Elefanti in pericolo a causa del prezzo dell'avorio


Elefanti in pericolo a causa del prezzo dell'avorio

L'aumento del valore dell'avorio rappresenta una grave minaccia per le popolazioni di elefanti. Lo studio è il primo ad esporre le tendenze nel mercato globale dell'avorio dal divieto commerciale del 1989.

Secondo una nuova ricerca, il prezzo globale dell'avorio è aumentato di dieci volte dal suo divieto commerciale del 1989 inerente alla Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES). Lo studio della Veterinary School dell'Università di Bristol, pubblicato su Biological Conservation, (1) è il primo ad analizzare le tendenze dei valori del mercato globale dell'avorio dall'entrata in vigore del divieto.

I prezzi più alti del mercato dell'avorio portano a maggiori incentivi al bracconaggio che corrisponde a un numero maggiore di elefanti uccisi. Nonostante il divieto CITES sull'avorio, il bracconaggio, associato al suo commercio illegale, non ha impedito la sofferenza degli elefanti e si stima che causi una perdita annuale dell'8% nella popolazione mondiale di elefanti.

Utilizzando un ampio set di dati sui prezzi dell'avorio raccolti tra il 1989 e il 2017 da ricerche bibliografiche e visite ai mercati dell'avorio in Africa, Europa e Asia, insieme a informazioni come il tipo di prodotto in avorio (grezzo, lucido, intagliato), peso, regione e legalità, i ricercatori hanno determinato i fattori che determinano l'aumento dei prezzi dell'avorio.

Dopo il divieto, l'avorio è diventato un prodotto sempre più prezioso, con i mercati asiatici che hanno i prezzi più alti e l'Africa con i prezzi più bassi. Dai dati, i ricercatori hanno scoperto che il prezzo medio globale dell'avorio è aumentato di dieci volte (~ 1,019 per cento,) tra il 1989 e il 2014, e da allora sembra lentamente diminuire. I fattori che influenzano l'attività includono: dove nel mondo è stato venduto l'avorio; se l'avorio è stato scolpito o lavorato in qualche modo; la legalità della vendita; il volume totale di avorio che era stato stimato essere stato scambiato quell'anno.

La dottoressa Monique Sosnowski, autrice principale che ha svolto le ricerche presso la Bristol Veterinary School nell'ambito del suo Master in Global Wildlife Health and Conservation, ha dichiarato: “fino ad ora, si sa molto poco sui prezzi globali dell'avorio dal divieto internazionale del 1989. Speriamo che una maggiore comprensione dei fattori che determinano il prezzo dell'avorio porterà a interventi politici più efficaci che portino a un futuro più sicuro per la sopravvivenza a lungo termine di elefanti e altri animali che soffrono a causa del commercio di avorio.”

I ricercatori sperano che rivelando queste tendenze e le variabili relative alla determinazione dei prezzi, possano essere prese decisioni migliori in merito alle politiche globali sull'avorio. Comprendere le tendenze dei prezzi regionali e la domanda associata e sapere quali fattori influenzano il prezzo di mercato, può informare gli ambientalisti, le forze dell'ordine e i responsabili politici su dove concentrare gli sforzi in campagne anti-commercio, conservazione della fauna selvatica e istruzione. Ad esempio, concentrare le risorse limitate sugli sforzi per regolamentare maggiormente il commercio nell'Asia orientale, dove la domanda di avorio, e quindi il prezzo, è più elevato, potrebbe ridurre il bracconaggio e aumentare la sicurezza futura per gli elefanti.

I prossimi passi per il gruppo di ricerca includono l'incorporazione delle conclusioni in modelli bioeconomici. I modelli esistenti potrebbero essere modificati con l'andamento dei prezzi regionali e storici per migliorare la loro accuratezza e quindi applicati a studi di simulazione globali con lo scopo di sviluppare una politica più efficace. Ciò può aggiungere elementi di prova a supporto delle decisioni relative al divieto CITES sull'avorio, alle normative commerciali nazionali e alla gestione globale delle scorte di avorio.

Un quadro simile potrebbe essere applicato anche ad altre specie in pericolo di bracconaggio e commercio illegale dei loro prodotti, come rinoceronti e tigri, per realizzare nuovi sforzi coordinati di conservazione della fauna selvatica globale.

Riferimenti:

(1) Global ivory market prices since the 1989 CITES ban

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Increasing value of ivory poses major threat to elephant populations / Foto di pixabay.com

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.