Benefici alle api dall'energia solare


Benefici alle api dall'energia solare

I ricercatori che valutano l'impatto dello sviluppo dell'energia solare in Europa hanno escogitato dieci modi in cui l'espansione del solare può essere modellata per garantire benefici agli impollinatori.

La capacità di energia rinnovabile sta aumentando a livello globale in risposta alla decarbonizzazione energetica, con il solare fotovoltaico (FV) che si prevede sarà la fonte rinnovabile dominante. Una percentuale significativa del solare fotovoltaico viene distribuita come parchi solari a terra con potenziali implicazioni per l'ecosistema ospitante. Data la loro introduzione relativamente rapida, gli impatti sull'uso del suolo e sull'ambiente locale sono poco conosciuti. Tuttavia, se implementati e gestiti strategicamente, i parchi solari potrebbero offrire opportunità uniche per migliorare l'ambiente locale e avvantaggiare la biodiversità, con implicazioni per i componenti dell'ecosistema come gli impollinatori.

I ricercatori che valutano l'impatto dello sviluppo dell'energia solare in Europa hanno escogitato dieci modi in cui l'espansione del solare può essere modellata per garantire benefici agli impollinatori.

Il solare fotovoltaico (FV), che esige sempre più spazio, è destinato a dominare la futura fornitura globale di elettricità, ma con un attento processo decisionale. Gli sforzi per garantire energia pulita non devono andare a scapito della biodiversità, in particolare degli impollinatori che sono in forte declino.

Api, sirfidi, vespe, scarafaggi, farfalle e falene svolgono un ruolo chiave nella produzione alimentare, con circa il 75% delle principali colture alimentari globali e il 35% della produzione agricola globale che dipendono in una certa misura da loro.

Scrivendo sulla rivista Renewable and Sustainable Energy Reviews, (1) un team di scienziati ambientali della Lancaster University ha esaminato sistematicamente le prove disponibili su come le pratiche di gestione del territorio relative ai parchi solari nell'Europa nord-occidentale potrebbero migliorare la biodiversità degli impollinatori.

Insieme ai colleghi dell'Università di Reading, hanno evidenziato dieci modi basati sull'evidenza per proteggere e persino migliorare la biodiversità degli impollinatori che vanno dalla semina di fiori selvatici al collegamento di parchi solari alle aree vicine di habitat semi-naturale.

I loro risultati sono tempestivi poiché, nel tentativo di affrontare il cambiamento climatico e ridurre le emissioni di gas serra, viene generata più energia da fonti rinnovabili: all'inizio del 2020 un record del 47% dell'elettricità del Regno Unito proveniva da fonti rinnovabili, tra cui eolico, solare, idro, onde e biomasse.

I parchi solari possono produrre grandi quantità di energia, con il più grande parco solare del Regno Unito impostato per alimentare 91.000 case una volta completato. Ma i parchi solari occupano anche terra, con potenziali impatti sull'ambiente. Nel Regno Unito circa la metà del fotovoltaico è stata installata come parchi solari a terra, di dimensioni variabili da 1 a 40 ettari.

L'ombreggiatura causata dalle file di pannelli solari influenza la temperatura dell'aria, le precipitazioni e l'evaporazione che ha un effetto a catena sul suolo, la vegetazione e la biodiversità. (2)

Tuttavia, nel Regno Unito i parchi solari sono spesso costruiti in paesaggi agricoli gestiti in modo intensivo e quindi sono poveri per la biodiversità. In questo scenario, i parchi solari possono infatti fornire opportunità per stabilire punti caldi della biodiversità degli impollinatori che a loro volta possono aiutare a impollinare colture locali come semi oleosi, fragole e mele.

La dott.ssa Hollie Blaydes (3) della Lancaster University ha dichiarato: «Molti impollinatori sono in declino sia nel Regno Unito che in altre parti del mondo. Le azioni per preservare gli impollinatori comprendono l'inversione dell'intensificazione agricola e il mantenimento dell'habitat naturale, entrambi realizzabili in terreni agricoli situati all'interno dei parchi solari. Queste strutture offrono un'opportunità unica per fornire risorse agli impollinatori dove sono più necessarie».

Il professor Simon Potts, (4) dell'Università di Reading, ha dichiarato: «Oltre a promuovere la biodiversità, i parchi solari compatibili con gli impollinatori hanno anche il potenziale per fornire vantaggi economici tangibili agli agricoltori migliorando i servizi di impollinazione ai terreni agricoli adiacenti, aumentando i raccolti. Immagina un mondo in cui i parchi solari non solo producessero elettricità a basse emissioni di carbonio tanto necessaria, ma fossero anche diversi e attraenti prati fioriti brulicanti di insetti».

La dott.ssa Alona Armstrong, (5) del Centro per l'ambiente dell'Università di Lancaster, ha dichiarato: «Il mutamento dell'uso del suolo per i parchi solari potrebbe causare un ulteriore degrado del nostro ambiente ma, se fatto bene, offre molto potenziale per migliorare il nostro ambiente. Se procediamo bene, potremmo usare la decarbonizzazione per affrontare anche la crisi ecologica. Tenendo conto dell'attuale precaria situazione, possiamo permetterci di non farlo?»

Finanziato da NERC (ENVISION DTP), con il supporto di Low Carbon, gli autori includevano Hollie Blaydes (Lancaster University), Dottoressa Alona Armstrong (Lancaster University), Professor Simon Potts (University of Reading) e Prof Duncan Whyatt (6) (Lancaster University).

Riferimenti:

(1) Opportunities to enhance pollinator biodiversity in solar parks

(2) Solar park microclimate and vegetation management effects on grassland carbon cycling

(3) Hollie Blaydes

(4) Simon Potts

(5) Alona Armstrong

(6) Duncan Whyatt

Descrizione foto: Impollinatori in una fattoria solare. - Credit: Solar Energy UK & Sarah Cheesbrough.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Ten ways to ensure bees benefit from the solar power boom

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.