L'inquinamento atmosferico danneggia la vista


L'inquinamento atmosferico danneggia la vista

Un ampio studio a lungo termine, condotto dai ricercatori dell'University College London (UCL), rivela che L'inquinamento atmosferico è legato a un rischio maggiore di perdita della vista progressiva e irreversibile, nota come degenerazione maculare legata all'età (AMD).

Gli scienziati hanno scoperto che le persone nelle aree più inquinate avevano almeno l'8% di probabilità in più di riferire di avere l'AMD (age-related macular degeneration), secondo i risultati pubblicati sul British Journal of Ophthalmology. (1)

L'autore principale, il professor Paul Foster (2) (UCL Institute of Ophthalmology), ha dichiarato: «Qui abbiamo identificato un altro rischio per la salute rappresentato dall'inquinamento atmosferico, rafforzando le prove che il miglioramento dell'aria che respiriamo dovrebbe essere una priorità fondamentale per la salute pubblica. I nostri risultati suggeriscono che vivere in un'area con aria inquinata, particolato particolarmente fine o particelle legate alla combustione che provengono dal traffico stradale, potrebbe contribuire alle malattie degli occhi. Anche un'esposizione relativamente bassa all'inquinamento atmosferico sembra avere un impatto sul rischio di AMD, suggerendo che l'inquinamento atmosferico è un importante fattore di rischio modificabile che favorisce le malattie degli occhi per un numero molto elevato di persone».

L'AMD è la principale causa di cecità irreversibile tra le persone sopra i 50 anni nei paesi ad alto reddito. Il numero globale previsto di persone con AMD è di circa 200 milioni, ma si prevede raggiungerà i 300 milioni entro il 2040. I fattori di rischio noti includono l'età avanzata, il fumo e il trucco genetico.

L'inquinamento atmosferico è stato implicato in condizioni cerebrali come il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson e l'ictus, mentre uno studio del 2019 dello stesso gruppo di ricerca ha scoperto che l'inquinamento atmosferico era collegato a un elevato rischio di glaucoma. L'esposizione al particolato è uno dei più forti predittori di mortalità tra gli inquinanti atmosferici.

Per vedere se l'inquinamento atmosferico potrebbe anche essere implicato nel rischio di AMD, i ricercatori hanno attinto ai dati di 115.954 partecipanti allo studio sulla biobanca britannica di età compresa tra 40 e 69 anni senza problemi agli occhi all'inizio di questo studio nel 2006.

Ai partecipanti è stato chiesto di segnalare qualsiasi diagnosi formale di AMD da parte di un medico. E i cambiamenti strutturali nello spessore e / o nel numero dei recettori della luce nella retina - indicativi di AMD - sono stati valutati in 52.602 dei partecipanti, per i quali erano disponibili dati completi nel 2009 e nel 2012, utilizzando l'imaging retinico (tomografia a coerenza ottica non invasiva o OCT).

Le misure dell'inquinamento atmosferico includevano quelle per il particolato (PM2,5), il biossido di azoto (NO2) e gli ossidi di azoto (NOx). Le stime per questi sono state fornite dalla Small Area Health Statistics Unit nell'ambito del progetto BioSHaRE-EU Environmental Determinants of Health. Le informazioni ufficiali sul traffico, l'uso del suolo e la topografia sono state utilizzate per calcolare i livelli medi annuali di inquinamento atmosferico presso gli indirizzi di casa dei partecipanti.

Il team di ricerca ha scoperto che le persone in aree con livelli più elevati di inquinamento da particolato fine avevano maggiori probabilità di riferire di avere l'AMD (in particolare, hanno riscontrato una differenza dell'8% nel rischio di AMD tra le persone che vivono nel 25° e 75° livello percentuale di inquinamento), dopo aver tenuto conto di fattori potenzialmente influenti come le condizioni di salute e lo stile di vita sottostanti. Tutti gli inquinanti, ad eccezione del particolato più consistente, erano associati a cambiamenti nella struttura retinica.

I ricercatori avvertono che questo studio osservazionale non può confermare la causa, ma i loro risultati sono in linea con le prove provenienti da altre parti del mondo.

Sebbene non possano ancora confermare un meccanismo, suggeriscono che l'inquinamento atmosferico potrebbe essere plausibilmente associato all'AMD attraverso stress ossidativo o infiammazione.

La dottoressa Sharon Chua (3) (UCL Institute of Ophthalmology), la prima autrice dell'articolo, aggiunge: «Una maggiore esposizione all'inquinamento atmosferico è stata anche associata alle caratteristiche strutturali dell'AMD. Ciò potrebbe indicare che livelli più elevati di inquinamento atmosferico possono rendere le cellule più vulnerabili ai cambiamenti negativi e aumentare il rischio di AMD».

Lo studio è stato finanziato da Moorfields Eye Charity, NIHR Biomedical Research Center presso Moorfields Eye Hospital NHS Foundation Trust e UCL Institute of Ophthalmology, Alcon Research Institute e International Glaucoma Association.

Riferimenti:

(1) Association of ambient air pollution with age-related macular degeneration and retinal thickness in UK Biobank

(2) Paul Foster

(3) Sharon Chua

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Air pollution linked to higher risk of sight loss from AMD

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.