Foreste dell'Europa alterate dal clima


Foreste dell'Europa alterate dal clima

A causa della siccità e del caldo, le foreste dell'Europa centrale hanno subito danni a lungo termine. Persino le specie arboree considerate resistenti alla siccità, come faggi, pini e abeti d'argento, hanno sofferto.

Nessun anno dall'inizio delle registrazioni meteorologiche è stato caldo e secco come il 2018. Una prima analisi completa delle conseguenze di questo evento di siccità e caldo mostra che le foreste dell'Europa centrale hanno subito danni a lungo termine. Persino le specie arboree considerate resistenti alla siccità, come faggi, pini e abeti d'argento, hanno sofferto. Lo studio internazionale è stato diretto dall'Università di Basilea, che sta conducendo un esperimento forestale unico in Europa.

Fino ad ora, il 2003 è stato l'anno più secco e più caldo da quando sono iniziate le registrazioni meteorologiche regolari. Quel record è stato ora infranto. Un confronto dei dati climatici di Germania, Austria e Svizzera mostra che il 2018 è stato significativamente più caldo. La temperatura media durante il periodo di vegetazione era di 1,2°C al di sopra del valore del 2003 e di 3,3°C al di sopra della media degli anni dal 1961 al 1990.

Parte dell'analisi, che è stata pubblicata dalla rivista Science Direct, (1) include le misurazioni effettuate nel sito di ricerca Swiss Canopy Crane II a Basilea, dove sono state condotte ampie ricerche fisiologiche nelle tettoie degli alberi.

L'obiettivo di queste indagini è comprendere meglio come e quando gli alberi sono colpiti dalla mancanza di acqua al fine di contrastare le conseguenze dei cambiamenti climatici attraverso misure di gestione mirate.

Quando gli alberi muoiono di sete

Gli alberi perdono molta acqua attraverso le loro superfici. Se anche il terreno si asciuga, l'albero non può sostituire questa acqua. Ciò è dimostrato dalla tensione di aspirazione negativa nel tessuto vascolare del legno. È vero che gli alberi possono ridurre il loro consumo d'acqua, ma se il serbatoio dell'acqua del suolo viene esaurito, alla fine è solo una questione di tempo fino a quando la disidratazione cellulare provoca la morte di un albero.

Misurazioni fisiologiche nel sito di ricerca di Basilea hanno dimostrato ai ricercatori che la tensione di aspirazione negativa e la carenza d'acqua negli alberi si sono verificate prima del solito. In particolare, questa carenza è stata più grave in tutta la Germania, Austria e Svizzera. Un fenomeno mai misurato prima. Nel corso dell'estate, quindi, in molte specie di alberi importanti per la silvicoltura sono comparsi gravi sintomi di stress legati alla siccità. Le foglie appassirono, invecchiarono e furono versate prematuramente.

Abete, pino e faggio più colpiti

La vera estensione dell'ondata di caldo estivo è diventata evidente nel 2019: molti alberi non hanno più formato nuovi germogli - erano parzialmente o totalmente morti. Altri erano sopravvissuti allo stress della siccità e del caldo dell'anno precedente, ma erano sempre più vulnerabili alle infestazioni di scarafaggi o ai funghi. Gli alberi con tettoie parzialmente morte, che hanno ridotto la capacità di riprendersi dal danno, sono stati particolarmente colpiti.

«L'abete rosso è stato maggiormente colpito. Ma è stata una sorpresa per noi che anche il faggio, l'abete d'argento e il pino siano stati danneggiati in questo modo», afferma il ricercatore capo, il professor Ansgar Kahmen. (2) Il faggio in particolare fino ad allora era stato classificato come “l'albero del futuro”, sebbene la sua presunta resistenza alla siccità sia stata oggetto di discussioni controverse sin dall'ondata di caldo del 2003.

Scenari futuri per combattere il caldo e la siccità

Secondo le ultime proiezioni, le precipitazioni in Europa diminuiranno fino a un quinto entro il 2085 e gli eventi di siccità e caldo diventeranno più frequenti. La riprogettazione delle foreste è quindi essenziale. «I boschi misti sono spesso propagati», spiega l'ecologo, il dottor Kahmen, «e certamente hanno molti vantaggi ecologici ed economici. Il fatto che i boschi misti sono anche più resistenti alla siccità non è stato ancora chiaramente dimostrato. Dobbiamo ancora studiare quali specie di alberi sono bene in quali combinazioni, anche dal punto di vista forestale. Ci vorrà molto tempo.»

Inoltre, dallo studio è emersa la possibilità di registrare solo in misura limitata gli impatti di eventi climatici estremi sulle foreste europee utilizzando metodi convenzionali, pertanto sono necessari nuovi approcci analitici.

«Il danno è evidente. Più difficile è precisamente quantificarlo e trarre le giuste conclusioni per il futuro», afferma Kahmen. I dati di osservazione della terra, provenienti dai satelliti, potrebbero aiutare a rintracciare la mortalità degli alberi su scala ridotta.

I modelli spaziali che contengono importanti informazioni ecologiche e forestali possono essere derivati da tali dati: quali specie di alberi sono state pesantemente colpite, quando e in quali luoghi e quali sono sopravvissute senza danni? «Un sistema come questo esiste già in alcune regioni degli Stati Uniti, ma l'Europa centrale ne manca ancora uno.»

Riferimenti:

(1) A first assessment of the impact of the extreme 2018 summer drought on Central European forests

(2) Ansgar Kahmen

Descrizione foto: In una foresta vicino a Basilea i ricercatori studiano gli effetti dei cambiamenti climatici sulla parte più importante e sensibile degli alberi. Un totale di 450 alberi tra i 50 e i 120 anni crescono nell'area di ricerca di 1,6 ettari. - Credit: University of Basel.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Heat stress: the climate is putting European forests under sustained pressure

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.