Animali marini in equilibrio con i virus nel mare


Animali marini in equilibrio con i virus nel mare

Una varietà di animali marini può assorbire particelle di virus mentre filtra l'acqua di mare con lo scopo di assimilare ossigeno e cibarsi. Le spugne sono particolarmente efficienti.

La ricerca è stata scritta dall'ecologa marina Jennifer Welsh, (1) del Royal Netherlands Institute for Sea Research (NIOZ), in una pubblicazione su Nature Scientific Reports. (2) «quando un virus infetta una cellula utilizza il suo host per creare nuovi virus. Dopo che sono stati rilasciati, possono a loro volta infettare molte più cellule nuove». Tuttavia, si è scoperto che una moltitudine di particelle di virus nel mare - oltre 150 milioni in un bicchiere di acqua di mare - possono anche fungere da alimento per un gruppo eterogeneo di animali marini.

Filtraggio dei virus

L'ostrica giapponese, ad esempio, filtra l'acqua di mare per estrarre ossigeno o cibo come alghe e batteri. Mentre lo fa, ingerisce particelle di virus. La dottoressa Gallese spiega: «Nei nostri esperimenti, durante i quali non abbiamo offerto cibo alle ostriche e quindi hanno filtrato solo l'acqua per l'assunzione di ossigeno, le ostriche giapponesi hanno rimosso dall'acqua il 12% delle particelle virali.»

Quel risultato colloca l'ostrica al quarto posto di tutte le specie che l'ecologa Welsh ha esaminato nel NIOZ Virus Ecology Lab su Texel. Ella dice: «nei nostri esperimenti, le spugne hanno ridotto la presenza di virus fino al 94% entro tre ore. Un altro esperimento ha dimostrato che l'assorbimento di virus si verifica davvero molto rapidamente ed efficacemente, anche se ogni 20 minuti abbiamo diffuso nuovi virus nell'acqua, le spugne li hanno rimossi con estrema facilità.»

Un fattore completamente nuovo nell'ecologia dei virus

Fino ad ora, non era noto che diverse specie di animali marini possano avere un'influenza così significativa sulle popolazioni di virus. «L'influenza degli organismi non ospiti nell'ambiente, in realtà è un fattore che è stato trascurato nell'ecologia dei virus», afferma Jennifer Welsh.

Tuttavia, le nuove intuizioni potrebbero nel tempo essere utili in acquacoltura. In questo settore, i pesci o i molluschi destinati al consumo sono tenuti in recinti, come gabbie o bacini marini, per i quali esiste un collegamento diretto con il mare. L'acquacoltura sta diventando più grande come alternativa sostenibile alla pesca in mare, ma è molto criticata, soprattutto dagli ambientalisti.

«nelle fattorie di acqua salata, enormi quantità di esemplari di una singola specie vivono insieme in monocoltura. Se si palesa una malattia contagiosa, i rischi che il patogeno si diffonda alle popolazioni selvatiche che vivono nel mare sono elevati. Con l'aggiunta di un numero adeguato di spugne, il pericolo di un'epidemia virale potrebbe essere stroncato sul nascere. I risultati di questa ricerca mostrano che questo sarebbe un buon progetto di ricerca di follow-up.»

Jennifer E. Welsh, Peter Steenhuis, Karlos Ribeiro de Moreas, Jaap van der Meer, David W. Thieltges e Corina P.D. Brussaard.

Riferimenti:

(1) Jennifer Welsh

(2) Marine virus predation by non-host organisms

Descrizione foto: Jennifer Welsh durante i lavori di fleld sul mare di Wadden. - Credit: Royal Netherlands Institute for Sea Research.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Animals keep viruses in the sea in balance

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.