Le manguste femmine combattono per accoppiarsi


Le manguste femmine combattono per accoppiarsi

Le manguste fasciate femmine guidano i loro gruppi in combattimenti, quindi cercano di accoppiarsi con i maschi nemici nel caos della battaglia.

Le manguste lasciano raramente il gruppo in cui sono nate, il che significa che i membri sono solitamente geneticamente correlati - e il nuovo studio, pubblicato da Proceedings of the National Academy of Sciences (1) rivela come le femmine aggirino il problema della consanguineità.

Il team di ricerca - guidato dall'Università di Exeter e dall'Università di Cambridge - afferma che le femmine iniziano a combattere per i benefici genetici della ricerca di maschi non imparentati.

Nel frattempo, i maschi sopportano i costi di questi combattimenti, in cui feriti e morti sono comuni.

I ricercatori affermano che una “leadership di sfruttamento” di questo tipo, che si vede anche nella guerra umana, porta a conflitti frequenti e dannosi.

«Sappiamo da tempo che i gruppi di manguste fasciate spesso si impegnano in violente battaglie - e ora sappiamo perché», ha detto il professor Michael Cant, (2) del Center for Ecology and Conservation del Penryn Campus di Exeter in Cornovaglia.

Il professor Michael Cant continua: «Le femmine iniziano lotte tra gruppi per ottenere benefici genetici dall'accoppiamento con estranei, mentre i maschi all'interno del loro gruppo - e il gruppo nel suo insieme - ne pagano i costi. Una spiegazione classica per la guerra nelle società umane è la leadership da parte di individui sfruttatori che raccolgono i benefici del conflitto evitando i costi. In questo studio, dimostriamo che una leadership di questo tipo può anche spiegare l'evoluzione della grave violenza collettiva in alcune società animali».

La dott.ssa Faye Thompson, (3) dell'Università di Exeter, ha aggiunto: «Abbiamo testato il nostro modello utilizzando dati a lungo termine da manguste selvatiche a bande in Uganda. I risultati non si adattano a un modello eroico di leadership, in cui i leader contribuiscono maggiormente all'aggressione e sopportano i costi maggiori, ma piuttosto un modello di sfruttamento, in cui gli iniziatori del conflitto espongono gli altri a rischi maggiori mentre contribuiscono poco a combattere se stessi. I risultati suggeriscono che il “disaccoppiamento” dei leader dai costi delle loro scelte "amplifica la natura distruttiva del conflitto tra gruppi».

Il professor Rufus Johnstone (4) dell'Università di Cambridge, che ha guidato la ricerca teorica, ha affermato: «La leadership sfruttatrice nelle manguste fasciate aiuta a spiegare perché la violenza tra gruppi è così costosa in questa specie rispetto ad altri animali. I costi di mortalità coinvolti sono simili a quelli osservati in una manciata dei mammiferi più bellicosi, inclusi leoni, scimpanzé e, naturalmente, esseri umani».

Riferimenti:

(1) Exploitative leaders incite intergroup warfare in a social mammal

(2) Michael Cant

(3) Faye Thompson

(4) Rufus Johnstone

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Female mongooses start battles for chance to mate

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.