La salute nella vecchiaia si costruisce nel corso della vita


La salute nella vecchiaia si costruisce nel corso della vita

La riduzione dell'assunzione di cibo aiuta sia gli animali che gli esseri umani a migliorare la salute in età avanzata e può prolungare la vita.

Quando devi cambiare la tua dieta per ottenere questo beneficio nella vecchiaia?

Gli scienziati dell'Istituto Max Planck per la biologia dell'invecchiamento, il Cluster di eccellenza per la ricerca sull'invecchiamento dell'Università di Colonia, l'Istituto Babraham di Cambridge e l'UCL hanno ora dimostrato che i topi diventano più sani solo se iniziano la riduzione del cibo in anticipo e mangiano meno prima di entrare età. Gli scienziati concludono che un comportamento sano deve essere stabilito prima nella vita al fine di migliorare la salute in età avanzata e prolungare la durata della propria esistenza.

Come possiamo rimanere in forma e in salute nella vecchiaia il più a lungo possibile? I ricercatori che invecchiano hanno una risposta semplice: mangiare di meno e in modo sano.

Ma quando devi iniziare ed è sufficiente se riesci a farlo solo per un breve periodo? Per indagare su questo, i ricercatori guidati da Linda Partridge, (1) direttore del Max Planck Institute for Biology of Aging, in uno studio sugli animali hanno messo a dieta topi giovani e meno giovani, con vari gradi di successo.

La riduzione dell'assunzione di cibo in età avanzata non ha effetti benefici

I topi vivono più a lungo e sono più sani in età avanzata se ricevono il 40% in meno di cibo dopo aver raggiunto l'età adulta rispetto agli animali a cui è permesso mangiare quanto vogliono. I topi a dieta sono alimentati con alimenti arricchiti con vitamine e minerali per prevenire la malnutrizione. Ma se l'assunzione di cibo viene inizialmente ridotta nei topi, iniziano a mangiare meno cibo quando sono già anziani, i ricercatori osservano poco o nessun effetto sull'aspettativa di vita dei roditori. D'altra parte, quando i topi sono autorizzati a mangiare quanto vogliono dopo un periodo di riduzione dell'assunzione di cibo, non hanno una protezione a lungo termine, quindi deve essere sostenuta una riduzione dell'assunzione di cibo affinché i topi ne traggano i benefici. Pertanto, la riduzione dell'assunzione di cibo deve essere attuata precocemente e mantenuta fino alla fine della loro vita per avere effetti positivi sulla salute in età avanzata.

“Una persona dovrebbe stabilire comportamenti sani all'inizio della vita. Potrebbe non essere utile per la salute cambiare la dieta più tardi nella vita. La salute in età avanzata è un affare per tutta la vita”, spiega la dottoressa Linda Partridge dell'Istituto Max Planck per la biologia dell'invecchiamento e UCL.

Effetto memoria nei tessuti adiposi

Ma perché i topi più anziani non reagiscono più al cambiamento nella dieta? Il dottor Oliver Hahn, primo autore dello studio e dottorando nel dipartimento di Partridge, ha studiato l'attività genetica in diversi organi. Mentre l'attività genetica nel fegato si è rapidamente adattata quando i topi sono trasferiti a una dieta limitata, gli scienziati hanno osservato un “effetto memoria” nel tessuto adiposo degli animali più anziani. Sebbene i topi perdano peso, l'attività dei geni nel tessuto adiposo è simile a quella dei topi che continuano a mangiare quanto vogliono.

Inoltre, la composizione grassa nei topi anziani non cambia tanto quanto nei topi giovani. Questo effetto memoria colpisce principalmente i mitocondri, i centri di potere delle cellule, che svolgono un ruolo importante nel processo di invecchiamento. Di solito, una ridotta assunzione di cibo porta ad una maggiore formazione di mitocondri nei tessuti adiposi. Ma lo studio ha dimostrato che questo non è più il caso in cui i topi più anziani passano a una dieta a basso contenuto calorico. Questa incapacità di cambiare a livello genetico e metabolico può contribuire alla durata ridotta di questi animali.

Il dottor Michael Wakelam, (2) autore e direttore del Babraham Institute ha commentato: “il potere sperimentale di integrare i dati sul metabolismo lipidico e le vie metaboliche con la comprensione specifica dei tessuti dell'espressione genica nei topi di età e diete diverse ci ha permesso di dimostrare chiaramente importanza di una memoria nutrizionale nel contribuire a un invecchiamento sano.”

Questa ricerca è stata pubblicata su Nature Metabolism. (3)

Riferimenti:

(1) Linda Partridge

(2) Michael Wakelam

(3) A nutritional memory effect counteracts the benefits of dietary restriction in old mice

Descrizione foto: i topi diventano più sani attraverso un cambiamento nella dieta se cominciano all'inizio della vita e vengono nutriti in questo modo anche durante la vecchiaia. - Credit: MPI f. Biology of Ageing/ Lisa F. Drews. - Restrizioni: limitazioni d'uso L'uso delle immagini è limitato alla copertura editoriale di argomenti scientifici relativi alle attività della Max Planck Society. Qualsiasi tipo di uso commerciale (incluso, in particolare, lo sfruttamento delle immagini mediante vendita o incorporazione in database di immagini o cataloghi di immagini) nonché qualsiasi uso / uso promozionale a fini di commercio, divulgazione a terzi o concessione di diritti relativi a non è espressamente consentito a terzi.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Health in old age is a lifelong affair

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.