Esplorazioni glaciali sottomarine in Groenlandia


Esplorazioni glaciali sottomarine in Groenlandia

Un veicolo telecomandato tra i ghiacciai della Groenlandia con lo scopo di stilare modelli più accurati per il futuro innalzamento del livello del mare.

È la prima linea del cambiamento climatico e potrebbe essere la chiave per prevedere l'innalzamento del livello del mare globale, ma ciò che accade sulla parete sottomarina dei ghiacciai della Groenlandia è un mistero per la scienza.

Ciò potrebbe cambiare nel 2023 con una nuova temeraria missione guidata dai ricercatori dell'University of Texas at Austin che esplorerà tre dei ghiacciai della Groenlandia con un robot sommergibile. In questo viaggio sarà la prima volta che i ghiacciai della Groenlandia, che costituiscono la seconda calotta glaciale più grande del mondo, saranno visti da vicino sott'acqua.

Progettato per operare nei mari coperti di ghiaccio dal partner del progetto, la Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI), il veicolo telecomandato Nereid Under Ice (NUI) sfiderà iceberg e maree per avvicinarsi ai piedi dei ghiacciai e tornare con dati e campioni.

L'obiettivo principale degli scienziati non è il ghiaccio glaciale, ma le pareti di sabbia naturale - o morene (detriti rocciosi trasportati a valle o ai bordi dal lento, ma incessante moto di scivolamento per gravità di un ghiacciaio) - che sostengono i ghiacciai e si pensa che stabilizzino naturalmente, ma in modo precario, la calotta glaciale. Ciò che apprenderanno i ricercatori rivelerà ciò che sta sostenendo i ghiacciai attraverso l'intera calotta glaciale della Groenlandia, il che potrebbe portare a proiezioni di modelli più accurati per il futuro innalzamento del livello del mare.

La dottoressa Ginny Catania, (1) professoressa alla Jackson School of Geosciences dell'UT che sta dirigendo il progetto, dice che «La grande incertezza nel contributo della Groenlandia all'innalzamento del livello del mare è la velocità con cui la calotta glaciale perderà massa. Siamo consapevoli dell'attuale livello del mare immagazzinato nella calotta glaciale, sappiamo che il clima si sta riscaldando con il conseguente mutamento della calotta glaciale, ma ciò che non sappiamo è la velocità con cui questi ghiacciai contribuiranno all'innalzamento del livello del mare».

Il progetto è finanziato dalla W.M. Keck Foundation, (2) una delle più grandi organizzazioni filantropiche della nazione, che sostiene l'eccezionale ricerca scientifica, ingegneristica e medica. La missione indagherà su tre ghiacciai nella Groenlandia occidentale che si trovano sul percorso del riscaldamento delle acque atlantiche, ma hanno risposto al cambiamento climatico in modi diversi. Dal 2000, il ghiacciaio Kangilliup Sermia ha subito solo una piccola ritirata, Umiammakku Sermiat si è ritirato rapidamente prima di stabilizzarsi di nuovo nel 2009 e Kangerlussuup Sermia è rimasto in gran parte inalterato dal riscaldamento.

«Offrono un buon banco di prova per idee su cosa stanno costruendo le morene e su come quei processi possono variare da un luogo all'altro», ha detto la professoressa Catania.

Le informazioni potrebbero anche essere cruciali per futuri progetti di geoingegneria. Alcuni scienziati hanno suggerito di costruire morene artificiali, come un modo per guadagnare tempo mentre il mondo passa a fonti di energia a basse emissioni di carbonio.

il veicolo telecomandato Nereid Under Ice (NUI) si farà strada sott'acqua fino alla parete di ciascun ghiacciaio, mappando la topografia del fondale marino mentre naviga. Una volta raggiunto il sito, gli operatori a bordo di una vicina nave di supporto guideranno a distanza il braccio manipolatore del robot per recuperare i nuclei di sedimenti dalle morene del ghiacciaio. Il veicolo raccoglierà anche campioni dagli enormi pennacchi di sedimenti che scaturiscono da sotto i ghiacciai.

Secondo il corresponsabile del progetto Mike Jakuba, (3) un ingegnere senior presso il Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI), il robot è stato progettato con livelli di ridondanza incorporati, inclusi più propulsori, pacchi batteria e sistemi di navigazione per consentirgli di operare in condizioni difficili lontano dalla sua nave di supporto.

Una fibra ottica lunga 10 miglia e sottile come un capello collega il Nereid Under Ice (NUI) alla sua nave di supporto, consentendo agli operatori di controllare le sue telecamere e il suo braccio. Il robot può ancora essere pilotato utilizzando l'acustica subacquea se la fibra si rompe e torna automaticamente a un punto di raccolta.

Il dottor Mike Jakuba (4) ha affermato che la missione aiuterà gli scienziati a comprendere il legame critico tra gli oceani del mondo e le calotte glaciali. «Se vogliamo capire meglio come sta cambiando il pianeta, la visione fin dall'inizio è quella di fornire un sistema in grado di proiettare la presenza umana in ambienti come questo. Grazie all'impiego del NUI questo obiettivo sarà raggiungibile.»

Il viaggio è previsto per la metà dell'estate 2023.

«Questa è una scienza ad alto rischio e ad alto rendimento, ma è esattamente il tipo di passo audace necessario per affrontare le questioni urgenti e socialmente rilevanti sui cambiamenti climatici e sui rischi geografici», ha affermato Demian Saffer, direttore del Texas Institute for Geophysics (UTIG). «Se avrà successo, potrebbe trasformare la nostra comprensione dell'innalzamento del livello del mare».

Le istituzioni partner includono l'University of Idaho, l'University of Florida e l'University of Texas Institute for Geophysics (UTIG), un'unità di ricerca di spedizione della UT Jackson School, In cui lavora la dottoressa Catania.

Riferimenti:

(1) Ginny Catania

(2) W.M. Keck Foundation

(3) Mike Jakuba

(4) Mike Jakuba

Descrizione foto:

Foto sinistra: Il ghiacciaio Kangerlussuup Sermia in Groenlandia, al centro della nuova esplorazione subacquea guidata da UT Austin. Credit: Luis Lamar.

Foto destra: Nereid Under Ice (NUI) con le porte del vano, contenenti gli strumenti, aperte e pronte a raccogliere campioni durante una spedizione del 2019 nell'Oceano Artico. La missione guidata dall'UT Austin si baserà sulla capacità del veicolo di operare nelle difficili condizioni presentate dall'ambiente sottomarino dei grandi ghiacciai della Groenlandia. Credit: Denis Felikson / Luis Lamar, per gentile concessione della Avatar Alliance Foundation.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Robotic Exploration of Uncharted, Underwater Glacial Walls Set for 2023