Mappata l'estensione dello sviluppo umano negli oceani


Mappata l'estensione dello sviluppo umano negli oceani

In una prima mondiale, è stata mappata l'estensione dello sviluppo umano negli oceani. Un'area di circa 30.000 chilometri quadrati - l'equivalente dello 0,008% dell'oceano - è stata modificata dalla costruzione umana.

Secondo uno studio, pubblicato su Nature Sustainability, (1) condotto dalla dottoressa Ana Bugnot (2) della University of Sydney School of Life and Environmental Sciences e del Sydney Institute of Marine Science trovato, l'estensione dell'oceano modificato dalla costruzione umana è, proporzionalmente, paragonabile all'estensione della terra urbanizzata e maggiore dell'area globale di alcuni habitat marini naturali, come le foreste di mangrovie e le praterie marine.

Se calcolata come l'area modificata inclusi gli effetti del flusso sulle aree circostanti, ad esempio, a causa dei cambiamenti nel flusso dell'acqua e dell'inquinamento, l'impronta è in realtà di due milioni di chilometri quadrati, o oltre lo 0,5 per cento dell'oceano.

La modifica oceanica include aree interessate da tunnel e ponti; infrastrutture per l'estrazione di energia (ad esempio, piattaforme petrolifere e del gas, parchi eolici); navigazione (porti e marine); infrastrutture per l'acquacoltura; e barriere artificiali.

La dottoressa Ana Bugnot ha affermato che lo sviluppo degli oceani non è una novità, ma negli ultimi tempi è cambiato rapidamente. Ella spiega: «È in corso da prima del 2000 aC. Quindi, ha sostenuto il traffico marittimo attraverso la costruzione di porti commerciali e ha protetto le coste basse con la creazione di strutture simili a frangiflutti. Dalla metà del XX secolo, tuttavia, lo sviluppo degli oceani è aumentato e ha prodotto risultati sia positivi che negativi.

Ad esempio, mentre le barriere coralline artificiali sono state utilizzate come “habitat sacrificale” per guidare il turismo e scoraggiare la pesca, questa infrastruttura può anche avere un impatto su habitat naturali sensibili come praterie marine, distese fangose e acquitrini, influenzando di conseguenza la qualità dell'acqua. Lo sviluppo marino si verifica principalmente nelle zone costiere, gli ambienti oceanici più ricchi di biodiversità e biologicamente produttivi.

I numeri sono allarmanti. Ad esempio, si prevede che le infrastrutture per l'energia e l'acquacoltura, compresi i cavi e le gallerie, aumenteranno dal 50 al 70 per cento entro il 2028. Eppure questa è una sottostima: c'è una scarsità di informazioni sullo sviluppo degli oceani, a causa della carente regolamentazione di questo in molte parti del mondo. C'è un urgente bisogno di una migliore gestione degli ambienti marini. Ci auguriamo che il nostro studio stimoli iniziative nazionali e internazionali, come la direttiva quadro sulla strategia per l'ambiente marino dell'UE, a una maggiore azione».

I ricercatori hanno attribuito la prevista espansione alla crescente necessità delle persone di difese contro l'erosione costiera e le inondazioni dovute all'innalzamento del livello del mare e ai cambiamenti climatici, nonché alle loro esigenze di trasporto, estrazione di energia e ricreazione.

Riferimenti:

(1) Current and projected global extent of marine built structures

(2) Ana Bugnot

Descrizione foto: Una mappa che mostra l'impronta fisica della costruzione navale a livello globale, in chilometri quadrati. - Credit: Ana Bugnot Nature Sustainability.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Humans' construction 'footprint' on ocean quantified

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.