I cristalliti del geode di Pulpí


I cristalliti del geode di Pulpí

Il geode di Pulpí è un ovoide cavo di 11 metri con pareti a pannelli di cristallo.

È come quei familiari distici di interni in pietra ricoperti di cristalliti brillanti, ma così grandi che diverse persone possono adattarsi all'interno. I cristalli, di dimensioni fino a due metri, sono così trasparenti da sembrare cristalli di ghiaccio. In questo articolo per Geologia, Juan Manuel García-Ruiz e colleghi rivelano la storia geologica che si è conclusa con la formazione del geode di Pulpí.

Come i cristalli giganti di Naica in Messico (vedi l'articolo di geologia del 2007 di García-Ruiz e colleghi (1)), i cristalli di Pulpí sono gesso (solfato di calcio con due molecole d'acqua). García-Ruiz afferma: “Rivelare la loro formazione è stato un compito molto difficile perché, diversamente dal caso di Naica, dove il sistema idrotermico è ancora attivo, il grande geode di Pulpí è un ambiente fossilizzato”.

Il team ha effettuato uno studio sulla geologia e la geochimica della miniera abbandonata in cui è stato trovato il geode, inclusa una mappatura dettagliata dei lavori di estrazione sotterranea, che è stata utilizzata per consentire le visite turistiche nel sito minerario.

I geologi hanno scoperto che i cristalli di Pulpí (2), ( provincia di Almería - Spagna ) si sono formati a circa 20 °C, a una profondità ridotta in cui le fluttuazioni di temperatura del clima sono ancora percepibili. Queste fluttuazioni termiche, essendo al di sotto della massima solubilità del gesso (40 °C), hanno portato alla dissoluzione e alla ricristallizzazione amplificando un processo di maturazione noto come maturazione Ostwald.

García-Ruiz afferma: “Questo è in qualche modo simile ai cicli di temperatura nel controllo della qualità dei cristalli nei processi industriali”. Una fornitura continua di sale per la formazione dei cristalli è stata apportata dalla dissoluzione dell'anidrite (la forma anidra del solfato di calcio), il meccanismo che spiega la formazione dei grandi cristalli di Naica.

A causa della loro purezza, i cristalli che formano il geode non possono essere datati con precisione. Tuttavia, il vincolo indiretto può essere fatto: “Sono cresciuti di sicuro dopo l'essiccazione del Mar Mediterraneo avvenuta 5,6 milioni di anni fa. Probabilmente sono più giovani di due milioni di anni ma più di 60.000 anni perché questa è l'età del rivestimento della crosta di carbonato uno dei grandi cristalli di gesso”, conclude García-Ruiz.

Riferimenti:

(1) Formation of natural gypsum megacrystals in Naica, Mexico

(2) Il geode di Pulpí

Descrizione foto: questo è il geode di Pulpí. - Credit: Hector Garrido.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: The Giant Geode of Pulpí

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.