Le correnti calde sciolgono il ghiaccio antartico


Le correnti calde sciolgono il ghiaccio antartico

Le correnti calde dell'oceano si infrangono sui bordi delle piattaforme di ghiaccio dell'Antartide. Questo fattore rende le piattaforme di ghiaccio più vulnerabili alla rottura.

Secondo un nuovo studio, correnti di acqua calda dell'oceano stanno erodendo i bassi bordi fratturati delle spesse e galleggianti piattaforme di ghiaccio antartiche, contribuendo a creare condizioni che portano alla loro rottura e al conseguente innalzamento del livello dei mari.

Le scoperte, pubblicate su Science Advances, (1) descrivono un nuovo processo importante per il futuro del ghiaccio dell'Antartide e per il conseguente innalzamento dei mari. I modelli e le previsioni non tengono ancora conto del preoccupante scenario recentemente compreso, che è già in corso.

“La circolazione di acqua calda sta attaccando le parti inferiori di queste piattaforme di ghiaccio nei punti più vulnerabili”, ha detto il ricercatore Alley, che ha conseguito il dottorato presso l'Università del Colorado Boulder, nel National Data and Ice Data Center, parte di CIRES. Il dottor Alley è ora assistente alla cattedra di Scienze della Terra presso il College of Wooster in Ohio.

I ricercatori hanno dimostrato che è più probabile che si formino grandi canali basali ai margini di taglio - le parti più deboli - delle piattaforme di ghiaccio a flusso rapido. Nonostante il ghiaccio è ancora sulla terra, grandi margini si formano nei margini di taglio, diventando punti sottili quando il ghiaccio scorre sull'oceano. L'acqua calda dell'oceano trova quei punti sottili lungo la base della piattaforma di ghiaccio, erodendo e indebolendo i margini. Questo meccanismo rende le piattaforme di ghiaccio più vulnerabili alla ritirata e al collasso.

In passato, i ricercatori non sapevano che i pennacchi caldi erano così comuni sotto i margini della piattaforma di ghiaccio. Il team del dottor Alley ha utilizzato le immagini satellitari per dimostrare che, alla fine dei margini di taglio su molti dei ghiacciai dell'Antartide che cambiano più rapidamente, l'acqua calda sale in superficie sciogliendo il ghiaccio marino e formando aree di mare aperto chiamate “polynyas”. Lo studio ha scoperto che queste “polynyas” si formano anno dopo anno negli stessi punti, il che significa che l'acqua calda si sta effettivamente incanalando sotto le fessure sottili e deboli della piattaforma di ghiaccio.

Questi processi sembrano avvenire sulle piattaforme di ghiaccio sia in Antartide che in Groenlandia, ha affermato Alley, sebbene il nuovo lavoro si concentri sui ghiacciai antartici.

Il team di ricerca ha pubblicato lavori precedenti incentrati sugli effetti dannosi dell'acqua di fusione sulla superficie delle piattaforme di ghiaccio. “Ora stiamo assistendo a un nuovo processo in cui l'acqua calda taglia gli scaffali dal basso”, ha detto il coautore il dottor Ted Scambos, (3) uno scienziato senior CIRES presso CU Boulder. “Come segnare una lastra di vetro, il trogolo rende debole lo scaffale e in pochi decenni è sparito, liberando la calotta glaciale per uscire più velocemente nell'oceano”.

Scambos e Alley torneranno in Antartide questo autunno, per continuare a lavorare sulla dinamica del ghiaccio del continente; Scambos è uno scienziato di spicco dell'International Thwaites Glacier Collaborative. (4)

Riferimenti:

(1) Troughs developed in ice-stream shear margins precondition ice shelves for ocean-driven breakup

(2) Ted Scambos

(3) International Thwaites Glacier Collaborative

Descrizione foto: le immagini satellitari mostrano polinesie (regioni di acque libere) che si formano alle estremità dei canali basali sotto i margini di taglio della piattaforma di ghiaccio del Getz orientale. Un nuovo studio chiarisce come l'acqua calda dell'oceano e la dinamica del ghiaccio cospirino per indebolire i bordi delle piattaforme di ghiaccio dell'Antartide, rendendole più vulnerabili alla rottura. - Credit: Karen Alley/The College of Wooster and NASA MODIS/MODIS Antarctic Ice Shelf Image Archive at the National Snow and Ice Data Center, CU Boulder.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Warm Ocean Water Attacking Edges of Antarctica's Ice Shelves

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.