Nuova terapia per il morso di serpente


Nuova terapia per il morso di serpente

Ricercatori della Liverpool School of Tropical Medicine (LSTM) hanno presentato una convalida preclinica di un chelante metallico riproposto come terapia di intervento precoce per morso di serpente emotossico.

Il morso di serpente è uno dei più grandi problemi di salute nascosti del mondo con fino a 138.000 vittime che muoiono ogni anno e circa 400.000 vittime che rimangono con disabilità fisiche permanenti o lividi.

Le persone più colpite vivono in alcune delle comunità più povere del mondo nell'Africa sub-sahariana, in Asia e in America Latina e spesso fanno affidamento su attività agricole per il loro reddito. Queste attività li mettono a rischio di morso di serpente lavorando in aree abitate da rettili velenosi e la lontananza di molte di queste comunità rende problematico l'accesso a cure sanitarie adeguate. Le vittime di morsi di serpente, in contesti rurali, ricevono spesso in ritardo il trattamento, perché le terapie antivirali esistenti devono essere erogate in strutture cliniche a causa della loro necessità di essere somministrate per via endovenosa e del loro alto rischio di reazioni avverse.

La dottoressa Laura-Oana Albulescu (1) e colleghi della Liverpool School of Tropical Medicine (LSTM) hanno esaminato vari composti che si legano agli ioni metallici come potenziali terapie pre-ospedaliere per il trattamento del morso di serpente. Tra i composti testati, il dimercaprol (chiamato anche British anti-Lewisite) e il suo principio 2,3-dimercapto-1-propanesulfonic acid (DMPS) derivato inibiscono l'attività in vitro degli enzimi del veleno di serpente che si basano sugli ioni di zinco per funzionare.

Usando modelli animali che imitano un morso di serpente, il team ha quindi dimostrato che il dimercaprol e il suo principio 2,3-dimercapto-1-propanesulfonic acid (DMPS) ha fornito protezione contro gli effetti letali del veleno dalle vipere ridimensionate - un gruppo di serpenti importanti dal punto di vista medico trovati ampiamente distribuiti in alcune parti dell'Africa e dell'Asia. Fondamentalmente, la somministrazione orale di DMPS ha anche fornito protezione contro il veleno, e il suo effetto è stato ulteriormente potenziato se usato in combinazione con dosi molto più recenti di antiveleno convenzionale.

Il documento del team suggerisce che il DMPS potrebbe essere riproposto come medicina orale per il trattamento delle vittime del morso di serpente subito dopo un attaccate e prima che viaggino in una struttura sanitaria. Mentre l'antidoto può ancora essere necessario una volta che il paziente arriva a un ambiente clinico, il trattamento precoce con DMPS ha il potenziale per salvare vite e arti nelle comunità più povere del mondo rimuovendo i ritardi di trattamento.

Il professor Nicholas Casewell (2) ha dichiarato: «Il vantaggio dell'utilizzo di un composto come il DMPS si basa sul fatto di essere già un farmaco con licenza che si è dimostrato sicuro e conveniente. La sua capacità di neutralizzare efficacemente veleni di vipera in scala ridotta sottolinea la promessa di questo farmaco come un intervento terapeutico precoce, preospedaliero.»

La principale autrice, la dottoressa Laura-Oana Albulescu, ha aggiunto «Poiché il dimercaprol e il suo principio 2,3-dimercapto-1-propanesulfonic acid (DMPS) è un farmaco orale, si potrebbe facilmente somministrarlo nella comunità da volontari addestrati immediatamente dopo un morso di serpente. Questo sarebbe un enorme vantaggio nel contribuire a ridurre l'insorgenza della patologia. Attualmente, nel momento in cui una persona subisse un morso di serpente potrebbero passare molte ore prima di raggiungere una struttura sanitaria.»

Il morso di serpente è stato recentemente classificato come “NTD prioritario” dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che da allora ha sviluppato una strategia per dimezzare il numero di decessi e disabilità entro il 2030 migliorando i trattamenti esistenti, sviluppando nuove terapie e responsabilizzando le comunità locali per migliorare il trattamento preospedaliero. L'uso di nuovi composti come il DMPS, che può essere somministrato per via orale al di fuori di una struttura sanitaria, potrebbe salvare molte migliaia di vite in questi contesti rurali.

Questo studio è stato pubblicato dalla rivista Science Translational Medicine. (3)

Riferimenti:

(1) Laura-Oana Albulescu

(2) Nicholas Casewell

(3) Preclinical validation of a repurposed metal chelator as an early-intervention therapeutic for hemotoxic snakebite

Descrizione foto: la vipera dell'Africa nord-orientale in scala ridotta Echis pyramidum. - Credit: Dottor Wolfgang Wüster.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Researchers at LSTM demonstrate a novel way to treat snakebite

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.