Le persone analfabete sono a rischio demenza


Le persone analfabete sono a rischio demenza

Le persone che non sanno leggere possono avere una probabilità tre volte maggiore di sviluppare demenza.

Una nuova ricerca ha scoperto che le persone che sono analfabete, nel senso che non hanno mai imparato a leggere o scrivere, possono avere un rischio quasi tre volte maggiore di sviluppare la demenza rispetto alle persone che sanno leggere e scrivere. Lo studio è stato pubblicato da Neurology, la rivista medica dell'American Academy of Neurology.

Secondo il Dipartimento della Pubblica Istruzione degli Stati Uniti, circa 32 milioni di adulti nel paese sono analfabeti.

“Essere in grado di leggere e scrivere consente alle persone di impegnarsi in più attività che usano il cervello, come leggere giornali e aiutare bambini e nipoti a fare i compiti”, ha detto l'autrice dello studio Jennifer J. Manly, Ph.D., (1) della Columbia University Vagelos College di Medici e chirurghi a New York. “Ricerche precedenti hanno dimostrato che tali attività possono ridurre il rischio di demenza. Il nostro nuovo studio fornisce ulteriori prove del fatto che leggere e scrivere possono essere fattori importanti per aiutare a mantenere un cervello sano”.

Lo studio ha esaminato le persone con bassi livelli di istruzione che vivevano nel nord di Manhattan. Molti sono nati e cresciuti nelle aree rurali della Repubblica Dominicana dove l'accesso all'istruzione era limitato. Lo studio ha coinvolto 983 persone con un'età media di 77 anni. Ogni persona è andata a scuola per quattro anni o meno. I ricercatori hanno chiesto a ogni persona: “Hai mai imparato a leggere o scrivere?” I ricercatori hanno quindi diviso le persone in due gruppi; 237 persone erano analfabete e 746 persone erano alfabetizzate.

I partecipanti hanno fatto esami medici e hanno sostenuto test di memoria e di pensiero all'inizio dello studio e agli appuntamenti di controllo che si sono verificati ogni 18 mesi o due anni. I test includevano il richiamo di parole non correlate e la produzione di quante più parole possibili quando veniva data una categoria come frutta o abbigliamento.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che erano analfabete, 83 su 237 persone, il 35%, avevano la demenza all'inizio dello studio. Delle persone che erano alfabetizzate, 134 su 746 persone, il 18%, avevano la demenza. Dopo essersi adattati per età, stato socioeconomico e malattie cardiovascolari, le persone che non sapevano leggere e scrivere avevano una probabilità quasi tre volte maggiore di avere la demenza all'inizio dello studio.

Quando i ricercatori hanno valutato la lingua, la velocità, le capacità spaziali e di ragionamento, hanno scoperto che gli adulti analfabeti avevano punteggi più bassi all'inizio dello studio. Ma i loro punteggi dei test non sono diminuiti a un ritmo più rapido con il progredire dello studio.

“Il nostro studio ha anche scoperto che l'alfabetizzazione era legata a punteggi più alti sulla memoria e ai test di pensiero in generale, non solo ai punteggi di lettura e lingua”, ha detto Jennifer J. Manly. Ella aggiunge: “questi risultati suggeriscono come la lettura può aiutare a rafforzare il cervello in molti modi che possono aiutare a prevenire o ritardare l'insorgenza della demenza. Anche se hanno solo pochi anni di istruzione, le persone che imparano a leggere e scrivere possono avere vantaggi per tutta la vita rispetto alle persone che non imparano mai queste abilità”.

Inoltre, la ricercatrice suggerisce che gli studi futuri dovrebbero valutare se investire più risorse nei programmi di insegnamento a leggere e scrivere con lo scopo di ridurre il rischio di demenza.

Nei test i ricercatori non hanno chiesto come o quando i partecipanti allo studio istruito imparassero a leggere e scrivere.

Lo studio è stato sostenuto dal National Institutes of Health e dal National Institute on Aging.

L'American Academy of Neurology è la più grande associazione al mondo di neurologi e professionisti delle neuroscienze, con oltre 36.000 membri. L'AAN (2) si dedica alla promozione di cure neurologiche centrate sul paziente di altissima qualità. Un neurologo è un medico con una formazione specializzata nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione di disturbi del cervello e del sistema nervoso come il morbo di Alzheimer, l'ictus, l'emicrania, la sclerosi multipla, la commozione cerebrale, il morbo di Parkinson e l'epilessia.

Riferimenti:

(1) Jennifer J. Manly

(2) American Academy of Neurology

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: People Who Cannot Read May Be Three Times as Likely to Develop Dementia

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.