Vietare i CFC nel 1987 ha rallentato il riscaldamento globale


Vietare i CFC nel 1987 ha rallentato il riscaldamento globale

Il protocollo di Montreal, un accordo internazionale firmato nel 1987 per fermare i clorofluorocarburi (CFC), che distruggono lo strato di ozono, ora è considerato il primo trattato internazionale a rallentare con successo il tasso di riscaldamento globale.

Una nuova ricerca pubblicata su Environmental Research Letters (1) ha rivelato che, grazie al protocollo di Montreal, le temperature globali di oggi sono notevolmente inferiori. Inoltre, entro la metà del secolo la Terra sarà - in media - almeno 1°C più fredda di quanto sarebbe stata senza l'accordo. La mitigazione è ancora maggiore in regioni come l'Artico, dove il riscaldamento evitato sarà fino a 3°C -4°C.

Il dottor Rishav Goyal, (2) l'autore principale dell'articolo, ha affermato: “I CFC di massa sono migliaia di volte più potenti di un gas serra rispetto alla CO2, quindi il protocollo di Montreal non solo ha salvato lo strato di ozono, ma ha anche mitigato una parte sostanziale del riscaldamento globale. Sorprendentemente, il protocollo ha avuto un impatto molto maggiore sul riscaldamento globale rispetto all'accordo di Kyoto, che è stato specificamente progettato per ridurre i gas a effetto serra. Le azioni intraprese nell'ambito dell'accordo di Kyoto ridurranno le temperature di soli 0,12°C entro la metà del secolo - rispetto a un pieno 1°C di mitigazione ottenuto dal protocollo di Montreal.”

I risultati sono stati fatti inavvertitamente quando il team ha deciso di quantificare in che modo il protocollo di Montreal aveva influenzato la circolazione atmosferica in Antartide. Per ottenere i loro risultati, i ricercatori hanno modellato il clima globale in due scenari di chimica dell'atmosfera: uno con e uno senza il Protocollo di Montreal. Hanno quindi esteso queste simulazioni proiettandola nel futuro utilizzando stime prudenziali per le emissioni di CFC non sminuite e impostate su una crescita del 3% annuo, molto inferiore ai tassi di crescita dei CFC osservati al momento dell'istituzione del protocollo di Montreal. Pertanto, i loro risultati probabilmente sottostimano l'impatto effettivo del trattato internazionale sulla riduzione dei CFC.

Il successo del protocollo di Montreal nella mitigazione dei cambiamenti climatici è ancora più sorprendente quando ci si concentra sui settori regionali. Ad esempio, il riscaldamento tra 0,5°C e 1°C è già stato evitato in Nord America, Africa ed Eurasia. Entro la metà del secolo il riscaldamento evitato in alcune di queste aree sarà di 1,5°C -2°C e sopra l'Artico il riscaldamento evitato sarà fino a 3°C -4°C.

I ricercatori hanno anche scoperto che attualmente, grazie al protocollo di Montreal, si è evitata una quantità di fusione del ghiaccio, compresa l'estensione del ghiaccio marino intorno all'Artico, durante il periodo estivo, di circa il 25% in più rispetto a quanto sarebbe avvenuto senza alcuna riduzione delle emissioni di CFC. Il riscaldamento evitato nella Groenlandia suggerisce anche che la calotta glaciale in accelerazione si scioglie e il relativo aumento del livello del mare è stato ridotto.

“Secondo alcuna supposizioni, il protocollo di Montreal ha mitigato gli impatti del riscaldamento globale per oltre tre decenni, superando alcuni trattati che miravano specificamente a migliorare gli impatti dei cambiamenti climatici”, ha affermato il dottor Martin Jucker. (3)

Guardando al futuro, il professor Matthew England (4) puntualizza: “Il successo del protocollo di Montreal dimostra in modo eccellente che i trattati internazionali per limitare le emissioni di gas a effetto serra funzionano davvero. Possono avere un impatto sul nostro clima in modi molto favorevoli e possono aiutarci a evitare pericolosi livelli del cambiamento climatico. Il protocollo di Montreal ha risolto i CFC, il prossimo grande obiettivo deve essere quello di azzerare le nostre emissioni di anidride carbonica.”

Riferimenti:

(1) Reduction in surface climate change achieved by the 1987 Montreal Protocol

(2) Rishav Goyal

(3) Martin Jucker

(4) Matthew England

Descrizione foto: questa è un'immagine della NASA che mostra il buco dell'ozono nella sua massima estensione per il 2015. - Credit: NASA Goddard Space Flight Center.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Montreal Protocol set to slow global warming by at least 1°C

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.