Prevedere l'acidificazione degli oceani ora è possibile


Prevedere l'acidificazione degli oceani ora è possibile

I ricercatori dell'Università del Colorado di Boulder hanno sviluppato un metodo che potrebbe consentire agli scienziati di prevedere con precisione il tasso di acidità degli oceani fino a cinque anni in anticipo.

Ciò consentirebbe alle attività di pesca e alle comunità che dipendono dai frutti di mare colpiti negativamente dall'acidificazione degli oceani di adattarsi alle mutevoli condizioni in tempo reale, migliorando la sicurezza economica e alimentare nei prossimi decenni. Precedenti studi hanno dimostrato la capacità di prevedere l'acidità dell'oceano a pochi mesi di distanza, ma questo è il primo studio a dimostrare che è possibile prevedere la variabilità dell'acidità dell'oceano con diversi anni di anticipo. Il nuovo metodo, descritto in Nature Communications, (1) offre il potenziale per prevedere l'accelerazione o il rallentamento dell'acidificazione degli oceani.

Per questo studio i ricercatori, diretti dal dottor Riley Brady, (2) autore principale dello studio e dottorando nel Dipartimento di Scienze atmosferiche e oceaniche, si sono concentrati sul California Current System, uno dei quattro principali sistemi di risalita costiera del mondo, che va dalla punta della Baja California in Messico fino alle parti del Canada. Il sistema supporta un'industria della pesca da miliardi di dollari cruciale per l'economia degli Stati Uniti.

«Qui hai fisica, chimica e biologia tutte collegate per creare attività di pesca estremamente redditizie, dai granchi fino ai grandi pesci», ha detto Riley Brady, che è anche uno studente laureato presso l'Istituto di ricerca artica e alpina (INSTAAR). «Fare previsioni sulle future condizioni ambientali a uno, due o anche tre anni è notevole, perché questo è il tipo di informazioni che i gestori della pesca potrebbero utilizzare.»

Il sistema attuale della California è particolarmente vulnerabile all'acidificazione degli oceani a causa del risorgere delle acque naturalmente acide sulla superficie.

«L'oceano ci sta facendo un enorme favore», ha affermato la coautrice dello studio Nicole Lovenduski, (3) professoressa associata di scienze atmosferiche e oceaniche e capo del gruppo di ricerca sulla biogeochimica dell'oceano presso INSTAAR.

L'oceano assorbe gran parte dell'eccesso di anidride carbonica nell'atmosfera terrestre derivante dall'attività umana. Sfortunatamente, a seguito dell'assorbimento di questo ulteriore biossido di carbonio prodotto dall'uomo - 24 milioni di tonnellate ogni giorno - gli oceani sono diventati più acidi.

«L'acidificazione degli oceani procede oggi a una velocità 10 volte più rapida di qualsiasi altra volta negli ultimi 55 milioni di anni», ha dichiarato la dottoressa Nicole Lovenduski.

Entro decenni, gli scienziati si aspettano che parti dell'oceano diventino completamente corrosive per alcuni organismi, il che significa che non possono formare o mantenere i loro gusci. «Ci aspettiamo che le persone nelle comunità che si affidano all'ecosistema oceanico per la pesca, il turismo e la sicurezza alimentare siano influenzate dall'acidificazione degli oceani», ha affermato Nicole Lovenduski.

La fortuna e la frustrazione delle previsioni

Le persone possono facilmente confermare l'accuratezza delle previsioni meteorologiche in pochi giorni. La previsione dice pioggia nella tua città? Puoi guardare fuori dalla finestra. Ma è molto più difficile ottenere misurazioni in tempo reale del tasso di acidità degli oceani e capire se le tue previsioni erano corrette.

Questa volta, i ricercatori di CU Boulder sono stati in grado di capitalizzare le previsioni storiche da un modello climatico sviluppato presso il Centro nazionale per la ricerca atmosferica. Invece di guardare al futuro, hanno generato previsioni sul passato usando il modello climatico per vedere quanto funzionava il loro sistema di previsioni. Hanno scoperto che le previsioni del modello climatico hanno fatto un ottimo lavoro nel fare previsioni sull'acidità degli oceani nel mondo reale.

Tuttavia, questi tipi di previsioni del modello climatico richiedono un'enorme quantità di potenza computazionale, forza lavoro e tempo. Il potenziale è lì, ma le previsioni non sono ancora pronte per essere pienamente operative come le previsioni del tempo. E mentre lo studio si concentra sull'acidificazione in una regione dell'oceano globale, ha implicazioni molto più grandi.

Gli Stati e le regioni più piccole fanno spesso le proprie previsioni sulla chimica degli oceani su una scala più fine, con una risoluzione più elevata, focalizzata sulla costa dove operano le attività di pesca. Ma mentre queste previsioni più locali non possono tener conto delle variabili climatiche globali come El Niño, questo nuovo modello di previsione globale può farlo.

Ciò significa che questo modello più grande può aiutare a informare i confini dei modelli più piccoli, il che migliorerà in modo significativo la loro precisione ed estenderà le loro previsioni. Ciò consentirebbe alle attività di pesca e alle comunità di pianificare meglio dove e quando raccogliere i frutti di mare e di prevedere in anticipo potenziali perdite.

«Nell'ultimo decennio, le persone hanno già trovato prove di acidificazione degli oceani nella corrente della California», ha detto Brady. «È qui in questo momento, e sarà qui e sempre presente nei prossimi due decenni.»

Altri autori di questo studio includono Stephen Yeager, Matthew Long e Keith Lindsay del National Center for Atmospher Research.

Riferimenti:

(1) Skillful multiyear predictions of ocean acidification in the California Current System

(2) Riley Brady

(3) Nicole Lovenduski

Descrizione foto: l'8 febbraio 2016, la Visible Infrared Imaging Radiometer Suite (VIIRS) sul satellite NPP di Suomi ha catturato diverse immagini di fitoplancton in fiore e correnti vorticose lungo la costa della California e del Messico occidentale. Le immagini sono state unite in un composito costruito con i dati delle bande di lunghezza d'onda rosse, verdi e blu su VIIRS, insieme ai dati sulla clorofilla. Una serie di fasi di elaborazione delle immagini ha evidenziato le differenze di colore e le sottili caratteristiche nell'acqua. - Credit: NASA image by Norman Kuring, NASA's Ocean Color Web. ( California Coastal Current ).

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Ocean acidification prediction now possible years in advance

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.