Geoingegneria per combattere i cambiamenti climatici


Geoingegneria per combattere i cambiamenti climatici

Uno studio del Carnegie Institution for Science indaga sull'efficacia della geoingegneria per contenere gli effetti dei cambiamenti climatici seminando l'atmosfera di particelle di aerosol.

Le maggiori eruzioni vulcaniche emettono particelle di cenere nell'atmosfera, che riflettono parte della radiazione solare nello spazio e raffreddano il pianeta. Ma questo effetto potrebbe essere ricreato intenzionalmente per combattere i cambiamenti climatici? Un nuovo documento in Geophysical Research Letters indaga. (1)

La geoingegneria solare è un approccio teorico per contenere gli effetti dei cambiamenti climatici seminando l'atmosfera con uno strato regolarmente riempito di particelle di aerosol rilasciate intenzionalmente. I sostenitori a volte lo descrivono come un vulcano "creato dall'uomo".

Il dottor Ken Caldeira, (2) ricercatore presso il Carnegie Institution for Science, dice: «A nessuno piace l'idea di armeggiare intenzionalmente con il nostro sistema climatico su scala globale. Anche se speriamo che questi approcci non debbano mai essere utilizzati, è davvero importante capirli perché un giorno potrebbero risultare necessari per aiutare ad alleviare la sofferenza.»

Ken Caldeira, insieme a Lei Duan di Carnegie (un ex studente dell'Università di Zhejiang), Long Cao dell'Università di Zhejiang e Govindasamy Bala dell'Indian Institute of Science, hanno iniziato a confrontare gli effetti sul clima di un'eruzione vulcanica e della geoingegneria solare. Hanno usato modelli sofisticati per studiare l'impatto di un singolo evento simile a un vulcano responsabile del rilascio di particelle fluttuanti nell'atmosfera per pochi anni e di una distribuzione geoingegneristica a lungo termine, che richiede il mantenimento di uno strato di aerosol nell'atmosfera.

Hanno scoperto che indipendentemente da come è arrivato lì, quando il materiale composto da particolato viene iniettato nell'atmosfera, si verifica una rapida diminuzione della temperatura superficiale, con il raffreddamento del terreno più veloce dell'oceano.

Tuttavia, l'eruzione vulcanica ha creato una differenza di temperatura maggiore tra la terra e il mare rispetto alla simulazione geoingegneristica. Ciò ha comportato diversi modelli di precipitazione tra i due scenari. In entrambe le situazioni, le precipitazioni diminuiscono sulla terra - il che significa meno acqua disponibile per molte persone che vivono lì - ma la diminuzione è stata più significativa in seguito a un'eruzione vulcanica rispetto al caso della geoingegneria.

«Quando un vulcano si spegne, la terra si raffredda sostanzialmente più velocemente dell'oceano. Ciò interrompe i modelli di pioggia in modi che non ci si aspetterebbe da un dispiegamento prolungato di un sistema di geoingegneria», ha detto l'autore principale Lei Duan. (3)

Nel complesso, gli autori affermano che i loro risultati dimostrano che, per le eruzioni vulcaniche, sono analoghi e imperfetti per la geoingegneria e che gli scienziati dovrebbero essere cauti nel basarsi troppo su di essi.

La Carnegie Institution for Science (4) è un'organizzazione privata senza fini di lucro con sede a Washington, DC, con sei dipartimenti di ricerca negli Stati Uniti. Dalla sua fondazione nel 1902, la Carnegie Institution è stata una forza pioniera nella ricerca scientifica di base. Gli scienziati di Carnegie sono leader in biologia vegetale, biologia dello sviluppo, astronomia, scienza dei materiali, ecologia globale e scienze della Terra e del pianeta.

Riferimenti:

(1) Climate Response to Pulse Versus Sustained Stratospheric Aerosol Forcing

(2) Ken Caldeira

(3) Lei Duan

(4) Carnegie Institution for Science

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Geoengineering versus a volcano / Foto: WEB

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.