La foresta pluviale amazzonica assorbe meno carbonio del previsto

La foresta pluviale amazzonica assorbe meno carbonio del previsto

In Amazzonia i processi naturali del terreno assorbono l'equivalente di quasi un terzo delle emissioni di biossido di carbonio di combustibili fossili e industria.

Un nuovo studio ha scoperto che nei modelli di ecosistemi non è stato adeguatamente preso in considerazione l'apporto insufficiente di nutrienti.

L'agricoltura, la silvicoltura e altri tipi di utilizzo del suolo rappresentano il 23% delle emissioni di gas serra provocate dall'uomo, ma allo stesso tempo i processi naturali del terreno assorbono l'equivalente di quasi un terzo delle emissioni di biossido di carbonio di combustibili fossili e industria, secondo l’International Panel on Climate Change, che ha pubblicato il primo rapporto (1) completo in assoluto sulle interazioni tra terra e clima all'inizio di questo mese. Per quanto tempo la foresta pluviale amazzonica continuerà a fungere da efficace pozzo di assorbimento del carbonio?

Un team internazionale di scienziati, tra cui climatologi del Dipartimento dell'Energia del Lawrence Berkeley National Laboratory (Berkeley Lab), ha indagato su questa domanda e ha scoperto che i terreni carenti di fosforo hanno ridotto l'assorbimento di biossido di carbonio previsto in media del 50% in Amazzonia, rispetto alle stime attuali basate su precedenti modelli climatici che non hanno tenuto conto di questa carenza.

Il bacino amazzonico è fondamentale per aiutare a mitigare i cambiamenti climatici grazie ai suoi alberi che assorbono circa un quarto della CO2 rilasciata ogni anno dai combustibili fossili.

L'articolo, "Risposta della foresta amazzonica alla fertilizzazione con CO2 dipendente dall'acquisizione di fosforo nelle piante", è stato pubblicato il 5 agosto sulla rivista Nature Geoscience. (2)

"La maggior parte delle previsioni sulla capacità della foresta pluviale amazzonica di resistere ai cambiamenti climatici si basano su modelli che hanno presupposti obsoleti; uno di questi è che nel suolo esista una quantità sufficiente di nutrienti come il fosforo che consenta agli alberi di assorbire ulteriore CO2 con l'aumentare delle emissioni globali”, ha affermato la ricercatrice del Berkeley Lab e coautrice dello studio Jennifer A. Holm. (3) “Ma in realtà l'ecosistema ha milioni di anni, è molto segnato dalle intemperie e quindi impoverito di fosforo in molte parti dell'Amazzonia”.

I ricercatori coinvolti nel progetto AmazonFACE (4) hanno monitorato la crescita degli alberi e lo sviluppo delle foglie in superficie e hanno monitorato la crescita e l'attività delle radici nel sottosuolo in un sito a nord di Manaus, in Brasile, dove si prevede di aumentare artificialmente la concentrazione di CO2 per consentire un'indagine realistica di come in futuro le concentrazioni di CO2 influenzeranno l'ecosistema.

"I nostri modelli migliorati ora tengono conto di queste complessità e potrebbero aiutare a dipingere un ritratto più realistico di come l'Amazzonia e i tropici in generale saranno influenzati dai cambiamenti climatici e della capacità degli alberi di rimuovere i gas serra dall'atmosfera", ha detto Holm.

L'autore principale dello studio è stato Katrin Fleischer dell'Università tecnica di Monaco (qui (5) la loro pubblicazione). Holm è stato supportato dal Next Generation Ecosystem Experiments NGEE–Tropics (6) di DOE, e il co-autore Qing Berhu del Berkeley Lab è stato supportato dal progetto EEES (Energy Exascale Earth System Model) del DOE. (7)

Fondato nel 1931 sulla convinzione che le più grandi sfide scientifiche vengano affrontate al meglio dai team, il Lawrence Berkeley National Laboratory e i suoi scienziati hanno ricevuto 13 premi Nobel. Oggi i ricercatori del Berkeley Lab sviluppano soluzioni energetiche e ambientali sostenibili, creano nuovi materiali utili, avanzano le frontiere dell'informatica e sondano i misteri della vita, della materia e dell'universo. Gli scienziati di tutto il mondo fanno affidamento sulle strutture del laboratorio per le proprie scoperte scientifiche. Berkeley Lab è un laboratorio nazionale multiprogramma, gestito dall'Università della California per l'Ufficio delle Scienze del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti. L'ufficio scientifico della DOE è il più grande sostenitore della ricerca di base nelle scienze fisiche negli Stati Uniti e sta lavorando per affrontare alcune delle sfide più urgenti del nostro tempo. Per ulteriori informazioni, visitare energy.gov/science. (8)

Riferimenti:

(1) Climate Change and Land — IPCC

(2) Amazon forest response to CO2 fertilization dependent on plant phosphorus acquisition

(3) Jennifer A. Holm

(4) AmazonFACE

(5) The limits of rainforest growth

(6) NGEE–Tropics

(7) EEES (Energy Exascale Earth System Model)

(8) Office of Science | Department of Energy

Descrizione foto: vista dalla cima di una torre di misurazione, in cui i ricercatori monitorano i processi critici della chioma forestale come la fotosintesi, i flussi d'acqua delle piante, le caratteristiche delle foglie e la crescita. - Credit: Joao M. Rosa, AmazonFACE.

Autrice traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Veronica Pesenti / Articolo originale: Amazon Rainforest Absorbing Less Carbon Than Expected

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.