Diffusione delle zanzare causata dall'uomo


Diffusione delle zanzare causata dall'uomo

Un recente studio dell'Oregon State University rivela la maggiore probabilità che le zanzare, responsabili della diffusione di malattie, occupino prevalentemente aree danneggiate da attività umane come l'uso di pesticidi e la distruzione dell'habitat.

Lavorando in un parco nazionale in Sud Africa, i ricercatori hanno scoperto una differenza significativa nell'abbondanza e nella composizione delle specie di zanzare all'interno del parco rispetto alle aree densamente popolate al di fuori della struttura, con le specie note per diffondere malattie come la malaria e il virus Zika più comuni nel aree a impatto umano al di fuori del parco.

«Le persone si preoccupano molto dell'ambiente in cui un leone ha bisogno per avere successo; abbiamo studiato a fondo questo aspetto. Ma le persone non lo fanno con le zanzare. Non le comprendiamo come un gruppo di specie e come la loro ecologia differisca tra le specie», ha detto il coautore dello studio, la dottoressa Brianna Beechler, (1) ecologa della malattia e assistente professore di ricerca presso il Carlson College of Veterinary Medicine dell'Oregon State University. (2)

Secondo quanto riportato nello studio, pubblica sul Scientific Reports, (3) per trovare strategie di mitigazione delle patologie trasmesse da vettori, che sono malattie trasmissibili tramite parassiti come gli insetti dell'ordine dei Ditteri e zecche, le zanzare sono un obiettivo ovvio, ha detto la dottoressa Beechler. Ma gli scienziati non comprendono ancora le zanzare abbastanza bene da prendere di mira specificamente le specie che causano la malattia.

«Tutto quello che possiamo fare è ridurre le zanzare in generale, ma ciò che potrebbe essere più efficace è ridurre alcune specie modificando i loro habitat», ha detto.

Per confrontare il modo in cui le zanzare si sono comportate all'interno del Kruger National Park rispetto alle aree densamente popolate, i ricercatori hanno esaminato cinque “pressioni” causate dalla presenza umana: abbondanza di pesticidi organofosfati; l'eutrofizzazione, che è l'eccessiva mineralizzazione dell'acqua che porta alla crescita diffusa delle alghe; densità demografica; biomassa ungulata, che comprende animali domestici come bovini e animali selvatici come impala e bufali; e perdita di vegetazione.

Le popolazioni umane influenzano l'habitat delle zanzare e i modelli di riproduzione in una sorta di effetto domino. Ad esempio, l'uso di pesticidi si diffonde negli stagni e in altri piccoli specchi d'acqua, uccidendo i pesci e rimuovendo i predatori naturali che altrimenti mangerebbero le larve di zanzara e manterrebbero bassa la popolazione di insetti.

Durante la stagione delle piogge del Sudafrica nel 2016-17, i ricercatori hanno intrappolato 3.918 zanzare femmine di 39 specie diverse sia all'interno che all'esterno del parco nazionale.

L'abbondanza di zanzare era quasi tre volte superiore al di fuori del parco - nelle aree dominate dagli esseri umani - rispetto all'interno del parco. Inoltre, c'era una differenza significativa nella composizione delle specie di zanzare con le specie note per diffondere malattie (come dengue, virus del Nilo occidentale, chikungunya, febbre gialla e virus Zika) più comuni all'esterno del parco che all'interno.

«Questi dati sembrano suggerire che le specie di zanzare portatrici di malattie certamente hanno fatto meglio in ambienti alterati dall'uomo», ha detto Brianna Beechler, anche se ha notato che è difficile accertare in questa fase il motivo. Sono necessari ulteriori studi per comprendere i requisiti ecologici delle diverse specie di zanzare.

Esistono alcune storie di successo con le attuali strategie di mitigazione delle zanzare. La dottoressa Beechler ha citato una tecnica nei Caraibi in cui i residenti sono incoraggiati a introdurre il pesce in qualsiasi acqua stagnante nelle loro vicinanze, in modo che i pesci possano mangiare le larve di zanzara prima che abbiano il tempo di schiudersi. E diversi paesi hanno sperimentato il rilascio di grappoli di zanzare sterili in natura, in modo che mangeranno e assorbiranno risorse ma non saranno in grado di riprodursi.

«Ma nessuno di questi è mirato alle zanzare che trasmettono la malattia rispetto alle zanzare che non trasmettono la malattia», puntualizza la ricercatrice.

La malattia trasmessa da vettori non è attualmente un problema urgente in Oregon, sebbene ci siano diverse specie di zanzare nello stato e alcune sono note per diffondere il virus del Nilo occidentale. Tuttavia, le zanzare portatrici di malaria, Zika e chikungunya si sono tutte spinte in nuovi territori negli ultimi anni.

«Con il cambiamento climatico, è probabile che la distribuzione delle zanzare cambierà, come pure la diffusione delle malattie. Quindi sarebbe ottimale sapere come poter interagire con quelle specie prima che ciò accada», conclude la dottoressa Brianna Beechler.

Informazioni sull'OSU Carlson College of Veterinary Medicine: Il college soddisfa le esigenze dell'Oregon, della nazione e del mondo formando la prossima generazione di veterinari pronti per la pratica, fornendo servizi diagnostici e clinici all'avanguardia e supportando la formazione continua di medici veterinari. La ricerca biomedica condotta presso il college amplia sempre di più l'ambito della medicina veterinaria per affrontare sia le questioni di salute degli animali che la rilevanza delle malattie degli animali per la salute pubblica.

Riferimenti:

(1) Brianna Beechler

(2) Carlson College of Veterinary Medicine

(3) Human practices promote presence and abundance of disease-transmitting mosquito species

Descrizione foto: Ricercatori che intrappolano le zanzare nel Kruger National Park in Sud Africa. - Credit: Courtesy Dr. Brianna Beechler, Oregon State University.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Human activities promote disease-spreading mosquitoes; more study needed for prevention

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.