Il declino della barriera corallina caraibica


Il declino della barriera corallina caraibica

Secondo una ricerca il declino della barriera corallina caraibica iniziò negli anni '50 e '60 a causa delle attività umane locali come la pesca e la bonifica delle terre.

Non molto tempo fa, le acque azzurre dei Caraibi contenevano ambienti sani e incontaminati della barriera corallina dominati dai coralli che costruiscono la barriera corallina che ospitano un terzo della biodiversità nella regione.

Ma le scogliere caraibiche di oggi impallidiscono rispetto a quelle che esistevano anche solo una generazione fa. Da quando i ricercatori hanno iniziato a studiare intensamente queste scogliere negli anni '70, circa la metà dei coralli dei Caraibi è morta. Gli iconici coralli di elkhorn e staghorn che un tempo dominavano le barriere coralline dei Caraibi sono stati i più colpiti, con solo il 20% della popolazione che rimane oggi.

Sebbene i ricercatori ritengano che la colpa sia del cambiamento climatico, della pesca e dell'inquinamento, la mancanza di dati di riferimento prima degli anni '70 ha reso difficile determinare i motivi precisi di questi decessi dei coralli. La ricercatrice dell'Arizona State University Katie Cramer (1) voleva documentare quando i coralli iniziarono a morire per cercare di identificare le principali cause della perdita dei coralli.

Ora, in un nuovo articolo pubblicato su Science Advances, (2) la dottoressa Cramer ha combinato dati fossili, registri storici e dati di sondaggi sottomarini per ricostruire l'abbondanza di corni di cervino ed elkhorn negli ultimi 125.000 anni. Ella scopre che questi coralli hanno iniziato a declinare negli anni '50 e '60, prima di quanto si pensasse. Questa tempistica è passata decenni prima che il cambiamento climatico impatti, indicando che le attività umane locali, come la pesca e la bonifica delle terre, preparano il terreno per il declino dei coralli diffusi che ora sta accelerando in risposta al riscaldamento degli oceani.

«Sono interessata a tornare sulla 'scena del crimine' nel periodo in cui gli umani hanno iniziato ad avere un impatto significativo sulle barriere coralline secoli fa, per capire quando, perché e quante scogliere sono state modificate dall'uomo», ha dichiarato Katie Cramer, assistente professore di ricerca presso il Julie Ann Wrigley Global Institute of Sustainability presso la Arizona State University e un Ocean Science Fellow presso il Center for Oceans (3) presso Conservation International.

Le precedenti radici locali di declino dei coralli di elkhorn e di staghorn negli anni '50 e '60 evidenziano l'urgenza di mitigare gli impatti umani locali sulle scogliere per consentire a questi coralli di riprendersi. «In un'era in cui le barriere coralline vengono colpite contemporaneamente da più fattori di stress umani, dobbiamo risolvere perché e quante barriere coralline sono cambiate nel corso della storia umana per informare le nostre risposte all'attuale crisi della barriera corallina.»

«Recenti studi stanno dimostrando che le barriere coralline sono più in grado di far fronte agli impatti dei cambiamenti climatici quando non sono pure stressate dalla pesca eccessiva e dal deflusso terrestre. Quindi cerchiamo ora di gestire questi problemi trattabili per dare alle barriere una migliore possibilità di resistere all'attuale crisi climatica», ha detto Katie Cramer.

Riferimenti:

(1) Katie Cramer

(2) Widespread loss of Caribbean acroporid corals was underway before coral bleaching and disease outbreaks

(3) Center for Oceans

Descrizione foto: il corallo di Staghorn può formare gruppi densi chiamati “boschetti” in acque molto basse, fornendo habitat importanti per altri animali della barriera corallina, in particolare i pesci. Il corallo di Elkhorn, insieme al corallo di cervo e ai coralli stellari, ha costruito barriere coralline caraibiche negli ultimi 5.000 anni. - Credit: NOAA.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Caribbean coral reef decline began in 1950s and '60s from human activities

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.