Farmaco di prova può bloccare SARS-CoV-2


Farmaco di prova può bloccare SARS-CoV-2

Un team internazionale, guidato dal dottor Josef Penninger, ha messo a punto un farmaco sperimentale che blocca efficacemente la porta cellulare utilizzata da SARS-CoV-2 per infettare i suoi ospiti.

I risultati, pubblicati su Cell, (1) promettono come un trattamento in grado di bloccare l'infezione precoce del nuovo coronavirus. Lo studio fornisce nuove informazioni sugli aspetti chiave di SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19 e le sue interazioni a livello cellulare, nonché su come il virus può infettare i vasi sanguigni e i reni.

Il dottor Josef Penninger, (2) professore della facoltà di medicina dell'University of British Columbia (UBC), direttore del Life Sciences Institute e Canada 150 Research Chair in Functional Genetics presso UBC, spiega: «questo lavoro nasce da una straordinaria collaborazione tra ricercatori e aziende accademiche, tra cui il gruppo gastrointestinale del dottor Ryan Conder presso la STEMCELL Technologies di Vancouver, Nuria Montserrat in Spagna, i Dottori Haibo Zhang e Art Slutsky di Toronto e in particolare il team di biologia infettiva del dottor Ali Mirazimi in Svezia, che hanno lavorato instancabilmente giorno e notte per settimane con l'intento di comprendere meglio la dinamica di questa malattia e fornire opzioni terapeutiche rivoluzionarie.»

ACE2 - una proteina sulla superficie della membrana cellulare - è ora al centro di questo focolaio come recettore chiave per la glicoproteina a picco di SARS-CoV-2. In un precedente lavoro, il dottor Penninger e colleghi dell'Università di Toronto e dell'Istituto di biologia molecolare di Vienna hanno identificato per la prima volta l'ACE2 e hanno scoperto che negli organismi viventi l'ACE2 è il recettore chiave della SARS, la malattia respiratoria virale riconosciuta come minaccia globale nel 2003. Il suo laboratorio ha anche continuato a collegare la proteina alle malattie cardiovascolari e all'insufficienza polmonare.

Mentre l'epidemia COVID-19 continua a diffondersi in tutto il mondo, l'assenza di una terapia antivirale, clinicamente provata o di un trattamento mirato specificamente al recettore ACS2 SARS-CoV-2 critico a livello molecolare, ha messo in estrema difficoltà gli operatori sanitari che lottano per trattare casi gravi di COVID-19.

«Il nostro nuovo studio fornisce prove dirette della necessità che un farmaco - chiamato APN01 (human recombinant soluble angiotensin-converting enzyme 2 - hrsACE2) - sarà presto testato in studi clinici dalla società biotecnologica europea Apeiron Biologics. È utile come terapia antivirale per COVID-19», afferma il dottor Art Slutsky, (3) scienziato presso il Keenan Research Center for Biomedical Science del St. Michael's Hospital e professore all'Università di Toronto che collabora allo studio.

Nelle colture cellulari analizzate nel presente studio, hrsACE2 ha inibito il carico di coronavirus di un fattore di 1.000-5.000. Nelle repliche ingegnerizzate dei vasi sanguigni umani e dei reni - organoidi cresciuti da cellule staminali umane - i ricercatori hanno dimostrato che il virus può infettare direttamente e duplicarsi in questi tessuti. Ciò fornisce informazioni importanti sullo sviluppo della malattia e sul fatto che casi gravi di COVID-19 presentano insufficienza multiorgano e evidenza di danno cardiovascolare. HrsACE2 di grado clinico ha anche ridotto l'infezione SARS-CoV-2 in questi tessuti umani ingegnerizzati.

«L'utilizzo di organoidi ci consente di testare in modo molto agile i trattamenti che sono già in uso per altre malattie o che stanno per essere convalidati. In questi momenti molto concitati, gli organoidi umani risparmiano il tempo che dovremmo sacrificare per testare un nuovo protocollo farmaceutico nell'ambiente umano», afferma la dottoressa Montserrat Pulido, Núria, (4) professoressa dell'ICREA presso l'Istituto di bioingegneria della Catalogna in Spagna.

Questa ricerca è stata sostenuta in parte dal governo federale canadese attraverso finanziamenti di emergenza incentrati sull'accelerazione dello sviluppo, dei test e dell'implementazione di misure per affrontare l'epidemia di COVID-19.

Informazioni sul Life Sciences Institute (LSI)

Il Life Sciences Institute (LSI) dell'Università della British Columbia conduce ricerche di base volte a migliorare la salute umana e planetaria. Sede di 17 prestigiose cattedre di ricerca canadesi, la LSI ospita team multidisciplinari che lavorano per sviluppare una comprensione globale degli organismi e dei sistemi viventi. I membri dei nostri nove gruppi di ricerca conducono ricerche di livello mondiale nel diabete, nelle malattie cardiovascolari, nella risposta immunitaria, nelle malattie infettive, nella biologia del cancro, nei disturbi dello sviluppo, nella regolazione batterica, nelle neuroscienze, nella biologia strutturale, nella microbiologia ambientale e nell'epigenetica molecolare.

Lanciato nel 2005 in collaborazione con le facoltà di scienze e medicina della UBC, LSI ospita i vivaci laboratori di ricerca di 87 investigatori provenienti da 15 dipartimenti di cinque facoltà. Collaboriamo alla 270.000 s.f. Il Life Sciences Center, dove sette strutture all'avanguardia all'avanguardia - che vanno dalla citometria a flusso alla microscopia crioelettronica e alla bioformatica - supportano scoperte che promettono benefici per la salute diretta per i canadesi e il Canada. (5)

Informazioni sulla University of British Columbia (UBC)

L'University of British Columbia è un centro globale per la ricerca e l'insegnamento, costantemente classificata tra le prime 20 università pubbliche del mondo. Dal 1915, lo spirito imprenditoriale della UBC ha abbracciato l'innovazione e sfidato lo status quo. UBC incoraggia i suoi studenti, il personale e la facoltà a sfidare le convenzioni, condurre la scoperta ed esplorare nuovi modi di apprendimento. Alla UBC, al pensiero audace viene dato un posto per sviluppare idee che possono cambiare il mondo. (6)

Informazioni sul St. Michael's Hospital

St. Michael's Hospital offre cure compassionevoli a tutti coloro che entrano nelle sue porte. L'ospedale offre anche un'eccellente educazione medica ai futuri operatori sanitari in oltre 27 discipline accademiche. Le cure critiche e i traumi, le malattie cardiache, la neurochirurgia, il diabete, la cura del cancro, l'assistenza ai senzatetto e la salute globale sono tra le aree di competenza riconosciute dell'ospedale. Attraverso il Keenan Research Center e il Li Ka Shing International Healthcare Education Center, che costituiscono l'Istituto di conoscenza Li Ka Shing, la ricerca e l'educazione presso l'ospedale di St. Michael sono riconosciute e hanno un impatto in tutto il mondo. Fondato nel 1892, l'ospedale è completamente affiliato all'Università di Toronto. (7)

Informazioni sul STEMCELL Technologies

STEMCELL Technologies è la più grande azienda biotecnologica canadese, con oltre 1.500 dipendenti e una crescita annua di circa il 20% negli ultimi 26 anni. Con sede a Vancouver, STEMCELL supporta la ricerca nel campo delle scienze della vita in tutto il mondo con oltre 2.500 reagenti, strumenti e servizi specializzati. STEMCELL offre terreni di coltura cellulare di alta qualità, tecnologie di separazione cellulare, strumenti, prodotti accessori e risorse educative che vengono utilizzati dagli scienziati nel campo delle cellule staminali, immunologia, cancro, medicina rigenerativa, microbiologia e terapia cellulare. (8)

Informazioni sull'Institute for Bioengineering of Catalonia

L'Institute for Bioengineering of Catalonia (IBEC) è un centro di ricerca multidisciplinare all'avanguardia con sede a Barcellona che conduce ricerche alle frontiere delle scienze di base e delle scienze della vita legate all'ingegneria per generare nuove conoscenze e applicazioni che aiutano a migliorare la salute e la qualità della vita. IBEC crea ricchezza mettendo insieme biofisica, ingegneria cellulare, nanomedicina, biomateriali, ingegneria dei tessuti e applicazioni della tecnologia dell'informazione alla salute. IBEC è una fondazione senza fini di lucro istituita nel 2005 dai Dipartimenti di salute e innovazione, Università e impresa del governo della Catalogna, Università di Barcellona e Università tecnica della Catalogna. (9)

Riferimenti:

(1) Inhibition of SARS-CoV-2 infections in engineered human
tissues using clinical-grade soluble human ACE2

(2) Josef Penninger

(3) Arthur Slutsky

(4) Montserrat Pulido, Núria

(5) Life Sciences Institute (LSI)

(6) University of British Columbia

(7) St. Michael's Hospital

(8) STEMCELL Technologies

(9) Institute for Bioengineering of Catalonia

Descrizione foto: nelle colture cellulari analizzate nel presente studio, hrsACE2 ha inibito il carico di coronavirus di un fattore di 1.000-5.000. - Credit: IMBA/Tibor Kulcsar.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Trial drug can significantly block early stages of COVID-19 in engineered human tissues

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.