Il riscaldamento globale degli oceani

Il riscaldamento globale degli oceani

Il confronto delle climatologie globali conferma il riscaldamento di tutti gli oceani.

Tutti gli oceani rappresentano la componente più importante del sistema climatico terrestre. Essi accumulano energia termica e trasportano il calore dai tropici alle alte latitudini, rispondendo molto lentamente ai cambiamenti nell'atmosfera.

Le climatologie a griglia digitale, che effettuano il monitoraggio di tutti gli oceani, forniscono utili informazioni di base per molte applicazioni oceanografiche, geochimiche e biologiche. Poiché sia l'oceano globale che la base osservativa stanno cambiando, necessitano aggiornamenti periodici delle climatologie oceaniche. Questo protocollo è in linea con le raccomandazioni dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale per fornire aggiornamenti decadali delle climatologie atmosferiche.

“La costruzione delle climatologie oceaniche consiste in diverse fasi, tra cui: controllare la qualità dei dati; aggiustare i pregiudizi strumentali; colmare le lacune di dati mediante un metodo di interpolazione adatto”, ha affermato il professore Viktor Gouretski (1) dell'Università di Amburgo, che è un borsista della Chinese Academy of Sciences President's International Fellowship Initiative (PIFI), presidente presso l'Institute of Atmospheric Physics, Chinese Academy of Sciences e autore di un rapporto recentemente pubblicato dall'Atmospheric and Oceanic Science Letters. (2)

Il dottor Viktor Gouretski spiega: “L'acqua di mare è essenzialmente un sistema a due componenti: con una dipendenza non lineare di densità su temperatura e salinità; con la miscelazione nell'interno dell'oceano che si svolge prevalentemente lungo le superfici isopicniche. pertanto l'interpolazione dei parametri oceanici deve essere eseguita su isopicnali (3) anziché su livelli isobarici, per minimizzare la produzione di masse artificiali d'acqua. Le differenze tra questi due metodi di interpolazione dei dati sono più pronunciate nelle regioni ad alta pendenza come la Corrente del Golfo, il Kuroshio e la corrente circumpolare antartica.”

Nel suo recente rapporto, il professor Gouretski ha presentato il nuovo esperimento World Ocean Circulation Experiment/ARGO Global Hydrographic Climatology (WAGHC), con temperatura e salinità mediate sulle superfici isopicne locali. Sulla base dei dati di alta qualità e dei profili di temperatura e salinità dei galleggianti ARGO, la nuova climatologia ha una risoluzione mensile ed è disponibile su una griglia 1/4° di latitudine/longitudine.

Il dottor Viktor Gouretski conclude: “Abbiamo confrontato i dati trasmessi dalla climatologia WAGHC con la climatologia a griglia WOA13 di NOAA. La climatologia WAGHC ha beneficiato dell'aggiunta di nuovi dati float ARGO e dei dati idrografici provenienti dalle regioni del Polo Nord. Le due climatologie caratterizzano gli stati oceanici medi basati su dati provenienti da 25 anni di rilevamenti. La media della differenza di temperatura WAGHC-minus-WOA13 mostra chiaramente il segnale di riscaldamento dell'oceano, con un aumento della temperatura media di 0,05 ° C per lo strato superiore di 1500 m dal 1984.”

Riferimenti:

(1) Viktor Gouretski

(2) A new global ocean hydrographic climatology

(3) Isopicnale

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: A new global ocean hydrographic climatology

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.