Le rotte migratorie dei petrelli di Bulwer


Le rotte migratorie dei petrelli di Bulwer

I petrelli di Bulwer (Bulweria bulwerii) possono volare per oltre 1.800 chilometri sulle acque dell'oceano per trovare cibo.

Con lo scopo di nutrirsi, il petrello di Bulwer (1) riesce a volare per oltre 1.800 chilometri dall'arcipelago delle Canarie fino alle Azzorre. Questo dato è descritto in una nuova monografia scientifica basata sugli studi condotti, dal 2010 al 2018, da un gruppo di ricerca ecologica della marina Birds of the Faculty of Biology and the Biodiversity Research Institute of the University of Barcelona (IRBio), sotto la supervisione del professor Jacob González-Solís.

Il nuovo studio, condotto nella colonia riproduttiva nell'isola delle Canarie, Montaña Clara, a nord di Lanzarote, mostra le rotte migratorie e le aree di svernamento del petrello di Bulwer. Con i trasmettitori di dati ottenuti da 105 uccelli muniti con dispositivi di geolocalizzazione (GPS e GLS), 59 percorsi completi per trovare cibo e 48.597 posizioni geografiche, questo è lo studio scientifico più completo mai svolto finora sull'ecologia spaziale, la dieta, il modello giornaliero e annuale dei movimenti del petrello di Bulwer , una specie minacciata.

Il nuovo volume è la quarta monografia del programma Migra, promosso da SEO/BirdLife, con la collaborazione della Fondazione Iberdrola Spagna. Questa monografia, il cui primo autore è Marta Cruz Flores, ricercatrice presso UB-IRBIO e coordinatrice del Gruppo Iberico SEO/BirdLife per uccelli marini (GIAM), conta anche sulla partecipazione di Raül Ramos, Mariona Sardà-Serra, Sofía López e Teresa Militão (UB-IRBio).

In primo piano nella lista rossa degli uccelli minacciati in Spagna

La maggior parte della popolazione globale del petrello di Bulwer (Bulweria bulwerii) vive nell'Oceano Pacifico. Nell'Atlantico, questo uccello marino si riproduce regolarmente negli arcipelaghi delle Isole Canarie, Azzorre, Madera e Capo Verde. Questa specie, che trascorre la maggior parte del tempo in mare aperto, si avvicina alla terra - scogliere principali e cave di pietra - durante la sua stagione degli amori.

Al momento, la predazione da parte di mammiferi introdotti (ratti e gatti), la perdita dell'habitat naturale a causa delle urbanizzazioni costiere e l'inquinamento marino - che confonde gli uccelli durante il volo - sono le principali minacce per questa specie, elencate come minacciate dal Libro rosso di Uccelli spagnoli. Sono elencate circa 1.000 coppie di uccelli in Spagna.

Dove sono i petrelli di Bulwer durante l'anno?

Il nuovo studio rileva le due grandi strategie migratorie descritte per le popolazioni dei petrelli di Bulwer durante le stagioni invernali: una verso l'Atlantico centrale e l'altra verso l'Atlantico meridionale, e queste sono sempre su acque oceaniche che sono lontane dalle piattaforme continentali.

Da novembre a febbraio, i nutrimenti si trovano esclusivamente in queste zone di svernamento, alle quali ritornano ogni anno. In generale, gli uccelli che svernano nell'Atlantico centrale mostrano una migrazione a doppio senso verso una sola area di svernamento (tra 20º N e 10º S di latitudine). Per quanto riguarda la popolazione che sverna nell'Atlantico meridionale, quegli uccelli combinano periodi migratori con un massimo di cinque fermate migratorie (oltre 15 ° S e talvolta 30 ° S).

I maschi e le femmine si alternano per incubare l'unico uovo deposto

Durante la stagione riproduttiva, tra maggio e agosto, il petrello di Bulwer vola intorno alle Isole Canarie e raggiunge le Azzorre per trovare cibo. Questi viaggi si svolgono sulle acque oceaniche - dove vivono le prede - e sono viaggi a doppio senso in quanto l'uccello ritorna nella colonia riproduttiva. Sia i maschi che le femmine si alternano fino a 15 giorni per incubare l'unico uovo deposto, una strategia che consente loro di raggiungere grandi distanze, fino a 2,0

Dopo la schiusa dell'uovo - dopo 45 giorni di incubazione - l'uccello deve essere alimentato frequentemente e queste vie sono ridotte alla metà della loro normale estensione. In entrambe le fasi (incubazione e riproduzione), i petroli volano durante un periodo di tempo simile durante il giorno e la notte e non ci sono differenze nel tempo, nelle aree di distribuzione e nelle distanze fatte da entrambi i sessi.

Dopo la schiusa dell'uovo - dopo 45 giorni di incubazione - l'uccello deve essere alimentato frequentemente e queste vie sono ridotte alla metà della loro normale estensione. In entrambe le fasi (incubazione e riproduzione), i petrelli di Bulwer volano durante un periodo di tempo simile durante il giorno e la notte e non ci sono differenze nel tempo, nelle aree di distribuzione e nelle distanze fatte da entrambi i sessi.

Le tecniche di geolocalizzazione hanno anche permesso ai ricercatori di conoscere l'attività quotidiana di questi uccelli nel corso dell'anno. I petrelli di Bulwer riposano nelle acque superficiali durante il giorno e mostrano abitudini alimentari durante la notte. In particolare, si nutrono di prede - pesci, piccoli cefalopodi e alcuni crostacei - che si spostano in superficie per mangiare di notte.

Sfida: migliorare la gestione ambientale negli ecosistemi marini

Le minacce dei petrelli di Bulwer in mare aperto non sono ancora chiare, ma non vi è dubbio che l'effetto dei cambiamenti climatici sull'oceano sia uno di questi. Al fine di plasmare il futuro impatto del riscaldamento globale su questa specie - le popolazioni tropicali saranno le prime colpite - è essenziale conoscere l'attuale distribuzione delle popolazioni di petrelli di Bulwer. Pertanto, avere una buona gestione ambientale delle acque oceaniche in cui vivono i petroli di Bulwer durante l'anno sarà un elemento determinante per migliorare la futura conservazione di queste specie in pericolo.

La monografia Migración y ecología especial de la población española de petrel de Bulwer è stata presentata di recente, nell'ambito della XXIV Conferenza spagnola e della VII Conferenza ibera di ornitologia tenutasi a Cadice dal 13 al 17 novembre. Asunción Ruiz, assistente alla regia di SEO / BirdLife, il professor Jacob González-Solís e l'esperta Marta Cruz Flores, membri del gruppo di ricerca sull'ecologia degli uccelli marini (UB-IRBio) hanno partecipato alla presentazione.

Riferimenti:

(1) Bulweria bulwerii

Descrizione foto: durante la stagione riproduttiva, i maschi e le femmine si alternano per incubare l'unico uovo deposto e coprire le stesse aree di distribuzione nel tempo e nello spazio senza differenze di genere. - Credit: Raül Ramos (UB-IRBio).

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Bulwer's petrel can fly more than 1,800 kilometers over ocean waters to find food

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.