Le nuove tecnologie non salveranno il pianeta


Le nuove tecnologie non salveranno il pianeta

I ricercatori della Lancaster University affermano che l'eccessivo affidamento alle promesse di nuove tecnologie per risolvere i cambiamenti climatici sta causando ritardi.

La loro ricerca pubblicata su Nature Climate Change (1) chiede la fine di un lungo ciclo di promesse tecnologiche e di obiettivi di cambiamento del clima riformulati.

Le proposte tecnologiche contemporanee per rispondere ai cambiamenti climatici includono la potenza di fusione nucleare, gigantesche macchine per aspirare il carbonio, il ripristino del ghiaccio con milioni di pompe eoliche e la spruzzatura di particolato nella stratosfera.

I ricercatori Duncan McLaren (2) e Nils Markusson (3) del Lancaster Environment Center spiegano: «Per quarant'anni, l'azione per il clima è stata ritardata dalle promesse tecnologiche. Le promesse contemporanee sono ugualmente pericolose. Il nostro lavoro espone come tali promesse hanno sollevato le aspettative di opzioni politiche più efficaci che diventano disponibili in il futuro, e in tal modo ha permesso una continua politica di prevaricazione e azione inadeguata.

La prevaricazione non è necessariamente intenzionale, ma tali promesse possono alimentare la 'corruzione morale' sistemica, in cui le élite attuali sono abilitate a perseguire percorsi egoistici, mentre trasferiscono il rischio a persone vulnerabili in futuro e nel sud del mondo.»

L'articolo descrive una storia di tali promesse, mostrando come l'obiettivo globale globale di “evitare pericolosi cambiamenti climatici” sia stato reinterpretato e rappresentato in modo diverso alla luce di nuovi metodi di modellizzazione, scenari e promesse tecnologiche.

I ricercatori sostengono che gli obiettivi, i modelli e le tecnologie si sono evoluti insieme in modi che consentano ritardi: «Ogni promessa di un romanzo non solo compete con le idee esistenti, ma minimizza anche qualsiasi senso di urgenza, consentendo il ripetuto differimento delle scadenze politiche per l'azione a favore del clima e minando l'impegno della società verso risposte significative. Mettere le nostre speranze in ancora più nuove tecnologie non è saggio. Invece, la trasformazione culturale, sociale e politica è essenziale per consentire un ampio dispiegamento delle risposte comportamentali e tecnologiche ai cambiamenti climatici.»

I ricercatori mappano la storia degli obiettivi climatici in cinque fasi: “stabilizzazione”, seguita da un focus su “riduzioni percentuali delle emissioni”, passaggio a “concentrazioni atmosferiche” (espresse in parti per milione), “budget cumulativi” (in tonnellate di carbonio diossido) e attualmente “temperature di risultato”.

  • Nella prima fase (intorno a Rio, 1992) le promesse tecnologiche includevano un miglioramento dell'efficienza energetica, un potenziamento su larga scala dei pozzi di assorbimento del carbonio e l'energia nucleare.
  • Nella seconda fase del vertice di Kyoto (1997) le politiche promettono di ridurre le emissioni con efficienza, cambio di carburante e cattura e stoccaggio del carbonio (CCS).
  • Nella terza fase (intorno a Copenaghen, 2009), la CCS è diventata collegata alla bioenergia, mentre la politica si è concentrata sulle concentrazioni atmosferiche.
  • La quarta fase ha visto lo sviluppo di sofisticati modelli di bilancio globale del carbonio e l'emergere di una gamma di tecnologie putative di emissioni negative.
  • La politica della quinta fase si è concentrata sempre più sui risultati della temperatura, formalizzata con l'accordo di Parigi del 2015.

Riferimenti:

(1) The co-evolution of technological promises, modelling, policies and climate change targets

(2) Duncan McLaren

(3) Nils Markusson

Descrizione foto: Secondo i ricercatori, riporre le nostre speranze in ancora più nuove tecnologie non è saggio. - Credit: Lancaster University.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Why relying on new technology won’t save the planet

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.