia e Argentina, ma abbiamo iniziato pensando che stavamo investigando su una frana regolare», afferma Jacquemart. «Poi abbiamo notato che mancava l'intero ghiacciaio.»

I risultati, pubblicati su Geology, (4) indicano che i distacchi in Alaska si sono verificati in piena stagione estiva di scioglimento e suggeriscono che questi eventi altamente distruttivi potrebbero verificarsi più frequentemente in un mondo in fase di riscaldamento.

Dopo che il geologo Michael Loso del National Park Service condusse una ricerca preliminare che escludeva un innesco sismico per questi eventi, lui, Jacquemart e altri esperti iniziarono un progetto di ricerca per indagare su ciò che era accaduto a Flat Creek. Il team ha utilizzato una varietà di strumenti, tra cui immagini satellitari, misurazioni sul campo, modelli digitali di elevazione e modellazione di acque di fusione, per mettere insieme la sequenza degli eventi.

«I nostri dati indicano che la parte più bassa della lingua del ghiacciaio era molto sottile, stagnante e saldamente congelata sul letto del ghiacciaio», afferma la dottoressa Mylène Jacquemart. «Riteniamo che questo strato congelato abbia fatto due cose: ha bloccato il ghiaccio che scorreva dall'alto sul ghiacciaio, costringendolo a gonfiarsi; ha rallentato il drenaggio dell'acqua di fusione, permettendo all'acqua di raggrupparsi sotto il ghiacciaio.» Il conseguente aumento della pressione subglaciale dell'acqua, spiega la ricercatrice, alla fine fece sì che la lingua del ghiacciaio si staccasse improvvisamente, provocando due flussi di materiale così grandi che seppellirono ciascuno circa 3 chilometri quadrati di foresta vecchia di 400 anni.

La dottoressa Jacquemart spiega: «I ghiacciai stanno scomparendo principalmente a causa della loro fusione del ghiaccio a un ritmo più veloce. Le nuove intuizioni che stiamo acquisendo da luoghi come Flat Creek mostrano che dobbiamo anche considerare nuovi processi di cui non eravamo a conoscenza in precedenza. Gli scienziati dovranno sviluppare una migliore comprensione di questi nuovi processi e potenzialmente riconfigurare le valutazioni dei pericoli nelle comunità montane.

«L'area di Flat Creek è fortunatamente in un luogo molto remoto», spiega Jacquemart, «ma i distacchi avvenuti in Russia e in Tibet hanno causato numerose vittime». Dato che i flussi di massa prodotti dai distacchi di ghiacciai sembrano viaggiare abbastanza lontano, afferma, i pianificatori di emergenza devono anche considerare possibili pericoli a cascata, come lo sbarramento temporaneo di un fiume seguito dal rilascio dell'acqua. «Improvvisamente, un evento remoto può avere impatti di vasta portata a valle», afferma Jacquemart.

La somiglianza dei distacchi di ghiacciai in Alaska con quelli avvenuti in Tibet suggeriscono che tutti questi eventi condividessero una causa comune. Altri cedimenti in altre parti del mondo sono stati scoperti di recente, afferma Jacquemart, suggerendo che i distacchi su ghiacciaio su larga scala potrebbero essere esacerbati dal riscaldamento globale. «Concludiamo che l'acqua di fusione prodotta da estati sempre più calde ha il potenziale di creare conseguenze inattese sotto forma di pericoli di cui non eravamo a conoscenza in precedenza», afferma Jacquemart, «e che stiamo appena iniziando a capire.»

Riferimenti:

(1) Wrangell - St Elias National Park & Preserve

(2) Michael Loso

(3) Mylène Jacquemart

(4) What drives large-scale glacier detachments? Insights from Flat Creek glacier, St. Elias Mountains, Alaska

Descrizione foto: Matthias Leopold, Ethan Welty e Mylène Jacquemart sono intenti nell'installare strumenti geofisici in grado di rilevare il ghiaccio nei depositi dei distacchi del ghiacciaio di Flat Creek. Wrangell-St. Elias National Park and Preserve. - Credit: Lia Lajoie.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Glacier Detachments: A New Hazard in a Warming World?

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.