Sulla Terra, un quarto dei vertebrati muore a causa degli umani

Secondo una ricerca, gli esseri umani causano più di un quarto delle morti tra le oltre 35mila specie di vertebrati terrestri esistenti in tutto il mondo

Secondo un recente studio, oltre il 25 per cento delle morti, tra i vertebrati in tutto il mondo, sono causate dalle attività degli uomini.

Gli esseri umani hanno un effetto molto negativo sulle altre specie di vertebrati che condividono la superficie della Terra. Un team di scienziati del SUNY College of Environmental Science and Forestry (ESF) di Syracuse, New York, e il Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti ha analizzato le cause di morte di 42.755 animali che sono stati segnalati in 1114 studi pubblicati. Hanno scoperto che il 28% delle morti degli animali sono state causate direttamente dall'uomo.

Lo studio è stato pubblicato lo scorso mese di gennaio (2019) dalla rivista journal Global Ecology and Biogeography. (1)

“Secondo i nostri calcoli, gli esseri umani causano più di un quarto delle morti tra le oltre 35mila specie di vertebrati terrestri esistenti in tutto il mondo”. Spiega il dottor Jerrold L. Belant, (2) professore del Camp Fire Conservation Fund dell'ESF. “E queste sono solo cause dirette: quando si considera anche la crescita urbana e altri cambiamenti nell'uso del suolo che riducono l'habitat, diventa chiaro che gli umani hanno un effetto negativamente sproporzionato su altri vertebrati terrestri”.

il professor Jerrold L. Belant ha condotto lo studio con Jacob E. Hill, un altro membro della facoltà dell'ESF, e Travis L. DeVault del Servizio di ispezione sanitaria per animali e piante dell'USDA.

Lo studio comprendeva mammiferi, uccelli, rettili e anfibi morti nel Nord e Sud America, Europa, Asia, Africa e Oceania tra il 1970 e il 2018. Tutti erano stati etichettati come parte di progetti di ricerca.


Gli autori dello studio hanno analizzato le morti accertate di 120.657 singoli animali provenienti da 305 specie di vertebrati. Circa 42.000 erano deceduti di morte naturale. Complessivamente, il 28 per cento dei decessi era stato causato direttamente dall'uomo; l'altro 72 percento era stato causato da fonti naturali. Predazione (55%) e raccolta legale (17%) sono risultate le principali fonti di mortalità.

Jacob E. Hill ha sottolineato che l'impatto degli umani non era uguale per tutte le specie. Egli sostiene: “Gli animali più grandi avevano più probabilità di essere uccisi dagli esseri umani rispetto alle specie più piccole. Inoltre, gli animali adulti avevano più probabilità che i giovani fossero uccisi dagli umani”.

Gli scienziati hanno concluso che gli esseri umani sono un importante contributo alla mortalità terrestre dei vertebrati, con un potenziale impatto negativo sui processi evolutivi e sul funzionamento degli ecosistemi. Gli autori sottolineano che il 75% della superficie terrestre della Terra è influenzata dall'attività umana.

Il professor Jerrold L. Belant puntualizza: “il risultato di questo studio rappresenta un campanello d'allarme. Considerare i tassi di deforestazione e lo sbiancamento delle barriere coralline provocato dall'aumento delle temperature del mare. Questa è un'altra prova da aggiungere alla lista, un altro esempio dell'effetto che noi umani abbiamo sul pianeta.”

Riferimenti:

(1) Cause-specific mortality of the world’s terrestrial vertebrates

(2) Jerrold L. Belant

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: On the Land, One-quarter of Vertebrates Die Because of Humans

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.