Le aquile arpie sono minacciate dalla deforestazione


Le aquile arpie sono minacciate dalla deforestazione

Secondo i ricercatori, la perdita di habitat a causa della deforestazione è la più grande minaccia che devono affrontare le aquile arpie.

Comprendere le relazioni specie-ambiente è fondamentale per definire la struttura spaziale delle distribuzioni delle specie e sviluppare piani di conservazione efficaci. Tuttavia, per molte specie, queste informazioni di base non esistono. Con dati di presenza affidabili, i modelli spaziali che prevedono intervalli geografici e identificano i processi ambientali che regolano la distribuzione sono un metodo rapido e conveniente per raggiungere questo obiettivo. Tuttavia, questi modelli spaziali mancano per molte specie rare e minacciate, in particolare nelle regioni tropicali.

Le aquile arpie (Harpia harpyja) sono rapaci della foresta neotropicale di interesse per la conservazione con una distribuzione continentale nelle foreste tropicali di pianura nell'America centrale e meridionale. Esse sono considerate da molti tra gli uccelli più spettacolari del pianeta. Sono anche tra i più sfuggenti, in genere evitano le aree disturbate dall'attività umana - quindi già svanite da porzioni del suo raggio d'azione - ed elencate dall'Unione internazionale per la conservazione della natura (Union for the Conservation of Nature - IUCN) come “quasi minacciate”.

Tuttavia, una nuova ricerca condotta dall'Università di Plymouth (Regno Unito) suggerisce che le stime dell'attuale distribuzione della specie stanno potenzialmente sovrastimando le dimensioni dell'intervallo.

Utilizzando una combinazione di avvistamenti fisici e dati ambientali, hanno sviluppato un quadro di modellazione spaziale che mira a stimare le distribuzioni attuali e passate in base alle condizioni di habitat preferite dagli uccelli.

Gli autori hanno quindi utilizzato il modello per stimare una dimensione dell'intervallo di corrente inferiore dell'11% rispetto a quella indicata dalla IUCN, con un'umidità climatica elevata che è il fattore più importante che influenza la distribuzione, seguita da una temperatura minima del mese più caldo di circa 27° C.

All'interno di un framework di modellazione del processo a punti (point process modeling - PPM), gli scienziati hanno utilizzato eventi di sola presenza con predittori climatici e topografici per stimare le distribuzioni attuali e passate e definire i requisiti ambientali utilizzando l'analisi dei fattori di nicchia ecologica. L'attuale previsione PPM aveva un'elevata precisione di calibrazione (Indice Continuous Boyce = 0,838) ed era robusta rispetto alle aspettative nulle (rapporto pROC = 1,407). Tre predittori hanno contribuito per il 96% alla previsione PPM, con l'indice di umidità climatica il più importante (72,1%), seguito dalla temperatura minima del mese più caldo (15,6%) e dall'indice di rugosità del terreno (8,3%). La valutazione della distribuzione nello spazio ambientale ha confermato gli stessi predittori che spiegano la distribuzione, insieme alle precipitazioni nel mese più piovoso. Il modello binario riclassificato ha stimato una dimensione dell'intervallo corrente inferiore dell'11% rispetto all'attuale poligono dell'intervallo IUCN (Union for the Conservation of Nature).

Sulla base delle proiezioni climatiche passate e future, i ricercatori hanno dimostrato che la distribuzione dell'aquila arpia rimarrà stabile nell'Amazzonia centrale, Guyana, Colombia orientale e Panama, rendendo queste regioni particolarmente importanti per la loro conservazione.

Al fine di garantire la loro persistenza futura, gli autori suggeriscono che le politiche di conservazione attuali e future come la riduzione della deforestazione e la risoluzione dei problemi di persecuzione dovrebbero prendere in considerazione tali modelli spaziali.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Ecology and Evolution (1) e ha coinvolto una collaborazione internazionale di ricercatori del Fondo Peregrine (Ecuador, Panama, USA) e dell'Università del KwaZulu-Natal (Sud Africa), con sede in Brasile.

Luke Sutton, (2) uno studente di dottorato presso la School of Biological and Marine Sciences dell'Università di Plymouth e autore principale della ricerca, ha dichiarato: «Le aquile arpie sono difficili da osservare e vivono a basse densità di popolazione. Il nostro studio mostra che la stabilità climatica futura prevista sarà nelle aree centrali con un vasto habitat di foreste tropicali di pianura. Ciò significa che la perdita di habitat a causa della deforestazione è la più grande minaccia che devono affrontare le aquile arpie e i piani di conservazione devono prendere tutto ciò in considerazione».

L'autore senior Dr Robert Puschendorf, (3) Docente di Biologia della Conservazione, ha aggiunto: «Più della metà di tutte le specie globali di rapaci ha popolazioni in declino. Quindi è peculiare capire di più su dove scelgono di vivere per individuare il modo migliore per continuare a conservare le popolazioni di rapaci. Il tipo di modello che abbiamo presentato qui manca per molte specie rare e minacciate, in particolare nelle regioni tropicali, ma può essere un modo rapido ed economico per indirizzare la pianificazione della conservazione delle specie minacciate».

Le aquile arpie sono tra le aquile più grandi e potenti del mondo e storicamente si estendevano nelle foreste tropicali di pianura dal Messico nel nord all'Argentina nel sud.

Tuttavia, si sono estinte localmente in alcune parti dell'America centrale e del Brasile durante il 20° secolo. Attualmente ci sono più programmi di conservazione in atto per comprendere meglio le dinamiche della popolazione e preservare l'habitat della foresta pluviale per garantire la sua futura sopravvivenza.

Riferimenti:

(1) Geographic range estimates and environmental requirements for the harpy eagle derived from spatial models of current and past distribution

(2) Luke Sutton

(3) Robert Puschendorf

Descrizione foto: Le aquile arpie sono considerate da molti tra gli uccelli più spettacolari del pianeta. - Credit: Everton Miranda/University of KwaZulu Natal.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Harpy eagles could be under greater threat than previously thought

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.