Rifugi climatici della biodiversità


Rifugi climatici della biodiversità

I rifugi dei cambiamenti climatici possono servire da “corsia lenta” per proteggere specie ed ecosistemi autoctoni dagli effetti negativi dei cambiamenti climatici e come paradisi sicuri per la biodiversità e gli ecosistemi a lungo termine.

L'idea di preservare il rifugi climatici (refugia) (1) dei cambiamenti climatici - aree relativamente tamponate dagli attuali cambiamenti climatici che ospitano la fauna selvatica, gli ecosistemi e altre risorse naturali apprezzate - ha solo circa 10 anni, ma l'argomentazione è maturata abbastanza al punto che un giornale leader ha preparato un numero speciale sull'argomento.

Offre «uno sguardo a quanto lontano siamo arrivati e una visione in avanti per il lavoro che è ancora necessario», afferma l'editrice Toni Lyn Morelli, (2) ecologa di ricerca presso il Northeast Climate Adaptation Center (NE CASC) degli Stati Uniti presso il Università del Massachusetts Amherst. «Credo che questa sia la prima volta che ci sia stata una questione speciale dedicata al rifiuto del cambiamento climatico», aggiunge, «quindi pensiamo che stimolerà la conservazione e l'innovazione».

Il numero di 100 pagine di Frontiers in Ecology and the Environment (3) organizzato dalla dottoressa Morelli presenta una nuova sintesi di sviluppi nella scienza di Refugia, oltre a otto articoli di esperti del settore e un editoriale di paleo-ecologo e direttore del Southwest and South Central Climate Adaptation Science Centers, Stephen T. Jackson. (4)

Il dottor Jackson afferma: «La nostra migliore speranza è di rendere bassa e lenta l'onda del cambiamento climatico, riducendo gli impatti e acquistando tempo per studiare, preparare, comprendere e adattarsi». L'articolo introduttivo delinea come i rifugi dei cambiamenti climatici possono servire da “corsia lenta” per proteggere specie ed ecosistemi autoctoni dagli effetti negativi dei cambiamenti climatici e come paradisi sicuri per la biodiversità e gli ecosistemi a lungo termine.

Il numero speciale copre una varietà di argomenti, tra cui i rifugi relativi a pesci e animali selvatici, fiumi e zone umide, montagne e foreste - oltre a progressi concettuali ed esempi della corretta applicazione di mappe e dati sui rifugi a domande di gestione.

La scrittrice Diana Stralberg dell'Università di Alberta, (5) in Canada, sottolinea: «Stiamo cercando di trovare quelle aree in cui le cose si muovono un po' più lentamente in termini di cambiamenti climatici e in cui piante e animali hanno più opportunità di sopravvivere, sia che stiano già vivendo lì o potrebbe spostarsi in quelle aree.»

Il dottor Toni Lyn Morelli è membro fondatore della Refugia Research Coalition (RRC), (6) una rete di scienziati, gestori di risorse e altri associati ai Centri di adattamento climatico, in particolare il CASC nord-occidentale ospitato dall'Università di Washington e la sua controparte nord-orientale ospitata da UMass Amherst.

«Abbiamo fondato la RRC circa cinque anni fa per condividere idee, tenere seminari, interagire con i professionisti e condividere la nostra scienza», ricorda Morelli. La diversità di ricerca, competenza e approccio del gruppo gli incusso l'idea di un problema speciale.

«Volevamo sintetizzare la scienza sui rifugi climatici negli ultimi 10 anni, identificare lacune e opportunità per il futuro ed evidenziare i successi nelle applicazioni sviluppate per la gestione e la conservazione. Sono stato estremamente fortunato a lavorare con un gruppo di coautori così dinamico e compiuto», conclude Morelli.

Riferimenti:

(1) Refugium

(2) Toni Lyn Morelli

(3) Volume 18, Issue 5 Special Issue:Climate-Change Refugia

(4) Stephen Jackson

(5) Diana Stralberg

(6) Refugia Research Coalition

Descrizione foto: gli scoiattoli terrestri artici (Urocitellus parryii) sono altamente vulnerabili ai cambiamenti climatici, ma potrebbero persistere nei rifugi (refugia) dei cambiamenti climatici nel Parco nazionale di Denali, in Alaska. - Credit: UMass Amherst/Toni Lyn Morelli.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Conserving Biodiverse ‘Slow Lanes’ in a Rapidly Changing World

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.