Nuovi biomarcatori di imaging del carcinoma mammario


Nuovi biomarcatori di imaging del carcinoma mammario

PET / MRI identifica importanti biomarcatori di imaging del carcinoma mammario. I biomarcatori possono supportare strategie di screening e riduzione del rischio.

Secondo una nuova ricerca, pubblicata dal The Journal of Nuclear Medicine, (1) i ricercatori hanno identificato diversi biomarcatori del carcinoma mammario potenzialmente utili che indicano la presenza e il rischio di malignità. Confrontando il tessuto mammario controlaterale sano di pazienti con tumori mammari maligni e tumori benigni della mammella, si è scoperta la possibilità di valutare più differenze nei biomarcatori con l'imaging PET / MRI, che potrebbero influire sullo screening adattato al rischio e sulle strategie di riduzione del rischio nella pratica clinica.

Nel carcinoma mammario, la diagnosi precoce rimane la chiave per migliorare la prognosi e la sopravvivenza. Mentre lo screening mammografico ha ridotto la mortalità per i pazienti con carcinoma mammario del 30 percento, la sua sensibilità è limitata ed è ridotta nelle donne con tessuto mammario denso.

«Tali carenze giustificano ulteriori perfezionamenti nelle modalità di screening del cancro al seno e l'identificazione di biomarcatori di imaging per guidare le cure di follow-up per i malati di cancro al seno», ha affermato la dottoressa Doris Leithner, MD, ricercatrice presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York, New York. «Il nostro studio mirava a valutare le differenze nei biomarcatori PET / RM 18F-FDG nel tessuto mammario controlaterale sano tra pazienti con tumori mammari maligni o benigni.»

Lo studio ha incluso 141 pazienti con anomalie di imaging su mammografia o ecografia su un seno controlaterale privo di tumore. I pazienti sono stati sottoposti a PET / MRI combinati della mammella con risonanza magnetica dinamica potenziata con contrasto, imaging ponderato per diffusione (DWI) e radiotracer 18F-FDG. In tutti i pazienti, sono stati registrati diversi biomarcatori di imaging nel seno privo di tumore: miglioramento del parenchima di fondo e tessuto fibroglandolare (dalla risonanza magnetica), coefficiente di diffusione apparente medio (da DWI) e assorbimento del parenchima mammario (dal PET 18F-FDG). Le differenze tra i biomarcatori sono state analizzate da due lettori indipendenti.

Sono state valutate un totale di 100 lesioni maligne e 41 lesioni benigne. Nel tessuto controlaterale, il miglioramento del parenchimale di fondo e l'assorbimento del parenchimale mammario erano diminuiti e differivano significativamente tra i pazienti con lesioni benigne e maligne. La differenza nel tessuto fibroglandolare si avvicinava ma non raggiungeva significato e il coefficiente di diffusione apparente medio non differiva tra i gruppi.

«Sulla base di questi risultati, l'assorbimento del trench del normale parenchima mammario nel PET 18F-FDG potrebbe servire come un altro importante biomarcatore di imaging facilmente quantificabile nel carcinoma mammario, simile alla densità mammaria nella mammografia e al miglioramento del parenchima di fondo nella risonanza magnetica», ha spiegato la dottoressa Leithner. «Poiché gli scanner ibridi PET / MRI vengono sempre più utilizzati nella pratica clinica, possono valutare e monitorare simultaneamente più biomarcatori di imaging - incluso l'assorbimento del parenchima mammario - che potrebbero di conseguenza contribuire allo screening adattato al rischio e guidare le strategie di riduzione del rischio.»

Gli autori di "Multiparametric 18F-FDG PET-MRI of the Breast: Are There Differences in Imaging Biomarkers of Contralateral Healthy Tissue Between Patients With and Without Breast Cancer?" sono: Doris Leithner, Department of Radiology, Breast Imaging Service, Memorial Sloan Kettering Cancer Center, New York, New York, USA, University Hospital Frankfurt, Department of Diagnostic and Interventional Radiology, Frankfurt, Germany, and Department of Biomedical Imaging and Image-guided Therapy, Division of Molecular and Gender Imaging, Medical University of Vienna, Vienna, Austria; Thomas H. Helbich, Panagiotis Kapetas and Pascal A. T. Baltzer, Department of Biomedical Imaging and Image-guided Therapy, Division of Molecular and Gender Imaging, Medical University of Vienna, Vienna, Austria; Blanca Bernard-Davila, Department of Epidemiology and Biostatistics, Memorial Sloan Kettering Cancer Center, New York, New York, USA; Maria Adele Marino, Department of Radiology, Breast Imaging Service, Memorial Sloan Kettering Cancer Center, New York, New York, USA, and Department of Biomedical Sciences and Morphologic and Functional Imaging, University of Messina, Messina, Italy; Daly Avendano, Department of Radiology, Breast Imaging Service, Memorial Sloan Kettering Cancer Center, New York, New York, USA, and Department of Breast Imaging, Breast Cancer Center TecSalud, ITESM Monterrey, Nuevo Leon, Mexico; Danny F. Martinez, Maxine S. Jochelson and Elizabeth A. Morris, Department of Radiology, Breast Imaging Service, Memorial Sloan Kettering Cancer Center, New York, New York, USA; Alexander Haug, Department of Biomedical Imaging and Image-guided Therapy, Division of Nuclear Medicine, Medical University of Vienna, Vienna, Austria, and Christian Doppler Laboratory for Applied Metabolomics (CDL AM), Medical University of Vienna, Vienna, Austria; Marcus Hacker, Department of Biomedical Imaging and Image-guided Therapy, Division of Nuclear Medicine, Medical University of Vienna, Vienna, Austria; Yasemin Tanyildizi, Department of Neuroradiology, University Medical Center of the Johannes Gutenberg-University, Mainz, Germany; and Katja Pinker, Department of Radiology, Breast Imaging Service, Memorial Sloan Kettering Cancer Center, New York, New York, USA, and Department of Biomedical Imaging and Image-guided Therapy, Division of Molecular and Gender Imaging, Medical University of Vienna, Vienna, Austria.

Riferimenti:

(1) Multiparametric 18F-FDG PET/MRI of the Breast: Are There Differences in Imaging Biomarkers of Contralateral Healthy Tissue Between Patients With and Without Breast Cancer?

Descrizione foto: una donna in postmenopausa di 50 anni con fibroadenoma (frecce) nel seno sinistro. (A) La risonanza magnetica ponderata T1 non modificata di grassi saturi mostra una quantità estrema di FGT (ACR d). (B) Il BPE moderato è osservato su una risonanza magnetica dinamica potenziata con contrasto a 90 s. (C) L'ADC medio del parenchima mammario del seno controlaterale su imaging ponderato per diffusione con mappatura ADC è 1,5 × 10? 3 mm2 / s. (D) Su PET 18F-FDG / CT, la lesione non è 18F-FDG-avida e la BPU del parenchima mammario normale è relativamente alta, con SUVmax di 3,2. - Credit: K Pinker, et al., Medical University of Vienna, Vienna, Austria.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: PET/MRI Identifies Notable Breast Cancer Imaging Biomarkers to Support Screening and Risk-Reduction Strategies

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.