Sindrome della angoscia collettiva

Stati di angoscia, disfunzioni psichiche e ritardi cognitivi conseguenti alla persistenza contemporanea del DUALISMO CARTESIANO tra PENSIERO E MATERIA

Contributi per il superamento di stati di angoscia collettiva: disfunzioni psichiche e ritardi cognitivi conseguenti alla persistenza contemporanea del DUALISMO CARTESIANO tra PENSIERO E MATERIA

Note di EPISTEMOLOGIA in PSICOLOGIA: Nel XVII secolo in corrispondenza alle trasformazioni economico-politiche, della nascita della società industriale, anche la cultura più propria della società nobiliare e contadina, subì profondi mutamenti concettuali di cui il pensiero di René Descartes, detto Cartesio, nato a Le Haye (Francia) nel 1596 ed educato dai Gesuiti nel collegio di La Flèche, rappresento una delle pietre miliari fondamentali del nuovo modo di organizzare la conoscenza.

Il progressivo smantellamento delle concezioni di Cartesio iniziò già con il G.W. Leibniz (Lipsia 1646 - Hannover 1716) nell'ambito della sua concezione delle “monadi”, dove ogni monade è specchio di tutte le altre, ma non semplice riflettore, perché il suo comunicare è interattivo similmente a come può essere rappresentato oggi l'individuo libero da angosce cognitive, davanti ad un monitor in rete la dove lo «spazio» ed il «tempo» si applicano, non a misure, ma piuttosto a definire la interattività di un sistema relazionale tale che tutto stia in armonia attiva con tutto.

Nel mondo contemporaneo alle soglie del terzo millennio il lavoro di demolizione delle concezioni cartesiane non è stato ancora completato per quanto la “Brain Imagin” sulle attività cerebrali tramite tecniche di Risonanza Magnetica e la capacità di elaborare informazione della Artificial Intelligence stiano tecnologicamente avanzando, senza per altro che sul piano teorico si sia aver ancora attuata la completa costruzione di un nuovo paradigma capace di dare spiegazione non più semplicemente dualistica tra interiorità soggettiva (mentale) ed ambiente oggettivo (reale) del raffigurarsi della elaborazione cognitiva della mente.

Questa scissione dualistica, persistente nel modo di pensare attuale, crea non poche problematiche psichiche tra le gente che vive nel mondo contemporaneo, proprio in quanto, oggigiorno si delineano nuove condizioni di sviluppo, nelle quali il “virtuale” agisce nel dematerializzare i processi economici, determinando il “valore aggiunto” più elevato della produzione materiale.

Come all'epoca della nascita della società industriale tale cambiamento dello sviluppo determina profonde trasformazioni economico-politiche. La sindrome della angoscia collettiva è uno dei malanni psichici più diffusi e continuamente crescenti nell'ultimo secolo. Pertanto una scienza cognitiva e psicologica che trascuri le esigenze di rinnovamento concettuale contemporanee è destinata a ripetere e peggiorare gli errori già interiorizzati come scissioni mentali nel passato in quanto proprio come allora l'Uomo rischia di non essere più in grado di visualizzare e preconizzare in termini creativi i processi di evoluzione cerebrale che sono associati allo sviluppo allo sviluppo storico sociale contemporaneo.

Non è difficile considerare infatti che è sempre meno attuale dire che il mondo in cui viviamo e i suoi processi sono indipendenti da noi e dalla coscienza che ne abbiamo; di conseguenza è facilmente falsificabile ogni affermazione cartesiana la quale affermi che mondo in cui viviamo è esterno alla nostra mente, proprio in quanto, quando osserviamo il mondo che ci circonda ciò che percepiamo non appartiene più a tutti gli effetti al mondo naturalmente oggettivo.

Purtroppo conserviamo cognitivamente un riferimento al dualismo cartesiano tra MENTE e MATERIA nella elaborazione delle nostre riflessioni, di conseguenza la scissione che deriva dal confronto falsato tra cognizioni obsolete e nuova realtà evoluta da un lato complica la vita a chi pretende ancora di ragionare per attivare un processo di revisione critica del sapere, mentre ormai altri, rinunciatari di ogni ragionamento possibile che conduca ad una revisione cognitiva del passato, si collocano nell'ambito di dimensioni prive stimoli razionali che progressivamente conducono la loro attività intellettiva a tali livelli impoverimento cognitivo, che vanno a corrispondere a comportamenti precocemente demenziali e retrogradi, qualora essi vengono osservati in relazione alle necessità flessibilità mentale creativa oggi necessaria a chiunque voglia essere in grado di inserirsi attivamente nello sviluppo contemporaneo.

- Alle radici delle Angoscia Collettiva;

- FOCUS sulla scienza della relazioni interattive tra ENERGIA/MATERIA ed INFORMAZIONE

Alcune personali riflessioni per conseguire un livello cognitivo più elevato tale che includa la “realtà virtuale” le ho precedentemente scritte, non tanto e non solo al fine di giungere ad un più completo superamento del dualismo cartesiano, ma molto più pragmaticamente allo scopo di scoprire un modo migliore di adoperare la nostra mente, in un mondo in cui l'informazione deve essere rapidamente tradotta in acquisizione in tempo reale di nuove conoscenze, alcune tracce di tali riflessioni sono reperibili in rete.

In particolare trattando l'argomento Creativitad y Ciencia - ad un Convegno sul costruttivismo nella scienza moderna tenutosi a CUBA (1999) ho tentato di esemplificare la struttura essenziale di un nuovo paradigma cognitivo basato sulle relazioni generali che intercorrono tra ENERGIA / MATERIA ed INFORMAZIONE , tramite il quale sostanzialmente si dimostra che ogni qual volta si ottiene un variazione in crescita della energia spesa per incrementare la interattività della informazione, di conseguenza si ha una diminuzione relativa della energia spesa per le interazioni tra massa ed energia libera. Tale argomentazione, che discende dal postulato della costanza della energia totale, è indicata come PRINCIPIO di FERTILITÀ EVOLUTIVA.

Note di NEUROSCIENZE in PSICHIATRIA

Sulla base di tali indicazioni per dare un contributo ad una riflessione aperta con il NETWORK di PSICOLOGIA e SCIENZE AFFINI, accenno in questo breve articolo ad un primo approfondimento su quanto ho scritto online in precedenza, che ha attinenza con il “Principio di Fertilità Evolutiva“ (PFE) sopra accennato.

Trattando della attività cerebrale si comprende bene come le relazioni tra Energia (E = attività bioelettrica), Materia (M = neurotrasmissione) ed Informazione (procedure di integrazione di aree cerebrali per la evocazione mnemonica e la successive elaborazione del pensiero), siano necessarie alla vita metabolica delle cellule cerebrali.

È infatti dimostrabile che i neuroni non vivono e si sviluppano unicamente sulla base di interazioni E/M, poiché il loro funzionamento prevede un predominante consumo energetico correlato complessivamente ai processi di elaborazione della Informazione. (il cervello pur mediamente pesando meno di 1/60 del peso corporeo, consuma ossigeno per un 20% del totale consumo medio giornaliero di ossigeno).

Ogni Pensiero è infatti associato ad un metabolismo cerebrale che non è solo una attività metabolica tradizionalmente intesa come interazione tra energia e materia (E/M), ma che presume una attività di comunicazione di informazione "I". Ciò non solo è vero per i neuroni, che sono specializzati per tale funzione, ma anche che per tutte le altre cellule in quanto la “vita” si fonda ed evolve sulla base di interazioni tra /M/I> che vengono comunicate e diffuse nello spazio/tempo in modo tale che si assume resti costante la energia totale del sistema globale.

Jean-Pierre Changeux nel suo “best seller intitolato l'Uomo neuronale”, tratta del DARWINISMO NEURONALE e cioè di come le cellule cerebrali siano selezionate e decrescano in numero e interazioni durante l'arco di tutta la vita. Infatti il bambino, ancora nelle fase intrauterina, ha il massimo numero di neuroni a circa sei mesi, poi inizia il decadimento del n° di neuroni in favore della crescita di dendridi , cioè delle loro interconnessioni sinaptiche, che raggiunge un suo massimo a circa quattro anni di vita, poi si ha una selezione decrescente delle dendridi nello sviluppo dell'apprendimento in quanto si attua un crescita di processi di integrazione tra differenti aree cerebrali che stabilizzano peculiari percorsi di evocazione delle memorie e di elaborazione della informazione.

Possiamo considerare pertanto che Il DARVINISMO NEURONALE, persegue quello che nell'articolo citato sopra ho indicato come PRINCIPIO di FERTILITÀ EVOLUTIVA ove si dichiara che ad un aumento della Energia, correlata alla elaborazione della informazione, corrisponde una diminuzione di Energia associata alla massa della Materia e/o ad una diminuzione della Energia Libera (leggi: segnali bioelettrici generici di allarme e/o di attivazione delle aree cerebrali specifiche), mentre cresce la utilizzazione di energia in funzione dell'apprendimento esercitato sulla base di processi di integrazione e modulazione di segnali condivisi tra differenti aree cerebrali.

Possiamo in conseguenza osservare che l'aver parametrizzato le attività cerebrali in termini di Energia Materia ed Informazione, ci permette di comprendere che quando il Principio di Fertilità evolutiva viene alterato nel suo positivo sviluppo è possibile intervenire sulle malattie mentali con differenti modalità tramite azioni specifiche tendenti a ristabilire il corretto sviluppo sulla base di strategie e metodologie non equivalenti tra di loro, poiché ciascuna di esse va ad affrontare il disagio psicologico in relazione un peculiare parametro componente l'energia cerebrale totale.

In tal guisa si può considerare l'utilizzazione di psico-farmaci per il Sistema Nervoso in neuropsichiatria, come azione tendente a riequilibrare le variazioni di massa del metabolismo neuronale, inoltre è possibile intervenire su alcune patologie mentali, con azioni psicofisiche che interagiscono con i fattori di interazione bioelettrica , quali la psicologia cromatica o la musico terapia o la terapia dei profumi, dei sapori, ecc. Ovvero le terapie olistiche che agiscono su fenomeni di percezione extra sensoriali e/o dell'inconscio, quali la ipnosi, la pranoterapia, ecc., ed infine la psicanalisi terapeutica della parola, che interviene nei labirinti mentali propri della condivisione di memorie e conoscenze.

Il “PFE” certamente non riguarda il soltanto cervello come fosse possibile considerarlo un fattore isolato, in quanto essendo un archetipo di ordine evolutivo, concerne ogni interazione tra ; ciò significa, a riguardo delle relazioni Mente/Cervello, che esse non possono essere separate dall'ambiente culturale e di sviluppo in quanto sulla attività mentale vanno ad interagire fenomeni dello sviluppo sociale ed economico che possono dare origine a psicopatologie non risolubili nell'ambito di ciascuna delle differenti metodologie neuro psicologica, o della psicoterapie di tipo fisiologico o cognitivo o para-psicologico tradizionali.

Il disequilibrio di tipo globale che viene sostanzialmente a dipendere dal contesto di crisi culturale dei valori tradizionali, che oggigiorno è provocato dal cambiamento globale dell'epoca in cui viviamo, la quale necessita di strategie efficaci per agire come antidoto a psicopatie collettive che si oggigiorno diffondono nel mondo in guisa di un sistema virale contagioso.

Certamente la inversione di tendenza negativa del “(-PFE)”, va ad agire sulla psiche del singolo individuo che è maggiormente sensibile ad interiorizzarne la crisi con effetti di ansia, di stress a connotato clinico negativo come i disturbi di panico, di anoressie ecc..., ma essendo il male associabile alla globalità delle relazioni , la malattia assume una strutturazione mentale di sindrome patologica complessa, che determina degenerazioni al sistema di integrazione cerebrale che non possono essere risolte agendo singolarmente sulla persona, nel tradizionale contesto è costituito dal setting terapeutico classico, basato sulla relazione terapeuta-paziente, cioè mediante la serie di approcci tradizionalmente differenziati, finalizzati al riequilibro di settori specifici del funzionamento globale della mente del singolo individuo.

Come già detto il “Principio di Fertilità Evolutiva”, che associa le relazioni in termini generali, può essere convalidato nella prassi di ogni sistema con andamento evolutivo. Per fare un esempio banale, se osserviamo il recente sviluppo tecnologico dei “cellulari” si denota che all'aumentare della capacita’ di elaborazione di informazione dei più recenti “telefonini”, si associa una minor massa ed un minor consumo energetico. Ciò non dipende unicamente dal miglioramento delle batteria di ciascun cellulare, ma da un fattore meno visibile, poiché appartiene al sistema telefonico globale, proprio in quanto la possibilità miniaturizzazione di ogni singolo cellulare è correlata all'aumento del numero dei ripetitori di segnali nei campi di frequenza della telefonia mobile, che permette di comunicare a bassa potenza energetica.

Similmente per riequilibrare le psicopatologie che agiscono come una attività virale nella società contemporanea diviene necessaria, quale antidoto la realizzazione di una rete di NEUROPSICOLOGIA INTERATTIVA, finalizzata ad esercitare una ECOLOGIA della MENTE, che coinvolga l'individuo psichicamente malato nell'indirizzarlo agire attivamente verso una proficua ed attiva comprensione del mutamento epocale.

Con tutta evidenza è da sempre esistito uno stretto legame tra le attività dell'individuo umano e della sua specie e l'ambiente in cui queste attività si manifestano, proprio per questo l'intelligenza e la creatività dell'uomo è stata in grado di modificare la natura e quindi se stesso ,essendo egli parte integrante della natura.

Questo ciclo virtuoso inquadrabile nel (+PFE), ha determinato le condizioni in cui l'attività cognitiva si è evoluta, può reversibilmente andare globalmente in crisi (-PFE), in determinate condizioni storiche in cui attui un profondo cambiamento epocale, determinando una inversione della attività fisiologica dello “stress” che da compagno vitale del cambiamento, si riduce a sindrome patologica di depressione collettiva agendo sulla globalità di effetti sinergici che si rinforzano negativamente nella comunicazione sociale. Che diviene progressivamente sempre più carente di contenuti innovativi e di stimolo alla creatività dell'uomo.

In tali casi la neuro-psicoanalisi della angoscia collettiva, può solo agire favorendo quel cambio del paradigma cognitivo necessario alla civiltà contemporanea, divulgandone interattivamente i significati in modo da generare le condizioni mentali che agiscano da antidoto efficace per la risoluzione del male collettivo.

Concludendo queste brevi note ritengo importante sottolineare come, “ECOLOGIA della MENTE” sia una finalità perseguibile dalla neuro-psicologia cognitiva contemporanea, dal momento stesso che diverrà capace di coordinarsi, nell'ambito di un networking di rete finalizzato al recupero di stati e contenuti di coscienza intrapsichica, propri della intelligenza connettiva, di cui oggi lo sviluppo socio-economico ha assoluta necessità e che pertanto costituisce il contesto in cui è possibile recuperare le ragioni d'essere della creatività individuale e collettiva che hanno il loro fondamento nella genetica umana.

Autore: Paolo Manzelli / Foto di pixabay.com

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.