Un progetto per studiare l'etica del DNA antico


Un progetto per studiare l'etica del DNA antico

Negli ultimi anni, lo studio del DNA antico, noto anche come aDNA, è rapidamente avanzato, fornendo importanti spunti su una serie di questioni biologiche, storiche e sociali.

Lo studio dell'aDNA ha contribuito a illuminare l'evoluzione delle malattie, i modelli di migrazione antica, gli impatti della colonizzazione europea e molto altro. Tuttavia, le nuove conoscenze acquisite attraverso lo studio di aDNA non si sono palesate senza costi e controversie, in particolare per quanto riguarda l'uso etico del materiale genetico umano del passato.

La National Science Foundation ha assegnato una sovvenzione collaborativa di 350.882- dollari all'Università del Connecticut, al Denver Museum of Nature & Science e ai partner negli Stati Uniti, in Canada e in Europa per analizzare l'attuale panorama etico della ricerca sul DNA antico. Il team svilupperà inoltre risorse per consentire un processo decisionale più equo e informato per i ricercatori e le comunità indigene del Nord America.

La dottoressa Deborah Bolnick, (1) professore associato di antropologia presso UConn, Spiega: “in molti casi, gli studi dell'aDNA continuano a cadere in una zona grigia di supervisione etica, nonostante una maggiore consapevolezza da parte dei ricercatori delle potenziali insidie. Con questo progetto, includeremo i nostri leader nella conversazione a fianco dei ricercatori per tentare di costruire un quadro etico che incoraggi relazioni positive e collaborative tra scienziati e comunità indigene.”

I diritti determinati per i “soggetti umani” viventi spesso non vengono applicati negli studi dell'aDNA. L'incombente crisi etica ha portato a un crescente scetticismo nei confronti degli studi sulla salute clinica nelle comunità indigene e alla sfiducia nei confronti dei ricercatori. Ciò pone un problema poiché l'area in espansione della ricerca sull'aDNA potrebbe sbloccare innumerevoli domande e ha anche profonde implicazioni sociali, politiche, psicologiche e legali per le comunità indigene del Nord America di oggi.

Il progetto finanziato dal National Science Foundation (NSF) coinvolgerà lezioni e seminari pubblici per riunire leader scientifici e indigeni, pubblicare articoli in pubblicazioni accademiche e popolari, impiegare un ricercatore post-dottorato e una piattaforma digitale con kit di risorse online per aule universitarie, musei, commissioni etiche, cultura indigena uffici di conservazione, riviste, laboratori e altre parti interessate.

“Questo è un progetto estremamente interessante perché migliorerà la nostra comprensione dell'etica della genomica e porterà a soluzioni pratiche e concrete per le comunità e i praticanti indigeni”, ha affermato il dottor Chip Colwell, Ph.D., (2) curatore senior di antropologia al Denver Museum of Nature & Science e uno dei principali investigatori del progetto.

Insieme a Colwell, il progetto biennale è diretto da: Deborah Bolnick (University of Connecticut), Jessica Bardill (Concordia University), Ripan S. Malhi (University of Illinois, Urbana-Champaign), Jessica Kolopenuk (University of Alberta), George Nicholas (Simon Fraser University) e Laura S. Weyrich (The Pennsylvania State University).

Riferimenti:

(1) Deborah Bolnick

(2) Chip Colwell

Descrizione foto: i partecipanti e la facoltà collaborano al tirocinio estivo 2019 per le popolazioni indigene in genomica (SING) presso l'Università dell'Illinois, Urbana-Champaign. - Credit: Fred Zwicky.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Studying the Ethics of Ancient DNA

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.