L'Amazzonia si potrebbe trasformare in una savana


L'Amazzonia si potrebbe trasformare in una savana

Secondo uno studio, il 40% della foresta pluviale dell'Amazzonia rischia di diventare un ecosistema simile a una foreste pluviali o una savana.

Le foreste pluviali sono molto sensibili ai cambiamenti che influenzano le precipitazioni per lunghi periodi. Se le precipitazioni scendono al di sotto di una certa soglia, le aree possono trasformarsi in uno stato di savana.

«In circa il 40% dell'Amazzonia, le precipitazioni sono ora a un livello in cui la foresta potrebbe esistere in entrambi gli stati: foresta pluviale o savana, secondo i nostri risultati», afferma l'autore principale Arie Staal, (1) ex ricercatore post-dottorato presso il Centro di resilienza di Stoccolma e il Copernicus Institute dell'Università di Utrecht.

Le conclusioni della ricerca, pubblicata su Nature Communications (2) sono preoccupanti perché parti della regione amazzonica stanno attualmente ricevendo meno piogge rispetto al passato e questa tendenza dovrebbe peggiorare con il riscaldamento della regione a causa dell'aumento delle emissioni di gas serra.

Il dottor Staal e colleghi si sono concentrati sulla stabilità delle foreste pluviali tropicali nelle Americhe, Africa, Asia e Oceania. Con il loro approccio sono riusciti a esplorare come le foreste pluviali rispondono al cambiamento delle precipitazioni.

«Utilizzando gli ultimi dati atmosferici disponibili e modelli di tele connessione, abbiamo simulare gli effetti sottovento della scomparsa delle foreste per tutte le foreste tropicali. Integrando queste analisi su tutti i tropici, è emerso il quadro della stabilità sistematica delle foreste tropicali», dice il dottor Obbe Tuinenburg, (3) ex assistente professore presso il Copernicus Institute dell'Università di Utrecht e scienziato in visita presso il Centro di resilienza di Stoccolma.

Il team ha esplorato la resilienza delle foreste pluviali tropicali esaminando due domande: e se tutte le foreste dei tropici fossero scomparse, dove sarebbero ricrescite? E il suo inverso: cosa succederebbe se le foreste pluviali coprissero l'intera regione tropicale della Terra?

Tali scenari estremi potrebbero informare gli scienziati sulla resilienza e stabilità delle vere foreste tropicali. Possono anche aiutarci a capire come le foreste risponderanno ai mutevoli modelli di pioggia con l'aumento dei gas serra nell'atmosfera.

I ricercatori hanno eseguito le simulazioni iniziando senza foreste ai tropici in Africa, Americhe, Asia e Australia. Hanno constatato le foreste emergere nel tempo nei modelli. Ciò ha permesso loro di esplorare la copertura forestale minima per tutte le regioni.

Il dottor Arie Staal ha affermato: «La dinamica delle foreste tropicali è interessante. Man mano che le foreste crescono e si diffondono in una regione, ciò influisce sulle precipitazioni: le foreste creano la propria pioggia perché le foglie emettono vapore acqueo e questa cade come precipitazione più sottovento. Pioggia significa meno incendi che portano a persino alla nascita di nuove foreste. Le nostre simulazioni catturano questa dinamica».

Il team ha eseguito i modelli una seconda volta: in un mondo in cui le foreste pluviali coprivano interamente le regioni tropicali della Terra. Questo è uno scenario instabile perché in molti luoghi non piove a sufficienza per sostenere una foresta pluviale. In molti luoghi le foreste si sono ritirate a causa della mancanza di umidità.

Staal afferma: «Man mano che le foreste si restringono, abbiamo meno precipitazioni sottovento e questo causa l'essiccazione che porta a più incendi e perdita di foreste. Si tratta di un circolo vizioso».

Infine i ricercatori hanno esplorato cosa succede se le emissioni continuano ad aumentare in questo secolo lungo uno scenario ad altissime emissioni utilizzato dall'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC).

Nel complesso, gli studiosi hanno scoperto che con l'aumentare delle emissioni, più parti dell'Amazzonia perdono la loro naturale resilienza, diventano instabili e hanno maggiori probabilità di seccarsi e trasformarsi in un ecosistema di tipo savana. Notano che anche la parte più resistente della foresta pluviale si restringe nell'area. In altre parole, la maggior parte della foresta pluviale tende ad attraversare un punto di svolta poiché le emissioni di gas serra raggiungono livelli molto elevati.

«Se rimuovessimo tutti gli alberi in Amazzonia in uno scenario ad alte emissioni, ricrescerebbe un'area molto più piccola di quanto sarebbe il caso nel clima attuale», afferma la coautrice Lan Wang Erlandsson (4) dello Stockholm Resilience Center.

I ricercatori concludono che la più piccola area in grado di sostenere una foresta pluviale in Amazzonia contrae un sostanziale 66% nello scenario ad alte emissioni.

Nel bacino del Congo il team ha scoperto che la foresta rimane a rischio di cambiare stato ovunque e non ricrescerà una volta scomparsa, ma che in uno scenario ad alte emissioni parte della foresta diventa meno incline ad attraversare un punto critico. Ma la dottoressa Lan Wang Erlandsson aggiunge: «Questa area in cui è possibile la ricrescita naturale delle foreste rimane relativamente piccola».

«Comprendiamo ora che le foreste pluviali di tutti i continenti sono molto sensibili ai cambiamenti globali e possono perdere rapidamente la loro capacità di adattamento», afferma Ingo Fetzer (5) dello Stockholm Resilience Center. «Una volta perso, il loro recupero richiederà molti decenni per tornare al loro stato originale. E dato che le foreste pluviali ospitano la maggior parte di tutte le specie globali, tutto questo andrà perduto per sempre».

Gli accademici hanno scoperto che le estensioni minime e massime delle foreste pluviali dell'Indonesia e della Malesia sono relativamente stabili perché le loro precipitazioni dipendono più dall'oceano che le circonda che dalle piogge generate come risultato della copertura forestale.

Lo studio ha esplorato solo gli impatti del cambiamento climatico sulle foreste tropicali. Non ha valutato lo stress aggiuntivo della deforestazione nei tropici a causa dell'espansione agricola e del disboscamento.

Riferimenti:

(1) Arie Staal

(2) Hysteresis of tropical forests in the 21st century

(3) Obbe Tuinenburg

(4) Lan Wang Erlandsson

(5) Ingo Fetzer

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: As emissions grow, more parts of the Amazon are likely to dry out

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.