Microplastica nelle Alpi e nell'Artico

Microplastica nelle Alpi e nell'Artico

Nelle Alpi e nell'Artico, gli esperti confermano la presenza di microplastica nella neve.

Negli ultimi anni, le particelle di microplastica sono state ripetutamente rilevate nell'acqua di mare, nell'acqua potabile e persino negli animali. Ma queste piccole particelle vengono anche trasportate dall'atmosfera e successivamente lavate via dall'aria, specialmente dalla neve - e persino in regioni remote come l'Artico e le Alpi. Lo ha dimostrato uno studio condotto da esperti dell'Istituto Alfred Wegener e un collega svizzero, recentemente pubblicato sulla rivista Science Advances. (1)

Il fatto che i nostri oceani siano pieni di rifiuti di plastica è ormai diventato una consapevolezza per tutti: anno dopo anno, diversi milioni di tonnellate di rifiuti di plastica si fanno strada nei fiumi, nelle acque costiere e persino nel mare profondo dell'Artico. Grazie al movimento delle onde e ancora di più alla radiazione UV del sole, la lettiera viene gradualmente suddivisa in frammenti sempre più piccoli, chiamati microplastiche. Questa microplastica può essere trovata nei sedimenti marini, nell'acqua di mare e negli organismi marini che ingeriscono inavvertitamente. In confronto, ci sono state poche ricerche fino ad oggi per stabilire se, e in tal caso, in che misura le particelle di microplastica siano trasportate nell'atmosfera. Sono disponibili solo poche opere, ad esempio da ricercatori che sono stati in grado di confermare la presenza delle particelle nei Pirenei e nei pressi dei principali centri urbani in Francia e Cina.

Un team di esperti dell'Alfred Wegener Institute, Helmholtz Center for Polar and Marine Research (AWI) ha ora scoperto che le particelle di microplastica possono essere trasportate a grandi distanze dall'atmosfera e in seguito vengono spazzate via dall'aria dalle precipitazioni, in particolare dalla neve.

Mentre il team guidato dalla dottoressa Melanie Bergmann (2) e il dottor Gunnar Gerdts (3) riporta sulla rivista Science Advances, le analisi condotte su campioni di neve provenienti da Helgo-Land, Baviera, Brema, Alpi svizzere e Artico. I rilevamenti confermano che la neve in tutti i siti ha conservato alte concentrazioni di microplastica, anche in zone remote dell'Artico, sulle isole Svalbard e nella neve su banchi di ghiaccio alla deriva.

“È evidente che la maggior parte della microplastica nella neve proviene dall'aria”, afferma la dottoressa Melanie Bergmann. La sua ipotesi è supportata da ricerche passate condotte su granelli di polline, in cui gli esperti hanno confermato che il polline dalle medie latitudini viene trasportato dall'aria nell'Artico. Questi granuli hanno approssimativamente le stesse dimensioni delle particelle di microplastica; allo stesso modo, la polvere del Sahara può coprire distanze di 3.500 km o più, raggiungendo l'Atlantico nord-orientale.

I ricercatori dell'AWI hanno riscontrato la massima concentrazione di campioni raccolti vicino a una strada rurale della Baviera: 154.000 particelle per litro. Anche la neve nell'Artico conteneva fino a 14.400 particelle per litro. Anche i tipi di plastica trovati variano notevolmente tra i siti di campionamento: nell'Artico, i ricercatori hanno principalmente trovato gomma nitrilica, acrilati e vernice, che vengono utilizzati in una serie di applicazioni. Data la sua resistenza a vari tipi di carburante e un'ampia gamma di temperature, la gomma nitrilica viene spesso utilizzata nelle guarnizioni e nei tubi. Le vernici contenenti plastica sono utilizzate in diverse aree, ad esempio per rivestire le superfici di edifici, navi, automobili e piattaforme petrolifere offshore. Vicino alla strada rurale della Baviera, i campioni contenevano in particolare vari tipi di gomma, che viene utilizzata in innumerevoli applicazioni, come i pneumatici per autoveicoli.

Un aspetto interessante dello studio AWI: le concentrazioni di microplastica rilevate sono considerevolmente più alte di quelle degli studi condotti da altri ricercatori, ad esempio sui depositi di polvere. Secondo il dottor Gunnar Gerdts, ciò potrebbe essere dovuto a uno dei due motivi: “Innanzitutto, la neve è estremamente efficiente quando si tratta di lavare la microplastica dall'atmosfera. In secondo luogo, alla spettroscopia infrarossa che abbiamo utilizzato, che ci ha permesso di rilevare anche le particelle più piccole, fino a una dimensione di soli 11 micrometri.”

Gunnar Gerdts e i suoi colleghi hanno sciolto la neve e poi filtrata. Il residuo, intrappolato nel filtro, è stato quindi esaminato con un microscopio a infrarossi. A seconda del tipo di plastica, diverse lunghezze d'onda della luce infrarossa vengono assorbite e riflesse. In questo modo, un'impronta ottica può essere utilizzata per determinare quale tipo di plastica hanno trovato.

Mentre altri esperti selezionano la microplastica dai loro campioni a mano sotto il microscopio, il che può facilmente trascurare alcune particelle, il dottor Gunnar Gerdts utilizza il suo microscopio a infrarossi per testare tutti i residui, assicurando che a lui e al suo team difficilmente manchi nulla. “Abbiamo automatizzato e standardizzato la tecnica in modo da escludere gli errori che possono insinuarsi quando si utilizza l'analisi manuale.” Pertanto, non sorprende che le analisi condotte presso l'AWI abbiano prodotto concentrazioni di particelle particolarmente elevate.

Alla luce delle realtà meteorologiche, gli esperti dell'AWI sono convinti che gran parte della microplastica in Europa, e ancora di più nell'Artico, provenga dall'atmosfera e dalla neve. La dottoressa Melanie Bergmann dice: “Questo percorso di trasporto potrebbe anche spiegare le elevate quantità di microplastica che abbiamo trovato nel ghiaccio marino artico e nel mare profondo negli studi precedenti.”

Infine, c'è un'altra problematica chiave che motiva il suo lavoro. “Ad oggi non ci sono praticamente studi che indichino la misura in cui gli esseri umani sono soggetti a contaminazione di microplastica.” Inoltre, la maggior parte delle ricerche si è concentrata su come gli animali o gli esseri umani assorbono la microplastica da ciò che mangiano. Come spiega Melanie Bergmann: “Una volta stabilito che grandi quantità di microplastica possono essere trasportate anche per via aerea, si pone naturalmente la questione se e quanta plastica stiamo inalando. I risultati precedenti della ricerca medica offrono punti promettenti di partenza per lavorare in questa direzione.” Ancora un altro aspetto che merita uno sguardo più da vicino in futuro.

Riferimenti:

(1) White and wonderful? Microplastics prevail in snow from the Alps to the Arctic

(2) Melanie Bergmann

(3) Gunnar Gerdts

Descrizione foto: Gli scienziati dell'Alfred Wegener Institute usano l'elicottero da bordo della nave da ricerca rompighiaccio Polarstern per raccogliere campioni di neve. Anche nell'Artico la neve è inquinata da microplastiche. Credit: Alfred-Wegener-Institut / Mine Tekman.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Microplastic drifting down with the snow

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.