Le dinamiche territoriali degli scimpanzé


Le dinamiche territoriali degli scimpanzé

Il successo riproduttivo degli scimpanzé femmine diminuisce nel momento in cui è molto forte il conflitto territoriale con altri gruppi rivali.

Entrambe le specie, umani e scimpanzé, possono essere estremamente territoriali e le controversie tra i gruppi possono diventare violente, con le persone che si uccidono a vicenda. Nell'uomo, tale competizione tra i gruppi può degenerare in guerra e devastante perdite umane.

I ricercatori del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology hanno studiato gli scimpanzé selvaggi occidentali per scoprire se il comportamento territoriale può aver modellato contromisure. Un'importante strategia che è evidente sia negli umani che negli scimpanzé, ma rara nel resto del regno animale, è la capacità di lavorare insieme per raggiungere un obiettivo, ad esempio per difendere un territorio, anche se è insieme a individui che non sono parenti.

I ricercatori hanno testato se gli effetti della territorialità - la pressione che i gruppi vicini esercitano l'uno sull'altro da una parte e la capacità competitiva di un gruppo dall'altra - incidono sul successo riproduttivo femminile. Il successo riproduttivo è una misura di quanti geni di uno passano nella generazione successiva e quindi di quanta influenza hanno i tratti sulle generazioni successive. Utilizzando dati a lungo termine su quattro comunità di scimpanzé vicine che coprono diversi decenni della vita di questi animali, i ricercatori hanno dimostrato che la competizione tra i gruppi ha effetti negativi sul successo riproduttivo delle scimpanzé femmine selvatiche. La competizione tra gruppi sembra avere un impatto selettivo e potrebbe aver contribuito a modellare i tratti associati in questa specie.

Il dottor Sylvain Lemoine, (1) primo autore di questo studio, spiega: “abbiamo sviluppato un nuovo indice di pressione dei vicini che riflette il pericolo di intrusioni da parte di essi nel proprio territorio. Abbiamo dimostrato che l'alta pressione del vicino, durante il periodo in cui le donne dovrebbero riprendere la riproduzione, è associata a un ritardo nella riproduzione, portando a intervalli più lunghi tra le nascite. Inoltre, è emerso che anche avere molti maschi in un gruppo è vantaggioso e accelera la riproduzione.”

I ricercatori forniscono un'estesa analisi di sopravvivenza e dimostrano che l'alta pressione del vicino durante la gravidanza, ma non durante l'allattamento, è associata a una ridotta probabilità di sopravvivenza della prole, suggerendo che la competizione tra i gruppi ha effetti negativi sulle scimpanzé femmine in gestazione e quindi sulla prole non ancora nata. Gruppi di scimpanzé competono per lo spazio che comprende importanti risorse alimentari, quindi una probabile spiegazione di questi risultati è che le femmine sperimentano più stress quando la competizione tra i gruppi è elevata, ad esempio a causa di una perdita di territorio che porta a carenza nutrizionale o a causa di esposizione agli incontri di gruppi vicini, una situazione nota per innescare le risposte allo stress in questa specie.

La dottoressa Catherine Crockford, (2) una delle autrici di lo studio, aggiunge: “questi meccanismi fisiologici devono ancora essere esaminati, nonché la potenziale efficienza della cooperazione in gruppo per ridurre la pressione ricevuta dai vicini, come le pattuglie cooperative regolarmente osservate negli scimpanzé selvatici.”

“Per le specie altamente territoriali, inclusi gli umani, questi risultati hanno fatto luce su come la competizione tra gruppi avrebbe potuto agire come una pressione selettiva favorendo l'evoluzione di tratti particolari, come la cooperazione a livello di gruppo con i non parenti, e come ciò avrebbe potuto plasmare i nostri antenati”, conclude l'autore senior Roman Wittig. (3)

Questo studio, pubblicato da Current Biology, (4) fornisce prove delle forze sottostanti che potrebbero aver plasmato la cooperazione di gruppo nei nostri antenati fornendo vantaggi a coloro che sono in grado di cooperare.

Riferimenti:

(1) Sylvain Lemoine

(2) Catherine Crockford

(3) Roman Wittig

(4) Between-Group Competition Impacts Reproductive Success in Wild Chimpanzees

Descrizione foto: i conflitti territoriali tra gruppi vicini hanno effetti negativi sulle femmine gestanti e quindi sulla prole non ancora nata. - Credit: Liran Samuni.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Less offspring due to territorial conflicts

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.